Atletica, Filippo Tortu torna a Berlino per i 60 metri del meeting ISTAF

Filippo Tortu torna a Berlino per disputare il secondo 60 metri della stagione invernale sei mesi dopo il quinto posto nella finale dei 100 metri in 10”08 agli ultimi Europei disputati nella capitale tedesca.

Atletica, Tortu fa tappa a Berlino per i 60 metri del meeting ISTAF Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il primatista italiano dei 100 metri sarà tra le stelle del meeting ISTAF Indoor nella Mercedes Benz Arena, impianto da 12000 spettatori per una serata di atletica show con musica e luci da discoteca. Tortu ha raccontato più volte di essere rimasto affascinato dall’atmosfera calorosa ed elettrica vissuta l’anno scorso, quando si classificò secondo sui 60 metri in 6”62 alle spalle del cinese Su Bingtian. Il primo velocista italiano ad infrangere il muro dei 10 secondi sui 100 metri ha esordito nella stagione indoor 2019 con un ottimo 6”58, record italiano under 23 e sesta migliore prestazione italiana di sempre a sette centesimi dal record nazionale di Michael Tumi. La prestazione di Tortu si colloca al primo posto delle liste europee dell’anno e al sesto delle graduatorie mondiali guidate attualmente dell’astro nascente Grant Holloway con il 6”51 realizzato a Fayetteville.

Sulla pista blu indoor dello stesso colore di quella dell’Olympiastadion lo sprinter brianzolo di origini sarde ritroverà il britannico Reece Prescod, medaglia d’argento degli Europei di Berlino in 9”96 nella finale più veloce della storia della manifestazione continentale, vincitore nella tappa della Diamond League di Shanghai e autore di un personale di 9”94. Gli altri protagonisti saranno l’ivoriano Arthur Cissé, sprinter da 9”94 sui 100 metri e vincitore al meeting di Parigi sui 60 metri in 6”60, l’intramontabile olandese originario di Curacao Churandy Martina (campione europeo ad Amsterdam 2016 sui 100 metri), il giovane tedesco Kevin Kranz (6”61 in questa stagione), il primatista tedesco Julian Reus e l’altro velocista di casa Lucas Jakubzcyk, che torneranno in gara dopo la rovinosa caduta nella staffetta 4x100 agli Europei di Berlino. Le batterie sono in programma alle 18.55, mentre la finale è fissata per le 19.55.

Filippo Tortu:

L’obiettivo è un buon piazzamento. Abbiamo deciso di partecipare perché ci sono atleti di spessore. Ottenere un buon piazzamento sarebbe anche più importante del riscontro cronometrico. Il tempo che volevo ottenere sui 60m l’ho già realizzato ad Ancona, ma punto a fare sempre meglio. Scendere di 4 centesimi di secondo non è poco. E’ stata una delle gare più belle che abbia mai corso, c’era un’atmosfera mai vista. Avverto tutto questo calore intorno a me, mi fa davvero piacere. Sapere che così tante persone mi sostengono e mi seguono anche in diretta televisiva, è un grande stimolo. Mi sprona a dare sempre qualcosa di più. Stiamo dando uno scossone a tutto il movimento e di questo sono felice

Oltre 12000 biglietti sono stati venduti per la quinta edizione dell’ISTAF, versione indoor del celebre meeting all’aperto che si svolge ad inizio Settembre all’Olympiastadion. Il meeting propone un programma compatto con poche gare con una formula divertente e accattivante, che punta a coinvolgere le nuove generazioni e le famiglie. In gara ci saranno tanti protagonisti dell’indimenticabile Europeo della magica estate berlinese.

Martin Seeber, Meeting Director di ISTAF Berlin

L’ISTAF Indoor offrirà ancora una serata di sport e di spettacolo. Gli spettatori aspettano un programma di sette gare ricche di stelle, mentre gli atleti respireranno l’atmosfera unica di Berlino. L’innovazione di quest’anno è l’introduzione di una Fan Zone dove gli appassionati potranno incontrare gli atleti e chiedere loro un autografo o un selfie. Vogliamo ridurre la distanza tra gli atleti e i fans e rendere i nostri campioni accessibili a tutti

60 metri femminili: Luckenkemper corre nella città delle due medaglie europee

Sui 60 metri femminili la più attesa sarà la giovane tedesca Gina Luckenkemper, seconda nella finale europea dei 100 metri a Berlino con 10”98 (tempo fatto registrare sia in semifinale sia in finale) e terza nella staffetta 4x100. La sprinter di Dortmund é l’atleta di casa che ha vinto più medaglie agli Europei di Berlino. Dallo scorso autunno gareggia per il team locale SCC Berlin. Ha scelto di disputare i 60 metri di Berlino come unico test invernale ma non ha finalizzato la stagione indoor per concentrarsi sulla preparazione in vista dei Mondiali di Doha del prossimo Settembre. Al di fuori delle piste di atletica Luckenkemper coltiva la passione calcistica per il Borussia Dortmund e si diletta ad andare a cavallo.

Gina Luckenkemper:

L’ISTAF Indoor è un’esperienza unica. I fans sono sempre entusiasti. Sto bene e ho sempre lavorato bene. Berlino è il posto giusto per iniziare un nuovo capitolo della mia carriera. Dopo lo stress post Europei e i tanti impegni non sono pronta a disputare una stagione indoor completa e per questo non gareggerò agli Europei di Glasgow

60 ostacoli femminili: rivincita europea tra Duktiewicz e Roleder

Tra le altre sfide più attese del meeting berlinese ci saranno i 60 ostacoli con la rivincita degli ultimi Europei di Berlino tra le ostacoliste tedesche Pamela Duktiewicz e Cindy Roleder, seconda e terza agli Europei di Berlino sui 100 ostacoli. Duktiewicz, figlia di un ex calciatore di origini polacche e di una mezzofondista, salì sulla ribalta in occasione della medaglia di bronzo ai Mondiali di Londra. In questa stagione ha già esordito stabilendo il secondo miglior tempo mondiale dell’anno sui 60 ostacoli con 7”91 al meeting di settimana scorsa a Dortmund.

60 ostacoli maschili: Martinot Lagarde contro Baji

Sui 60 ostacoli si affronteranno il campione europeo di Berlino Pascal Martinot Lagarde e l’ungherese Balasz Baji, bronzo ai Mondiali di Londra 2017 sui 110 ostacoli e argento agli Europei di Amsterdam 2016. Martinot Lagarde ha debuttato con un quarto posto in 7”70 nella prima gara della stagione a Parigi Bercy. Durante l’inverno il transalpino andrà a caccia del secondo titolo europeo indoor della sua carriera dopo quello vinto a Praga nel 2015. L’altro protagonista in gara è il tedesco Gregor Traber (7”69 sui 60 ostacoli in questa stagione).

Salto con l’asta maschile: Kendricks contro il vincitore dell’anno scorso

Il salto con l’asta maschile è sempre stato tra le discipline più amate dal pubblico tedesco e anche quest’anno sarà tra le gare di maggiore livello tecnico con il campione del mondo di Londra 2017 Sam Kendricks, il campione europeo indoor di Belgrado 2017 e vincitore dell’edizione scorsa Piotr Lisek, l’iridato 2011 Pavel Wojciechowski, il campione del mondo di Mosca 2013 e bronzo olimpico di Londra 2012 Raphael Holzdeppe, il campione olimpico di Rio de Janeiro 2016 Thiago Braz Da Silva, e il giovane Bo Kanda Lita Baehre, vice campione europeo under 20 a Grosseto 2017 e campione tedesco assoluto.

Salto in lungo femminile: duello tra campionesse europee Spanovic e Mihambo

Ivana Spanovic torna alle gare dopo l’infortunio al tendine d’Achille che le ha precluso la partecipazione alla finale del salto in lungo degli Europei di Berlino. La serba è diventata una delle sportive serbe più famose dopo il titolo europeo indoor conquistato nella sua Belgrado con l’eccellente misura di 7.24m e l’oro ai Mondiali indoor di Birmingham 2018. In una sfida tra campionesse continentali Spanovic affronterà la tedesca Malaika Mihambo, che ha vinto il titolo europeo all’aperto a Berlino e le tappe della Diamond League di Losanna e di Birmingham. La tedesca nata da padre originario di Zanzibar e da madre tedesca ha esordito con un salto da 6.70m ai Campionati regionali del Baden Wurtenberg. In gara saranno presenti anche la vice campionessa europea di Berlino Maryna Beck dell’Ucraina e la tedesca Sosthene Moguenara, bronzo ai Mondiali Indoor di Birmingham 2018. Obiettivo possibile è il record del meeting di 6.95m detenuto da Alexandra Wester.

Disco show per finire la serata in bellezza

Il meeting si concluderà in bellezza con lo show finale del lancio del disco, disciplina inedita a livello di gare indoor. L’idea di disputare il disco indoor nacque agli esordi di questa manifestazione per celebrare i successi olimpici, mondiali ed europei del berlinese Robert Harting. Dopo il successo delle ultime edizioni gli organizzatori hanno deciso di raddoppiare proponendo nel programma il lancio del disco sia a livello maschile sia a livello femminile. Le due gare si svolgeranno in contemporanea e proporranno come protagonisti il campione olimpico di Rio de Janeiro 2016 e vincitore dell’ISTAF Indoor 2017 Christoph Harting (fratello minore di Robert), il primatista del meeting Martin Wierig e l’austriaco Lukas Weisshaidinger e il trio di donne tedesche formato da Nadine Muller, Shanice Craft e Claudine Vita, rispettivamente seconda, terza e quarta agli ultimi Europei di Berlino. Un team di quattro uomini sfiderà un quartetto femminile. Chi lancia più a lungo guadagna il doppio dei punti (2 per il vincitore, 1 per il secondo). Il team che realizza più punti vince. Il meeting di Berlino sarà trasmesso in diretta su Raisport Venerdì 1 Febbraio dalle 18.20 alle 20.50.

Cottbus: Lisek 5.85 nell’asta, Lasitskene 2.02 nel salto in alto

Cottbus ha ospitato alla Lausitser Arena la diciassettima edizione del Springer meeting. In una sorta di antipasto della gara di salto con l’asta del meeting di Berlino. Piotr Lisek ha realizzato la migliore prestazione mondiale dell’anno con 5.85m battendo il sorprendente svedese Melker Svard Jakobsson, che ha migliorato il record personale con 5.80m. Sam Kendricks si è classificato terzo con 5.70m precedendo a pari misura ma con un numero minore di errori Konstadinos Filippidis e Pawel Wojchechowski. Kendricks ha tentato una prova a ciascuna delle misure di 5.80m, 5.85m e 5.90m nel tentativo di superare Lisek ma senza successo. Raphael Holzdeppe ha realizzato il minimo per gli Europei Indoor di Glasgow con 5.65m ma ha rinunciato a proseguire per un piccolo infortunio. Maria Lasitskene ha battuto di un centimetro il record di Irina Gordeyeva del salto in alto con 2.02m con una gara senza errori alle misure precedenti prima di sbagliare tre prove alla quota di 2.05m. La campionessa europea indoor 2017 Ayrine Palsyte ha valicato l’asticella alla quota di 1.98m prima di sbagliare due prove a 2.00m e una a 2.02. Yuliya Levchenko e la neo primatista mondiale under 18 Yaroslava Mahuchik si sono classificate quarte alla misura di 1.96m.

Desalu debutta con 6”78 ad Ancona

Il sesto classificato della finale dei 200 metri degli Europei di Berlino Eseosa Desalu ha esordito nella stagione 2019 con un buon 6”78 sui 60 metri al Palaindoor di Ancona. Il tempo realizzato al Palaindoor marchigiano avvicina di due centesimi di secondi il record personale di 6”76 realizzato nel 2015. Il velocista di Calalmaggiore, ora allenato dal coach trentunenne Sebastian Bacchieri a Parma, detiene il secondo miglior tempo italiano di sempre con il fantastico 20”13 realizzato nella finale dei 200 metri degli Europei di Berlino.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.