Cori razzisti, la Lazio risponde: "Non ci sono stati, è una psicosi"

Il responsabile della comunicazione Diaconale commenta le accuse di cori insultanti durante la sfida con il Novara: "Condanniamo questi atteggiamenti che non vanno enfatizzati".

185 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Lazio risponde alle accuse: durante l'ottavo di finale giocato contro il Novara sono stati riportati alcuni cori insultanti di stampo razzista e antisemita intonati da un gruppo di tifosi biancocelesti nella curva nord.

Subito dopo il fischio finale è arrivato il commento da parte di Arturo Diaconale, responsabile della comunicazione della Lazio: il giornalista ha parlato ai microfoni del canale tematico del club capitolino.

Io ero allo stadio e non ho sentito quei cori, ormai è una psicosi. Rispetto la buona fede di chi li ha sentiti ma questi fenomeni non vanno ingigantiti. Condanniamo fermamente questi comportamenti che però non devono essere enfatizzati perché c'è un gruppo di persone che vuole creare disagi.

La Lazio quindi si distacca dai comportamenti di alcuni tifosi durante la sfida con il Novara. E la società biancoceleste chiede di non enfatizzare il comportamento di pochi per evitare generalizzazioni sulla sua tifoseria.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.