Calciomercato, chi ha incassato di più dal 2016/2017: Monaco in testa

535 milioni di euro nelle tasche dei monegaschi, seguiti a ruota da Borussia Dortmund e Juventus. Due italiane tra le prime 8, c'è anche la Roma.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Chi acquista ha più possibilità di vincere titoli importanti e spostare gli equilibri del calcio europeo, ma chi vende può contare su un tesoretto da investire nelle sessioni successive. Il calciomercato ha toccato cifre mai viste prima: dalla stagione 2016/2017, ben 8 squadre hanno superato quota 300 milioni di euro in termini di cessioni.

Serie A e Premier League sono i campionati che forniscono il maggior numero di club a questa lista: due squadre a testa per le due leghe di Italia e Inghilterra, poi una rappresentante per Ligue 1, Bundesliga, Liga e Primeira Liga.

La squadra che ha incassato di più dall'estate 2016 è il Monaco, che è anche l'unica ad aver superato il tetto dei 500 milioni di euro. Al secondo posto c'è un Borussia Dortmund capace di rimanere competitivo nonostante un calciomercato in uscita sempre in fermento. Completa il podio la prima italiana, ovvero la Juventus. Questo l'elenco completo:

Calciomercato, Monaco davanti a tutti nella classifica delle cessioni più redditizie: Mbappé è l'affare del 2017Getty Images
Calciomercato, Monaco davanti a tutti nella classifica delle cessioni più redditizie: Mbappé è l'affare del 2017

Calciomercato, chi ha incassato di più dal 2016/2017?

Affari da capogiro e soprattutto i club degli sceicchi, che non sono presenti in questa lista, hanno permesso di alzare l'asticella del valore economico in termini di calciomercato. Più squadre hanno beneficiato di queste operazioni, in particolare Monaco e Barcellona, ma non sono le uniche ad aver trovato un valido sistema per massimizzare gli introiti nelle ultime sessioni.

Monaco, Ligue 1: 535 milioni di euro

Difficile non trovare i monegaschi in cima alla lista, dopo la cessione di Kylian Mbappé al PSG. 145 milioni di euro più 35 di bonus, un'operazione monstre per un ragazzo che, nell'estate 2017, non aveva ancora compiuto 19 anni. Ma non è l'unico affare in uscita del Monaco: 70 milioni di euro dall'Atletico Madrid per Lemar, poco meno di 110 milioni dal Manchester City per Mendy e Bernardo Silva, 45 milioni dal Liverpool per Fabinho e 40 dal Chelsea per Bakayoko. Una miniera d'oro da 535 milioni di euro in due anni e mezzo.

Monaco 2017Getty Images
Monaco, una miniera d'oro negli ultimi due anni e mezzo

Borussia Dortmund, Bundesliga: 475 milioni di euro

L'unico avversario del Monaco arriva dalla Germania. Il Borussia Dortmund si ferma a quota 475 milioni di euro, forte della cessione di Ousmane Dembélé al Barcellona nell'estate 2017. 105 milioni di euro più circa 40 di bonus per la cessione più alta di sempre per il club, che però vanta anche un ottimo rapporto con la Premier League: il Chelsea ha appena speso 64 milioni di euro per Pulisic, che andrà ai Blues dalla prossima estate. All'americano si aggiungono Aubameyang, Mkhitaryan, Gündogan e Yarmolenko, senza dimenticare Hummels al Bayern e Ginter al Borussia Mönchengladbach.

PulisicGetty Images
Ieri Dembélé, oggi Pulisic: il Borussia Dortmund sforna talenti e incassa a peso d'oro

Juventus, Serie A: 417 milioni di euro

La Juventus è la prima italiana in lista, nonché l'ultima a superare i 400 milioni di euro in termini di cessioni. Ovviamente, il trasferimento di Paul Pogba al Manchester United nel 2016 rappresenta il catalizzatore più evidente: 105 milioni di euro nelle casse dei bianconeri, che poi hanno rincarato la dose con i 77 milioni di euro in due anni che il Milan ha sborsato per Bonucci prima e Caldara poi. Nel mezzo, tante operazioni di minor rilievo economico, ma che comunque hanno garantito un introito costante dal calciomercato: il ritorno di Morata al Real Madrid, Coman al Bayern, Mandragora all'Udinese, Higuain al Milan e Lemina al Southampton.

PogbaGetty Images
Paul Pogba dalla Juventus al Manchester United, è la cessione più redditizia nella storia dei bianconeri

Roma, Serie A: 373 milioni di euro

Ai piedi del podio c'è subito un'altra italiana. La Roma sfiora i 400 milioni grazie alle cinque cessioni degli ultimi due anni e mezzo, che sono anche le più alte nella storia del club: Alisson al Liverpool per 62,5 milioni di euro più 10 di corrispettivo variabile, Salah ancora al Liverpool per 42 milioni, Nainggolan all'Inter per 38 milioni, Rüdiger al Chelsea per 35 e Pjanic alla Juventus per 32. A questo quintetto si aggiungono altre operazioni come Strootman al Marsiglia per 25 milioni, Paredes allo Zenit per 23 ed Emerson Palmieri al Chelsea per 18.

Salah AlissonGetty Images
Cessioni dal 2016/2017, Roma ai piedi del podio grazie ad Alisson e Salah

Chelsea, Premier League: 363 milioni di euro

La prima inglese è il Chelsea, che apre il suo borsino di cessioni con i 66 milioni incassati dall'Atletico Madrid per il ritorno di Diego Costa in Spagna. I 60 milioni che lo Shanghai SIPG ha investito per Oscar hanno arricchito ulteriormente le casse dei Blues, che hanno anche rinforzato una diretta concorrente come il Manchester United con la cessione di Matic per quasi 45 milioni di euro. Courtois al Real Madrid per 35 milioni, Aké al Bournemouth per 23 milioni e Cuadrado alla Juventus per 20 rappresentano le altre uscite più importanti per il club negli ultimi due anni e mezzo.

Oscar ShanghaiGetty Images
Diego Costa all'Atletico, ma soprattutto la rumorosa cessione di Oscar in Cina: Chelsea al quinto posto

Barcellona, Liga: 349 milioni di euro

Il piazzamento del Barcellona in questa classifica è principalmente dovuto alla cessione di Neymar al PSG. 222 milioni di euro, con i francesi che hanno pagato la clausola rescissoria per separare i blaugrana e il brasiliano. Si tratta dell'operazione più costosa nella storia del calcio. Ad incrementare gli introiti dei catalani c'è l'affare Paulinho, che ammonta a 42 milioni di euro, ma anche il trasferimento di Yerry Mina all'Everton per 32,5 milioni di euro. Paco Alcacer, Lucas Digne e Claudio Bravo garantiscono altri 61 milioni, permettendo di raggiungere il sesto posto nella lista.

Neymar JrGetty Images
L'affare Neymar è ancora oggi il trasferimento più costoso nella storia del calcio

Benfica, Primeira Liga: 318 milioni di euro

L'unica portoghese dell'elenco è il Benfica, che supera i 300 milioni di euro grazie alle operazioni con Inghilterra, Spagna e Germania. Ederson è diventato il trasferimento più redditizio per il club di Lisbona: 40 milioni dal Manchester City nell'estate 2017. Semedo al Barcellona ha portato in cassa 35,5 milioni, più o meno gli stessi di Lindelöf dopo il passaggio al Manchester United e di Renato Sanches con il suo approdo al Bayern Monaco. A chiudere il cerchio, poi, le operazioni di Gonçalo Guedes al PSG e Nico Gaitan all'Atletico Madrid, senza dimenticare Talisca in Cina.

Ederson BenficaGetty Images
Ederson ai tempi del Benfica: ora è uno dei pilastri del Manchester City

Liverpool, Premier League: 303 milioni di euro

All'ultimo posto c'è il Liverpool, l'ottava squadra a tagliare il traguardo dei 300 milioni di euro in due anni e mezzo di cessioni. Quasi metà tesoretto proviene dalla cessione di Coutinho al Barcellona, andata in porto per 130 milioni. Il Crystal Palace ha contribuito ad aumentarlo con gli acquisti di Benteke e Sakho, per un totale di circa 60 milioni di euro. Ings al Southampton e Solanke al Bournemouth, ultimo in ordine di tempo, rappresentano gli altri trasferimenti più redditizi per le casse dei Reds dalla stagione 2016/2017 in poi.

CoutinhoGetty Images
Il Liverpool supera i 300 milioni in termini di cessioni dal 2016/17: Coutinho ne ha portati 130

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.