Juventus: Dybala, niente multa, ma è gelo con il club

L'argentino non sarà multato per aver lasciato la panchina in anticipo, ma avrà un richiamo dalla società. Una grana in più in vista degli ottavi di Champions League.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

È ufficiale: fra la Juventus e Paulo Dybala è sceso il gelo. E non solo per la battuta con la quale Allegri ha liquidato il caso dell'argentino, rientrato anzitempo negli spogliatoi a pochi minuti dalla fine del match contro il Parma - "Avrà avuto freddo" - ma per uno scontento di fondo che rischia di lasciare tracce profonde.

I fatti: sabato, nel match dello Stadium Paulo comincia in panchina, confinatovi dal rientro di Mandzukic che va a comporre il tridente con Douglas Costa a sostegno di Cristiano Ronaldo. Non è la prima volta, ma lui abbozza.

Dopo un tempo il brasiliano viene sostituito da Bernardeschi e passi, poi tocca a Khedira uscire, sostituito da Bentancur, e ci sta, ma quando all'86' si fa male anche l'ex viola e Max manda in campo Emre Can, Dybala ne ha abbastanza e si avvia sconsolato verso gli spogliatoi.

Juventusgetty
Dybala in panchina alle spalle di Allegri

Juventus, Dybala: niente multa, ma adesso è gelo col club

Marotta non c'è più, ma la Juventus è sempre quella: certi comportamenti poco professionali non possono essere tollerati. Questa volta non è prevista una multa, ma il richiamo ufficiale del club è quasi peggio, come una staffilata sul fianco. E fa male. Fa male perché giunge nel mezzo di una stagione poco "allegra" per la Joya, che sembra aver perso il feeling col gol e ha conosciuto sempre più spesso la panchina.

Abituato a essere al centro dell'attenzione, l'argentino ha forse dato per scontato ciò che scontato non è, soprattutto se in squadra c'è uno come Cristiano Ronaldo. Preso per essere l'X-Factor bianconero, il portoghese ha di fatto provocato il sacrificio immediato di Higuain - 55 gol in due stagioni a Torino - e, più strisciante, lo scontento di Paulo che, insieme al Pipita, ne aveva realizzati 45: una coppia da 100 gol in due anni, insomma.

Dybalagetty

Le voci di calciomercato, ovviamente, impazzano, col PSG in prima fila, soprattutto se dovesse partire uno fra M'Bappe o Neymar, e il Real Madrid in agguato. Sì, perché Dybala è sempre stato un pallino di Florentino Perez e - nonostante i soli 2 gol segnati in questo campionato - la cifra di 100-110 milioni che la Juventus vorrebbe ricavare dall'eventuale cessione della Joya non sarebbe un problema per un Real Madrid che vuole tornare competitivo ai più alti livelli. Allo stesso tempo i bianconeri stanno guardandosi intorno in cerca di un sostituto: in cima alla lista c'è da tempo un altro grande scontento, guarda caso della Casa Blanca, come Isco. Più staccati James, in bilico fra Bayern Monaco e Real, ed Eriksen. Ma per ora la priorità è ricompattare gli animi, la Coppa Italia è sfumata, e passi, ma fra il 20 febbraio e il 12 marzo c'è il dentro o fuori con l'Atletico Madrid per andare avanti in Champions League: è d'obbligo che la Joya torni a sorridere.

Paulo Dybalagetty

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.