Venezia, fermato Tacopina: voleva salire in aereo con un tirapugni

Il manager è stato tenuto in custodia all'aeroporto JFK di New York. Poi la spiegazione: "Era soltanto un fermacarte, non sapevo fosse nella mia valigia".

198 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Brutta disavventura per il presidente del Venezia, Joe Tacopina. Il manager statunitense, che dall'ottobre del 2015 è diventato proprietario del club veneto attualmente in Serie B, è stato infatti tenuto in stato di fermo mentre si trovava a New York.

Il curioso fatto è stato raccontato sulle pagine del New York Post e sarebbe avvenuto nel pomeriggio di giovedì: l'ex dirigente di Roma e Bologna si trovava all'aeroporto John F. Kennedy per prendere il volo che lo avrebbe dovuto riportare in Italia.

Ma al momento del controllo bagagli, il presidente del Venezia è stato fermato dopo che la sua valigia è stata passata ai raggi X: all'interno infatti il personale di sicurezza della TSA (Transportation Security Administration) ha trovato un oggetto considerato pericoloso che poi si sarebbe rivelato un tirapugni.

Venezia, arrestato TacopinaGetty Images

Venezia, fermato a New York il presidente Tacopina: voleva imbarcarsi con un tirapugni

Tacopina è stato subito fermato con l'accusa di aver tentato di superare i controlli di sicurezza in possesso di un'arma. Secondo quanto riportato dal Post, il presidente del Venezia è stato trattenuto per circa 2 ore in aeroporto prima di essere rilasciato.

Il dirigente, che si è poi potuto regolarmente imbarcare su un volo successivo per rientrare in Italia, ha spiegato poi al quotidiano statunitense che quella che si trovava nel suo bagaglio non era un'arma.

Si tratta di un fermacarte che ho da 15 anni, non sapevo fosse nella mia valigia.

In serata è arrivato anche un comunicato rilasciato proprio dal Venezia, attualmente al 13esimo posto del campionato si Serie B, in cui è stata chiarita la situazione smentendo l'ipotesi per cui il presidente Tacopina sarebbe stato arrestato all'aeroporto JFK.

Il presidente Tacopina non è stato arrestato ma semplicemente fermato perché nella sua valigia c'era un fermacarte di metallo che non si poteva portare in aereo. Dopo il controllo, si è imbarcato regolarmente.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.