Il Napoli rifiuta la linea Salvini: in caso di razzismo ci si fermerà

Nonostante il ministro dell'Interno abbia chiarito che le partite non andranno fermate, il club partenopeo ha ribadito ai suoi giocatori che potranno anche uscire dal campo.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Il Napoli non ci sta e rimane fedele alla sua linea dura contro gli episodi di razzismo subiti recentemente. Nella giornata di ieri, il ministro dell'Interno Matteo Salvini aveva spiegato quale fossero le decisioni prese dopo il vertice tenuto da alcune cariche dello stato insieme ai vertici del calcio italiano e della polizia sul tema sicurezza negli stadi.

Il vice-Premier ha chiarito nella conferenza stampa successiva all'incontro che le partite non saranno sospese nel caso di cori ritenuti razzisti: a suo parere si rischierebbe di dare troppo potere ai tifosi incivili e sarebbe molto difficile fornire criteri oggettivi alle autorità competenti per valutare quando un match vada interrotto.

Nonostante questa presa di posizione però, il Napoli non vuole arretrare e pare che abbia ribadito persino ai suoi giocatori l'idea che in queste settimane è stata più volte espressa dall'allenatore della squadra partenopea Carlo Ancelotti: se si ripeteranno casi come quelli della partita contro l'Inter dello scorso 26 dicembre, la squadra potrà anche lasciare il campo in segno di protesta.

Napoli, non accettata la linea SalviniGetty Images

Il Napoli non accetta la linea Salvini: in caso di cori, la squadra lascerà il campo

La notizia è stata diffusa dall'ANSA, che ha rivelato la grande perplessità dell'intera dirigenza del Napoli verso le dichiarazioni del ministro Salvini. In particolare il presidente Aurelio De Laurentiis non avrebbe gradito la linea del vice-Premier, nonostante non abbia ancora commentato la situazione visto che si trova a Los Angeles per impegni legati alla sua carriera da produttore cinematrografico.

Il silenzio pubblico del massimo dirigente dei campani però non vuol dire che le parole di Salvini siano state ignorate. La società è consapevole che l'eventuale ritiro della squadra nel bel mezzo della partita sarebbe una soluzione che comporterebbe delle sanzioni nei suoi confronti ma la linea del Napoli è quella della tolleranza zero: non saranno più sopportati cori insultanti nei confronti della città o dei giocatori, che hanno ricevuto istruzioni chiare di agire anche in maniera clamorosa se saranno nuovamente oggetto di cori discriminatori o razzisti.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.