NFL: Luck domina a Houston, Prescott la decide nel finale per Dallas

È la nottata dei quarterback nei primi due Wild Card Game, infatti Prescott e Luck portano Cowboys e Colts al Divisional game.

Prescott manda avanti Dallas Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Alla vigilia di fine feste natalizie, l’NFL apre i battenti sui playoffs con le prime due partite di wild card che generalmente propongono diversi spunti e grande pathos. Possiamo dire che solo la partita tra Cowboys e Seahawks è stata a un alto livello di emozioni, non tanto per lo spettacolo offerto dalle squadre, quanto per l’indecisione sul risultato finale sino all’ultimo. Tutto insolitamente più facile per i Colts, che hanno facilmente messo a tacere dei Texans sostanzialmente inermi a casa propria.

I Dallas Cowboys hanno rischiato di vedersi sfuggire l’ennesima partita di playoffs della storia recente quando Wilson ha inscenato il primo drive da touchdown e portato i Seahawks avanti di quattro lunghezze, ma lì prima un ottimo drive di Prescott che dapprima aveva realizzato il touchdown, derubricato ma convertito poco dopo da Elliott e poi una giocata clamorosa del sempre mobile quarterback hanno garantito la vittoria. Wilson ci ha provato fino all'ultimo con un touchdown nel finale, ma era comunque troppo tardi.

I Colts, contrariamente a quello che si potesse aspettare, sono andati a dettare legge senza repliche a casa dei Texans, inscenando un vero e proprio clinic offensivo nel primo tempo e scappando via sul 21-0 per poi gestire il vantaggio in un secondo tempo decisamente poco prolifico. I Texans non sono mai riusciti a rispondere in maniera degna alle chiamate di Reich e hanno trovato dall’altra parte una difesa che ha sostanzialmente messo la museruola a tutte le bocche da fuoco. Per Houston, Hopkins incontra una giornata di non smagliante forma, ma nessuno degli altri riesce a fare lo step up e anche un Watson piuttosto impreciso non può nulla contro una squadra quadrata, organizzata e che ora comincia a fare paura.

NFL wild card: Elliott, la solita certezzaGetty Images

NFL: Cowboys concreti nel momento migliore

Il 24-22 con cui Dallas batte Seattle racconta di come, questa volta, Garrett e i suoi siano riusciti a gestire al meglio il momento più difficile del match quando si sono trovati per la prima volta sotto e obbligati a raggiungere la endzone avversaria. Quando Elliott ha permesso ai padroni di casa di rimettere il naso avanti, assieme al recupero da parte della difesa, sembrava ci potessero essere i presupposti per chiudere il match, invece un intercetto in redzone lanciato da Prescott (in collaborazione con Brown) ha riaperto ogni gioco. La difesa dei Cowboys sulle corse, però, è stata magistrale e ha tenuto il miglior attacco NFL via terra a sole 73 yards con Carson che non ha mai trovato un vero e proprio varco nella poderosa pass rush avversaria.

L’ultimo drive dei Cowboys ha prodotto sin dal ritorno ottime yards, anche con un Cooper coinvolto solo a tratti, ma sempre presente nelle manovre aeree. Nonostante questo, un field goal avrebbe dato a Wilson ancora il pallone per vincere nel finale, ma sul 3&14 dalle 17 di Seattle, Prescott compie la giocata della partita. Con tutti i ricevitori coperti, inscena uno scramble di 16 yards che fa muovere la catena con un volo d’angelo che quasi aveva dato l’illusione del touchdown. La segnatura arriva solo qualche secondo più tardi con una sua sneak per il delirio di tutta Dallas. Wilson inscena un drive lampo e riporta i suoi a -2 in un amen con la conversione da 2 punti, ma un orrendo onside kick di Janikowski finisce candidamente nelle mani di Beasley che mette la parola fine al match.

Luck pesca i suoi ricevitoriGetty Images

Reich predica, Houston non risponde

Il primo tempo degli Indianapolis Colts è un vero e proprio clinic su come una squadra in trasferta nei playoffs NFL debba iniziare il match. Difesa ai limiti della perfezione contro i ricevitori (soprattutto Hopkins) riuscendo a tenere nella tasca un pericolo come Deshaun Watson, mentre in attacco, anche grazie a qualche penalità di troppo della difesa di Houston, fioccano terzi down convertiti e campo macinato. Luck scannerizza il campo e trova varietà di soluzioni, agevolato da una linea che è passata dall’essere la peggiore alla migliore per sack concessi in stagione. C’è spazio d'azione per Mack e per Luck di lanciare, così il 21-0 con cui si va negli spogliatoi è un duro colpo per una squadra e un pubblico che sembra già non crederci più.

Nella ripresa la difesa di Houston stoppa la fluidità avversaria e tutti i terzi down convertiti nel primo tempo si tramutano in punt, ma è l’attacco a lasciare molto più perplessi che persuasi, con un Watson impreciso e anche un play calling (soprattutto su un quarto down e in situazioni di grande tensione) che non convince. L’unica segnatura arriva dal migliore in campo dei Texans, Keke Coutee che chiude con 10 ricezioni, 111 yards e un TD. Il quarto periodo richiede sense of urgency per i Texans, che però non trovano nulla e nell’unico drive del quarto periodo non riescono a trovare segnature. Così i Colts si guadagnano il dubbio privilegio di andare a giocarsi il divisional a casa dei Chiefs, con la consapevolezza di avere una squadra più che temibile anche per Patrick Mahomes. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.