Come funziona l'assegnazione dei punteggi in MotoGp e nel motomondiale

Nella forma attuale, vengono premiati i pioti classificati dalla 1^ alla 15^ posizione. Ecco come è cambiato il sistema di assegnazione dal 1949 fino ai giorni nostri.

1 condivisione 0 commenti

di

Share

La classifica piloti MotoGP viene designata in base all'ordine di arrivo dei piloti nei 19 Gran Premi in calendario (dal 2020 potrebbero essere 20). Per ogni gara ai primi 15 piloti che tagliano il traguardo vengono assegnati dei punti in ordine decrescente che sommati vanno a definire la classifica finale e il titolo di campione del mondo al primo classificato. In caso di parità nel numero di punti, le posizioni finali sono decise sulla base del numero di risultati migliori (numero di primi posti, numero di secondi posti, ecc.). In caso di ulteriore pareggio si prende in considerazione la data nel campionato in cui è stato raggiunto il punteggio più alto, con precedenza all'ultimo risultato.

L'assegnazione del punteggio è cambiata diverse volte nel corso degli anni. Nel 1949, anno del primo Motomondiale, venivano premiati i primi cinque classificati (rispettivamente 10, 8, 7, 6, 5  punti) e l’autore del giro più veloce (1 punto). Dal 1950 al 1968 ad essere premiati erano i primi sei (8, 6, 4, 3, 2, 1) e non fu più assegnato il punto all’autore del giro veloce. Con il passare degli anni è aumentato il numero dei piloti premiati. Dal 1969 al 1987 erano i primi dieci a ricevere punti (15, 12, 10, 8, 6, 5, 4, 3, 2, 1).

Dal 1982 al 1991 il criterio per l'assegnazione dei punteggi è ulteriormente mutato: ad essere premiati sono i primi 15 (20, 17, 15, 13, 11, 10, 9, 8, 7, 6, 5, 4, 3, 2, 1), con un sistema molto simile a quello attuale, ad eccezione per la zona podio. Dopo una breve parentesi nel 1992, quando si ritorna alla concessione di punti solo ai primi 10, dal 1993 si ritorna alla top-15 così come la conosciamo oggi, con 25 punti per il vincitore, 20 per il secondo arrivato e 16 per chi sale sul gradino più basso del podio.

MotoGP, podio del GP di ValenciaGetty Images
Al primo classificato vengono assegnati 25 punti

L'assegnazione dei punteggi in MotoGP dal 1° al 15° posto

Oltre alla classifica dei piloti, in MotoGp esiste ovviamente anche la classifica costruttori, che si basa sempre sul punteggio assegnato ai piloti, ma si sommano solo i punti conquistati dal migliore piazzamento per gara di ogni scuderia. Nell'era MotoGP iniziata nel 2002 il vincitore con maggior numero di punti è Casey Stoner nel 2007, quando divenne campione del mondo con 367 punti, grazie a 10 vittorie, 4 podi, un quarto posto, due quinti posti e un sesto piazzamento, senza mai chiudere un GP a 0 punti. Di seguito i punteggi assegnati in MotoGP per ogni gara disputata:

  • 1° posto = 25 punti
  • 2° posto = 20 punti
  • 3° posto = 16 punti
  • 4° posto = 13 punti
  • 5° posto = 11 punti
  • 6° posto = 10 punti
  • 7° posto = 9 punti
  • 8° posto = 8 punti
  • 9° posto = 7 punti
  • 10° posto = 6 punti
  • 11° posto = 5 punti
  • 12° posto = 4 punti
  • 13° posto = 3 punti
  • 14° posto = 2 punti
  • 15° posto = 1 punto

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.