Calciomercato Napoli, ADL: "Bisogna parlare prima con Ancelotti"

Napoli al centro del calciomercato invernale: il PSG pronto a offrire circa 100 mln per Allan, ma l'UEFA e ADL frenano la trattativa.

253 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Allan è il vero protagonista del calciomercato invernale. Il PSG di Nasser Al-Khelaifi sta tentando il Napoli con un'offerta da 80 milioni per il centrocampista brasiliano. Con il presidente De Laurentiis ha già chiuso grandi affari, vedi Lavezzi, 27 milioni, e Cavani, 63 milioni più tasse, ma adesso ne servono altrettanti per portare Allan a Parigi. Il club transalpino, rimasto impressionato dalle doti del giocatore nella doppia sfida di Champions League, non ha paura di offerte folli per accaparrarselo già a gennaio, ma l'esito della trattativa non è scontato.

Un'offerta ufficiale ancora non è arrivata, ADL è all'estero e senza la sua presenza non si muove una foglia. Nel frattempo il club partenopeo ha lasciato intendere che serve una cifra pari a 100 milioni per sedersi al tavolo del calciomercato, per 80 milioni l'affare non si conclude. A guadagnarci in questa situazione di incertezza potrebbe essere il solo Allan: ieri il suo agente Juan Manuel Gemelli ha fatto visita a Castel Volturno, ha parlato con il d.s. Giuntoli prima di allontanarsi dal centro sportivo in compagnia del brasiliano. Al momento il suo contratto, in scadenza nel 2023, parla di due milioni di euro più bonus, a Parigi potrebbe guadagnare almeno il doppio e per restare potrebbe richiedere un ritocco dell'ingaggio. Ma per il momento il centrocampista non avrebbe chiesto nessun aumento.

Il trasferimento è difficile, ma non impossibile. Tutto gravita intorno all'assegno che deciderà di staccare il PSG e alla trattiva sul fronte Cagliari, perché il Napoli sarà pronto a cederlo soltanto se arriverà Nicolò Barella, l'unico al momento in grado di sostituire lo "strappa-palloni" Allan. Mister Ancelotti non accetterebbe mai un declassamento tecnico della sua rosa attuale, ma avrebbe mostrato il gradimento per l'arrivo di un giovane promettente come il centrocampista sardo. D'altronde la linea mediana sembra il reparto più propenso a cambiare volto in queste settimane, con Marko Rog prossimo ad essere ceduto in prestito e Amadou Diawara, che tanto piace alla Fiorentina, potrebbe seguire lo stesso destino, non avendo pienamente soddisfatto le aspettative della società.

Calciomercato, ADL presidente del NapoliGetty Images

Calciomercato Napoli: Rog-Allan, la parola passa ad Ancelotti

A complicare la trattativa Allan-PSG concorrono altri fattori. Secondo quanto riportato dal quotidiano 'Le Parisien' l'UEFA avrebbe imposto al club francese di non spendere più di 30 milioni, quindi serve un'escamotage per sbloccare il raggio d'azione sul calciomercato. Al momento tutto resta bloccato, almeno fino a quando il presidente De Laurentiis, attualmente impegnato a Los Angeles, non approderà personalmente nel capoluogo campano. In un'intervista al portale 'Abc de Sivilla' ADL ha parlato di Rog e della possibile cessione al Siviglia, ma il discorso sembra valido per qualsiasi altra pedina: anche per Allan serve il nulla osta dell'allenatore.

A breve sarò in Italia e parlerò con Carlo Ancelotti, solo allora sapremo che decisione prendere. Ci sono tante società interessate a Rog, ma la priorità del Napoli è sapere cosa pensa l'allenatore. Non vogliamo cedere nessun giocatore, non rientra nella mia filosofia acquistare giocatori per darli in prestito ad altri. Vedremo cosa succede.

Il Napoli intanto lavora sul fronte sardo, aldilà dell'esito della trattativa fra Allan e la società parigina. Giuntoli ha incontrato Beltrami, agente di Barella, e l'accordo verbale sembra preso. Ma il presidente del Cagliari non intende fare sconti: la richiesta è di 50 milioni e non è disposto ad accettare i 40 offerti dagli azzurri. Ora la parola passa ad Al-Khelaifi: con 100 milioni nessuno può ritenersi incedibile. Calciomercato in uscita in fibrillazione anche su Diawara: Giuntoli ha chiesto diritto di prelazione su Chiesa e Veretout in cambio del prestito secco per sei mesi, ma la società viola al momento risponde picche.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.