Premier League, in caso di addio a Sarri il Chelsea pensa a Mourinho

Secondo il conduttore di talkSPORT Adrian Durham il clamoroso avvicendamento potrebbe avvenire a fine stagione. L'alternativa è Frank Lampard.

611 condivisioni 0 commenti

di

Share

La rotonda e convincente vittoria per 5-0 sull'Huddersfield Town ultimo, le doppiette del figliol prodigo Gonzalo Higuain e di Eden Hazard, il campione con cui ha un rapporto complicato, la rete del rigenerato David Luiz: la 25esima giornata di campionato porta soltanto buone notizie a Maurizio Sarri e al suo Chelsea, che in attesa di Manchester City-Arsenal si gode il quarto posto in solitaria in Premier League e spazza via le critiche che hanno investito in settimana il tecnico italiano.

Reduci dalla pesante batosta subita in casa del Bournemouth, un netto 4-0 che aveva improvvisamente messo sotto processo tutto il lavoro fatto da inizio stagione da Sarri, i Blues rialzano la testa nel momento più difficile, favoriti anche da un calendario che ha permesso a Jorginho e compagni di vedersela con una squadra che già da tempo sembra aver salutato la Premier League. Tuttavia la sensazione è che il tecnico ex Napoli resti sotto esame, e una sua eventuale permanenza a Stamford Bridge potrebbe arrivare soltanto nel caso in cui la squadra riesca a centrare la qualificazione alla prossima Champions League.

Un obiettivo tutt'altro che scontatto per il Chelsea, che dopo aver stupito l'Inghilterra con un inizio di stagione entusiasmante e con un gioco, il "Sarri-ball", che lo aveva portato addirittura a condurre la Premier League ha accusato un calo in inverno: a secco di gol e di idee, i Blues hanno cominciato a perdere terreno dal gruppo di testa fino a ritrovarsi coinvolti nella lotta per il quarto posto, l'ultimo valido per l'Europa che conta e per il quale sarà necessario spuntarla su Arsenal e Manchester United. Non dovesse farcela, Maurizio Sarri potrebbe concludere la sua esperienza inglese dopo appena una stagione, aprendo la strada a un clamoroso ritorno di José Mourinho.

Premier League, Mourinho e Lampard i candidati per il post-SarriGetty Images
José Mourinho discute con Frank Lampard: i due hanno avuto un ottimo rapporto al Chelsea, quando il secondo era ancora un calciatore, e potrebbero rappresentare il futuro del Chelsea in caso di partenza di Maurizio Sarri

Premier League, e se Mourinho tornasse al Chelsea?

A sostenerlo è Adrian Durham, presentatore e giornalista presso talkSPORT e da sempre noto in Inghilterra per le sue opinioni schiette e fuori dagli schemi che in seguito all'ondata di critiche che aveva investito Maurizio Sarri dopo la sconfitta contro il Bournemouth ha affermato che la panchina del tecnico italiano sarebbe effettivamente a rischio e che tutto dipenderà da come il Chelsea concluderà la stagione, la prima sotto la guida del profeta del "Sarri-ball".

A giugno Roman Abramovich trarrà le somme, e non bisogna dimenticare che il patron dei Blues non è uomo da accontentarsi: persino il quarto posto potrebbe non salvare Sarri - non bisogna dimenticare che Conte fu mandato via dopo due anni che avevano portato una vittoria in Premier League e una FA Cup! - e soprattutto potrebbe essere lo stesso ex tecnico del Napoli a lasciare, stressato da un mondo come quello del calcio inglese che non concede pause e non conosce mezzi termini.

E chi potrebbe arrivare al posto di Sarri? Durham non indugia e fa il nome di José Mourinho, già al Chelsea tra il 2004 e il 2007 e poi dal 2013 al 2015: lo Special One potrebbe tornare a giugno per una terza esperienza a Stamford Bridge. Viene da pensare che non sia una sparata campata in aria, dato che lo stesso conduttore britannico in passato aveva inserito proprio Sarri in una lista relativa a "10 allenatori migliori dello Special One" insieme a nomi come Simeone, Deschamps, Pochettino e Klopp.

Chi dopo di lui? Beh, Mourinho è libero, potrebbe succedere o no? Certo che potrebbe succedere. È disponibile, e sicuramente potrebbe accettare.

Premier League, Sarri saluta HiguainGetty Images
Alla terza gara in Inghilterra il Pipita si sblocca: contro l'Huddersfield ultimo Gonzalo Higuain ha messo a referto una splendida doppietta.

L'alternativa è Frank Lampard

Non è finita qui. Sulla scia di quanto successo al Manchester United, che proprio liberandosi di Mourinho e affidandosi a Ole Gunnar Solskjaer è tornato un candidato credibile per un posto in Champions League, Durham suggerisce che se non dovesse essere trovato un accordo per il ritorno dello Special One ecco che il Chelsea potrebbe rivolgersi a una leggenda del club, un ex giocatore che conosce bene l'ambiente e avrebbe il supporto della tifoseria: Frank Lampard.

L'alternativa è Frank Lampard. Se guardiamo a quello che ha fatto il Manchester United affidandosi a Ole Gunnar Solskjaer possiamo intuire che affidarsi a una leggenda del club a volte può essere la soluzione migliore, che calza perfettamente come un guanto. Si sta già facendo le ossa al Derby County, e le cose stanno andando molto bene. Vi immaginate Lampard alla guida del Chelsea al posto di Sarri? Io non penso proprio che potrebbe rifiutare.

Appesi gli scarpini al chiodo nel 2016 dopo un'esperienza biennale nella Major League Soccer, Frank Lampard ha cominciato la sua prima esperienza come allenatore in questa stagione al Derby County, che sotto la sua guida occupa attualmente il settimo posto in Championship, la seconda serie inglese. Che possa essere un candidato adeguato per la panchina di un club tanto ambizioso come il Chelsea è tutto da vedere, così come in realtà andrebbe verificato quanto potrebbe interessare alle parti in causa un ritorno di Mourinho.

Credibili o meno, queste voci potrebbero essere destinate a restare tali: tutto dipenderà infatti da Maurizio Sarri, che dopo un momento di crisi potrebbe aver ripreso il controllo di un Chelsea che sta sempre più plasmando a sua immagine e somiglianza e al quale in fondo, nelle ultime settimane, erano mancati soprattutto i gol. Se Higuain riuscirà a tornare quello di Napoli, sotto la guida del suo mentore e in un sistema di gioco costruito per esaltarlo, la conferma del profeta del Sarri-ball sarà soltanto una formalità.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.