NBA, Kanter non va a Londra coi Knicks: "Erdogan potrebbe uccidermi"

Il centro si è più volte espresso contro il presidente turco e ora teme per la sua incolumità: "Per colpa di quel pazzo non posso fare il mio lavoro".

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

I giocatori dell'NBA non sono nuovi ad esprimere le loro idee politiche spesso attirando molte critiche dal pubblico e uno dei più attivi è sicuramente Enes Kanter, centro turco attualmente fra le fila dei New York Knicks.

La squadra della grande Mela si appresta a partire per la Gran Bretagna visto che come ogni anno due franchigie di NBA giocano una partita di regular season alla 02 Arena: quest'anno la sfida è Knicks contro Washington Wizards. Ma a Londra non ci sarà Kanter.

Il motivo lo ha spiegato lui stesso dopo la partita contro i Lakers ed è molto più serio di quanto ci si possa immaginare: l'ex giocatore degli Oklahoma City Thunder non parteciperò all'ormai classico London Game dell'NBA perché teme per la sua vita.

Non andrò a Londra perché ho paura di essere ucciso per i miei commenti su Erdogan.

Il turco si è spesso espresso contro il suo presidente, definendolo "l'Hitler del nuovo millennio" e un "pazzo dittatore". Ed è proprio perché teme per la propria vita che ormai non esce più dai confini di Stati Uniti e Canada: in patria è stato infatti emesso un mandato di cattura internazionale nei suoi confronti.

Non posso lasciare il Nordamerica per colpa di quel folle. È triste pensare che io non possa fare il mio lavoro per questo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.