MotoGP, svelata la Yamaha M1. Valentino Rossi: "Siamo men in black"

Svelata la Yamaha MotoGP della stagione 2019. Valentino Rossi 'man in black': "Vinales e io siamo una buona coppia". Mercoledì in pista per il primo vero test invernale.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Quando in Italia non erano ancora le prime luci dell'alba è stata svelata la Yamaha YZR-M1 di Valentino Rossi e Maverick Vinales. Dopo la partnership quinquennale con Movistar, da quest'anno il main sponsor sarà il gigante delle bibite energetiche Monster che, inevitabilmente, ha dato un tocco del suo colore alla livrea della moto. In passato il colosso americano era già stato sponsor ma non in maniera così importante e non aveva condizionato i colori del prototipo. Come anticipato dal Dottore nella stagione 2019 di MotoGP vedremo una M1 nerazzurra e il team sarà denominato "Monster Energy Yamaha MotoGP Team".

La partnership commerciale con Monster ha una grande rilevanza visto che riguarderà anche le squadre di Supercross e Motocross. Sarà una Yamaha 'black style', il cupolino e il codone sono neri, lateralmente c'è una grande banda nera sulla quale è posizionata la M verde fluo del marchio (che compare anche su codone e cupolino). Cambierà anche l'abbigliamento dei piloti, perché sono neroazzurre anche le tute di Vale e Mack.

Concluso il diplomatico e celebrativo momento delle presentazioni adesso bisognerà capire quanto sarà cresciuta la M1 2019 in pista. Il primo banco di prova sarà il test MotoGP in programma a Sepang fra due giorni. Da mercoledì a venerdì si svolgerà una sessione di prove collettive dopo la shadewon dei collaudatori. La casa di Iwata dovrà confermare la nuova specifica del motore e abbinare la giusta calibratura elettronica per fare un primo e deciso passo avanti. Ma non basterà per tenere il passo di Repsol Honda e Ducati. I tecnici nipponici dovranno tirare fuori dal cilindro magico qualcosa di più per poter puntare seriamente al Mondiale.

MotoGP: ecco la nuova Yamaha YZR-M1 di Valentino Rossi
MotoGP: ecco la nuovissima Yamaha YZR-M1 di Valentino Rossi

MotoGP, Vinales: "Con Rossi litighiamo in pista, fuori siamo amici"

Le prime novità annunciate sono il nuovo numero di livrea di Maverick Vinales, che passa dal #25 al #12, oltre ad aver chiesto la sostituzione del capotecnico. Non ci sarà più l'esperto Ramon Forcada al suo fianco, bensì EstebanGarcia con cui ha già vinto un titolo iridato in Moto3 in sella alla KTM.

Questa è la moto più bella che abbia mai visto - ha commentato il pilota spagnolo -. Non vedo l'ora di iniziare, per me le vacanze sono state troppo lunghe, voglio essere sulla moto e vedere i passi in avanti. Mi sento più fiducioso con Esteban in squadra... Con tutti i cambiamenti che sono stati fatti con il mio equipaggio e la moto, sento che possiamo farcela.

Nella scorsa stagione il team di Iwata ha ottenuto una sola vittoria, ad opera di Vinales, che ha interrotto una lunga scia negativa che proseguiva dal GP di Assen 2017. Ma le intenzioni di team e piloti sono completamente diverse.

Ora è importante rimanere concentrati per mantenere il nostro buon livello. La Coppa del Mondo è lunga e quindi è importante che restiamo calmi... Ho imparato molto da tutti gli errori che ho fatto e dalle cadute che ho dovuto affrontare. E naturalmente conosci anche meglio la tua moto ogni anno. 

Il rapporto con Valentino Rossi può essere di grande aiuto al rider di Figueres, da cui può rubare qualche pillola di esperienza oltre a condividere i dati della telemetria.

Scambiamo i dati e, naturalmente, cerchiamo di condividere le nostre scoperte. Con la sua esperienza, ovviamente, conosce molti modi per essere veloce sulle piste. Quindi posso imparare molto da Valentino e ovviamente ne faccio tesoro. Io e Valentino litighiamo molto in pista, ma quando togliamo i nostri caschi, siamo di nuovo amici. Ed è esattamente quello che mi piace.

Valentino Rossi rincorre il 10° titolo mondiale

Per Valentino Rossi forse inizia l'ultimo biennio in MotoGP, o forse no. A condizionare la sua scelta saranno i risultati e la capacità della Yamaha di offrirgli una moto competitiva. Non è questo il momento di pensare agli addii, ma nel corso nella stagione 2018 il Dottore ha più volte alzato la voce contro i vertici dell'azienda per pretendere una nuova filosofia di lavoro.

Siamo un po' Men in Black - ha sorriso il pesarese nel presentare la livrea 2019 -. La moto sembra ottima, più aggressiva con il nero e il verde accanto al blu. È un peccato che le vacanze siano finite ma siamo eccitati e pronti per la nuova stagione. Penso che [Vinales ed io] siamo una buona coppia: è giovane - sfortunatamente, io non lo sono! - ma ho molta esperienza, litighiamo insieme in pista, ma abbiamo un buon rispetto fuori pista. Tutti i team ufficiali lavorano insieme ora, quindi seguiamo sempre ciò che Maverick fa con la moto: è veloce e coraggioso ed è bello averlo come compagno di squadra.

Valentino Rossi ha chiuso in crescendo il campionato dell'anno scorso, ma servono ulteriori step per poter puntare costantemente al podio. L'augurio è di vedere entrambe le Yamaha lottare fino alla fine per il titolo iridato, ma è scontato che bisognerà fare i conti con Marc Marquez e Andrea Dovizioso, in attesa di conoscere il vero potenziale di Jorge Lorenzo in Honda.

La cosa più importante sono sempre i risultati, veniamo da una stagione difficile... Spero di lottare per il titolo a Valencia contro Maverick - ha aggiunto il numero 46 -. Il test di Sepang questa settimana è molto importante perché è la prima opportunità per il team di riunirsi e provare tutto ciò su cui Yamaha ha lavorato durante l'inverno. Le nostre prestazioni sono migliorate verso la fine della scorsa stagione, ma vogliamo e dobbiamo compiere ulteriori passi importanti, quindi dobbiamo lavorare sodo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.