Calciomercato Napoli: quattro addii per rivoluzionare la squadra

Ancelotti ha posto come obiettivi di mercato per giugno almeno due grandi calciatori: per fargli posto e recuperare fondi sostanziosi, l’idea è lasciar partire alcuni elementi in rosa. E le possibilità sono tante.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La sconfitta contro il Liverpool che ha decretato l’uscita dalla Champions League ha determinato anche il calciomercato invernale del Napoli. De Laurentiis, Giuntoli e Ancelotti sono convinti che senza la competizione europea più importante non c’è bisogno di nessun nuovo acquisto e con questa rosa è possibile tentare di raggiungere gli obiettivi in questo momento possibili, con un occhio questa volta davvero deciso all’Europa League, manifestazione che verrà affrontata con grande impegno nel tentativo di arrivare il più lontano possibile.

Inoltre tutti sono convinti che gli innesti di Ghoulam e Younes sono due veri e propri nuovi acquisti, da sfruttare da questo momento in poi. Il terzino algerino piano piano prenderà il posto di Mario Rui, che verrà utilizzato soprattutto in campionato, mentre l’attaccante tedesco all’inizio sarà un panchinaro da utilizzare a piccole dosi, anche se l’obiettivo è farlo diventare uno da rotazione che potrà giocarsi le sue carte con Verdi per partire da titolare in alcune partite.

In questa fase di non mercato da parte del Napoli, Ancelotti però ha strappato la promessa che a giugno il Napoli cambierà almeno parzialmente volto, perché la squadra per arrivare ad impensierire la Juventus e ad essere di medio-alto cabotaggio in Europa ha bisogno di due-tre grandi calciatori per fare il salto di qualità. Per fare spazio a questi calciatori che dovrebbero arrivare e allo stesso tempo far diventare titolari inamovibili gente che sta dimostrando di valerlo, come Fabian Ruiz, Zielinski e lo stesso Verdi, alcuni di quelli che hanno creato il bellissimo Napoli che abbiamo visto, da Benitez ad Ancelotti, potrebbero lasciare la squadra.

Allan potrebbe lasciare il Napoli già a gennaio per andare al Paris Saint GermainGetty Images
Vendere Allan e Mertens potrebbe dare a De Laurentiis i fondi necessari per comprare un grande campione in attacco.

Il Napoli pensa a giugno e al calciomercato in uscita che può cambiare la squadra

Tra i possibili partenti c'è Allan, richiesto dal PSG (pronta un'offerta monstre) già in questo calciomercato. Il brasiliano è un calciatore decisivo per il Napoli, un tuttocampista come ne esistono pochi al mondo che riesce a oscurare le difficoltà difensive di Hamsik. Se quindi si vuole continuare a puntare sullo slovacco come regista della squadra, l'ex Udinese resta fondamentale.

Ma Allan è il classico calciatore il cui livello può sprofondare nel momento in cui ha cali di forma poco recuperabili. Il PSG, che vuole vincere la Champions League quest’anno prima di iniziare a lasciar andare almeno uno dei sui gioielli, sa che può fare al caso suo. Anche se tutti negano, magari l’Allan parigino potremo vederlo anche a breve.

L’altro calciatore di cui si cerca da un paio di anni un rimpiazzo è Albiol, che ha già chiesto ad Ancelotti la cessione per giocare gli ultimi anni di carriera in Spagna. Prima di quest’anno Koulibaly non poteva non giocare vicino ad Albiol, fondamentale nella fase di impostazione e di direzione orchestrale della difesa.

Ancelotti ha chiesto al senegalese di fare anche questa parte e il miglior difensore della Serie A ci sta riuscendo alla grande. In questo senso, comprare un giovane difensore (si sta scandagliando soprattutto il mercato olandese), per affiancarlo ad uno che è già il meglio che c’è in giro, potrebbe voler dire l’addio ad Albiol dopo tanti anni di meritato servizio.

Sempre in difesa un calciatore poco amato da Ancelotti è Hysaj, in quanto al tecnico piacciono molto di più i terzini dalla grande corsa e dalla capacità di cambiare ritmo con e senza palla. Per Ancelotti il prospetto Malcuit è quello più vicino alla sua idea di laterale, per cui Hysaj potrebbe non rientrare nei piani.

Anche in avanti è molto probabile che qualcosa cambi in maniera decisa. Il campione che Ancelotti vuole, dovrebbe essere un regista offensivo che faccia passare attraverso di sé tutte le azioni d'attacco napoletane. In questo modo Insigne può fare la seconda punta pura e Milik il centravanti titolare. Bisogna quindi trovare una collocazione giusta per Callejon e Mertens.

Ma mentre il primo sa fare tante cose per disfarsene e può giocare come quarto di centrocampo a destra senza nessun problema, andando a nozze proprio con un terzino dalla grande spinta, il belga è un punto interrogativo. È da considerare a tutti gli effetti un centravanti? Ma il Milik di oggi, finalmente recuperato dagli infortuni, è perfetto per il gioco di Ancelotti. Può scalare da mezzala centrale e fare regia offensiva? Ma allora non dovrebbe servire questo campione che muove il gioco in attacco.

Altra considerazione: per avere fondi sostanziosi nel calciomercato estivo per comprare i campioni richiesti da Ancelotti, o si vende Koulibaly oppure si sceglie di lasciar andare l’accoppiata Allan-Mertens. In estate a Napoli potremmo assistere ad una rivoluzione decisiva per il prossimo futuro della squadra.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.