Scottish Premiership, minacce di morte all'arbitro dell'Old Firm

Il 36enne John Beaton, direttore di gara scozzese, è stato vittima di pesanti minacce dopo aver arbitrato la sfida di Glasgow tra Rangers e Celtic del 29 dicembre.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Non sono ancora terminati gli effetti dell'Old Firm andato in scena lo scorso 29 dicembre, quando i Rangers si sono imposti sul Celtic 1-0 nel grande classico della Scottish Premiership. In quell'occasione ad arbitrare l'incontro c'era il 36enne John Beaton, finito nel mirino dei tifosi del Celtic per non aver espulso l'attaccante dei Rangers Alfredo Morelos.

Il colombiano infatti si è reso protagonista in almeno tre circostanze di episodi anti-sportivi nei confronti degli avversari Scott Brown, Anthony Ralston e Ryan Christie, che ha colpito rispettivamente con un calcio nelle parti basse, una manata nella stessa zona e, infine, calpestando sulla schiena.

Scottish Premiership, arbitro dell'Old Firm minacciato di morte e sotto scorta

Dopo queste decisioni controverse di lasciarla passare liscia ad Alfredo Morelos, per il direttore di gara scozzese è iniziato un vero e proprio incubo, culminato in numerose minacce di morte recapitate a casa sua in ogni modo, anche per via della divulgazione del suo numero di cellulare sui social media.

Per questo Beaton ha denunciato il tutto alla polizia, che lo ha scortato questo sabato quando è andato ad arbitrare una nuova partita. Le stesse forze dell'ordine hanno confermato indirettamente il tutto:

Possiamo confermare che è stata presentata una denuncia alla polizia per quanto riguarda i messaggi e le chiamate ricevute da un uomo di 36 anni.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.