Pronta 'Casa Simoncelli': "Marco era affascinato dai ragazzi disabili"

Il 20 gennaio vicino Coriano sarà inaugurata Casa Simoncelli, un centro per disabili realizzato in onore di Marco. Kate Fretti racconta la nascita di questo progetto.

94 condivisioni 0 commenti

di

Share

La data del 20 gennaio scelta per l'inaugurazione della 'Casa Simoncelli' non è casuale. Marco avrebbe compiuto 32 anni se il destino non avesse interrotto per sempre la sua corsa a Sepang quel tragico 23 ottobre del 2011. Ma amici, tifosi e familiari hanno deciso di commemorare quel giorno con il taglio del nastro di un progetto intrapreso cinque anni fa (due anni fa la posa della prima pietra) grazie ai fondi raccolti nelle varie edizioni di 'Buon Compleanno SIC', 'Spurtlèda 58', 'Un gigante per il Sic', in altre manifestazioni, oltra che alle donazioni di privati. 2,2 milioni di euro per una struttura che servirà a prendersi cura di ragazzi disabili e sarà gestita dalla comunità di Montetauro di Coriano, paese adottivo del pilota di MotoGP.

'Casa Simoncelli' sarà un centro destinato a disabili che ospiterà attività riabilitative, assistenziali e di accoglienza familiare. Situato in via della Repubblica, dove sorge la Parrocchia di Sant’Andrea in Besanigo, si articolerà su tre livelli per un totale di 1.700 mq ed un ampio parco a verde fruibile dalla collettività per un'estensione di 10.000 mq. La struttura ospiterà due piscine, una palestra dotata di attrezzature speciali per la riabilitazione fisica e motoria legata a specifiche patologie, un parco giochi attrezzato, una sala polifunzionale, un “appartamento protetto per disabili” fino a sei ospiti e un refettorio dotato di cucina. Il piano primo sarà riservato ad una “Casa famiglia”, appartamento residenziale composto di cinque camere con un adeguato soggiorno e cucina.

L'appuntamento è fissato per il 20 gennaio alle 11:30 a Sant'Andrea in Besanigo, a 2 km da Coriano e a 4 km da Riccione, su una bassa collina che affaccia sul mare, là dove sorgeva l'ex 'Casa per Vacanze Santa Marta', edificio abbattuto per fare posto alla nuova strutta dedicata a Marco Simoncelli. All'inaugurazione saranno presenti, fra i tanti, suo papà Paolo e la fidanzata di un tempo, Kate Fretti, che ha preso in mano le redini della Onlus.

Casa Simoncelli in memoria di Marco SimoncelliGetty Images

Kate Fretti racconta la 'genesi' di Casa Simoncelli

Non è stata casuale neanche la scelta di realizzare un'opera a favore dei bambini più disagiati, entrati nel cuore del Sic prima dell'incidente avvenuto poco più di sette anni fa. Una distanza temporale che non ha cancellato il ricordo del giovane pilota divenuto un simbolo di diverse generazioni, merito anche del lavoro umile e instancabile di Kate attraverso la Fondazione, che di Marco ha ereditato il suo carattere indomito e vincente.

Nell'ultimo anno, tra il 2010 e il 2011, Marco è andato un paio di volte in una comunità di Montetauro, nel suo paese a Coriano, che saranno coloro che gestiranno il centro - ha raccontato Kate -. Non è vero che andava spesso, ogni week-end libero. È andato due volte e gli hanno dato tanto, perché diceva che questi ragazzi non avevano un valido motivo per sorridere per la loro situazione. Però loro erano contenti di vederlo e passare un paio di ore con lui. Da allora lui è rimasto affascinato da questi ragazzi, dal loro modo di prendere la vita e disse che c'era solo da imparare da loro. Sarebbe dovuto nascere un fan club, poi Marco è morto e abbiamo deciso di creare una Fondazione e suo padre Paolo decise di aiutare i ragazzi disabili.

L'iniziativa solidale è stata orchestrata in prima persona da papà Paolo, che si è interfacciato con la comunità di Montetauro, scegliendo ad esempio di realizzare una piscina piuttosto che un'altra struttura. Inizialmente sarà un centro diurno, i posti letto non verranno utilizzati, ma riservati ad un progetto futuro per determinate famiglie. Tra le varie iniziative portate avanti da Paolo la fondazione nel 2013 del team SIC58 Squadra Corse, presente nel Motomondiale dal 2017, con l'obiettivo di approdare un giorno in MotoGP. E certamente non mancherà un ricordo di Marco anche in 'Casa Simoncelli'.

Non posso ancora dire tutto - ha aggiunto Kate Fretti -, ma ci sarà una cosa molto carina che scopriremo il giorno dell'evento. Per adesso c'è davanti un telo verde, poi diventerà rosso e, insieme al taglio del nastro, abbasseremo questo telo e si vedrà un'intera facciata del centro che è dedicata a Marco.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.