Liga, il Real Madrid bloccato a Villarreal: è tornato Santi Cazorla

L'ex-Arsenal, fermo per due anni a causa di un grave infortunio, assoluto protagonista della sfida: con una doppietta ferma gli uomini di Solari, che proprio non riescono a ripartire e restano lontani dalla vetta.

1 condivisione 0 commenti

di

Share

Spettacolo ed emozioni nella sfida che conclude la 17esima giornata della Liga e che mette di fronte all'Estadio de la Ceramica i padroni di casa del Villarreal e il Real Madrid che dopo essersi imposto nel Mondiale per club deve dimostrare di aver ritrovato quella fiducia nei propri mezzi necessaria per rincorrere la testa di una classifica che prima del calcio d'inizio è distante 8 punti.

Solari si affida al 4-3-3 e a quella che è ormai la sua formazione-tipo: Courtois tra i pali, difesa formata da Carvajal e Marcelo sulle fasce e la coppia Varane-Sergio Ramos centrali, Casemiro da schermo davanti alla difesa a coprire i più creativi Kroos e Modric e tridente d'attacco composto da Lucas Vazquez, Bale e Benzema. 4-2-3-1 per il Villarreal, terz'ultimo ma deciso a vendere cara la pelle davanti al pubblico amico: in difesa c'è l'ex Napoli Victor Ruiz, dietro la punta Gerard giostra tra gli altri Santi Cazorla, tornato al calcio dopo un infortunio che lo ha tenuto fermo quasi due anni.

È proprio lui, tornato a essere un calciatore nella Liga e nel club che lo aveva lanciato, a sorprendere la difesa delle merengues e a portare in vantaggio i suoi dopo 4 minuti, una rete che scuote i campioni d'Europa e del mondo nell'orgoglio e che causa la rabbiosa reazione che dopo appena tre giri di lancetta porta al pari: Vazquez scappa sul filo del fuorigioco e serve Benzema che di testa supera l'incolpevole Asenjo. Le emozioni non sono certo finite qui: al 20esimo Kroos calcia una punizione dalla trequarti dentro l'area del Submarino Amarillo, Varane vola in cielo e con un perfetto stacco aereo supera nuovamente il portiere di casa, stavolta non irreprensibile.

Liga, il Real si ferma ancoraGetty Images

Liga, il Real Madrid si ferma contro il Villarreal di Cazorla

Dopo 20 minuti sono già arrivati 3 gol, ma le emozioni non sono certo finite qui: il Villarreal prende lentamente campo contro un Real Madrid che continua ad andare a sprazzi e che prima di vedersi annullare per fuorigioco un gol di Modric arrivato su una goffa ribattuta di Asenjo deve ringraziare Courtois, bravo e reattivo sul giovanissimo talento nigeriano Chukwueze, tra i più positivi dei suoi e fermato poco prima dell'intervallo da Sergio Ramos con un contrasto che sul momento fa gridare al rigore.

Il secondo tempo vede Solari lasciare negli spogliatoi l'acciaccato e deludente Bale per Isco e un copione già visto anche al Mondiale per club: il Real Madrid sembra condurre più per manifesta superiorità tecnica che per convinzione e organizzazione tattica, qualità anzi del tutto assenti nelle merengues in questa stagione indipendentemente da chi si è seduto in panchina. Sergio Ramos e compagni controllano la gara con fin troppa spavalderia, convinti che il risultato non cambierà più e ignorando diversi campanelli d'allarme.

Santi CazorlaGetty Images

Non hanno però fatto i conti con l'unico che tra gli avversari può essere considerato un fuoriclasse, Santiago Cazorla, al quale il destino ha negato due anni di carriera ma che non ha dimenticato quei colpi che lo portarono a essere un punto fermo della Spagna campione d'Europa e del mondo. Così, dopo aver segnato la rete del vantaggio e aver calciato alto in seguito a uno scambio con il subentrato Bacca è ancora lui a inserirsi alla perfezione su un cross di Pablo Fornals: la stazza è quella che è, ma il tempismo gli permette di trovarsi solo davanti a Courtois e colpire di testa, infilando il pallone tra le gambe del portierone belga. 

Finisce così, 2-2, un pareggio che è l'ennesima opportunità sprecata dal Real Madrid, che rimane lontano 7 punti dal Barcellona capolista della Liga, e che premia e restituisce fiducia a un Villarreal che per quanto fatto vedere contro le merengues non merita il terz'ultimo posto in classifica condiviso con l'Atletico Bilbao. Al termine di una partita tutto sommato divertente ma che smuove di poco la classifica di entrambi i club coinvolti resta comunque l'emozione di avere assistito alla notte magica di un campione ritrovato come Santi Cazorla, che a 34 anni è il migliore in campo contro i campioni d'Europa e del mondo. Un bellissimo spot per il calcio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.