Tennis, Novak Djokovic vince il Torneo Mubadala di Abu Dhabi

Il numero 1 del mondo ha conquistato il tradizionale torneo di esibizione di Abu Dhabi per la quarta volta in carriera dopo i tre trionfi consecutivi nel 2012, 2013 e nel 2014.

Tennis, ad Abu Dhabi trionfa Djokovic Getty Images

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Novak Djokovic ha iniziato la nuova stagione come aveva finito quella precedente sollevando il trofeo del Mubadala World Tennis Championships al Zayed Sports Centre di Abu Dhabi dopo aver sconfitto in rimonta il sudafricano Kevin Anderson con il punteggio di 4-6 7-5 7-5 nella rivincita dell’ultima finale di Wimbledon.

Il fuoriclasse serbo, vincitore dei tornei del Grande Slam di Wimbledon, degli US Open e dei Masters 1000 di Cincinnati e Shanghai, ha eguagliato il record di vittorie al Mubadala detenuto da Rafael Nadal, che ha rinunciato a giocare la finale per il terzo e quarto posto per precauzione in vista del debutto nel circuito ATP di settimana prossima a Brisbane.

Djokovic aveva battuto Anderson in tre set nell’ultima finale di Wimbledon, ma questa volta il sudafricano ha reso la vita difficile al serbo, che ha dovuto rimontare un set di svantaggio prima di imporsi al termine di una partita molto combattuta, anche se non assegnava punti per il circuito ATP. Anderson ha preso il primo vantaggio andando in testa con un break al nono game del primo set e si è aggiudicato la prima frazione per 6-4.

La finale del Torneo Mubadala di tennis ad Abu DhabiGetty Images
Tennis, la finale del Torneo Mubadala di Abu Dhabi

Tennis, a Djokovic il Torneo Mubadala di Abu Dhabi

Il secondo set è stato altrettanto molto combattuto e si è deciso al dodicesimo game, quando Djokovic ha strappato la battuta al sudafricano sfruttando la seconda palla break. Anderson ha avuto un’opportunità per strappare la battuta a Djokovic al terzo game del set decisivo, ma il serbo ha salvato la palla break con un vincente di dritto. Il numero uno al mondo ha conquistato il successo al quinto match point del terzo set con un dritto incrociato.

Non mi aspettavo - ha detto Djokovic - una partita così impegnativa al debutto stagionale. Sono contento di aver potuto affrontare una partita del genere. Kevin Anderson è uno dei migliori giocatori del mondo ed è in grande forma. Ha giocato ad alto livello per tutta la partita e ho dovuto impegnarmi a fondo per vincere.

Karen Khachanov, sconfitto da Djokovic nella semifinale del Mubadala, ha battuto l’austriaco Dominic Thiem nella finale per il terzo posto. Il serbo e Anderson hanno onorato alla grande il torneo arabo divertendo il numeroso pubblico di Abu Dhabi dimostrando di essere in ottime condizioni di forma in vista dei prossimi Australian Open di Melbourne, il primo appuntamento del Grande Slam che scatterà il prossimo 14 Gennaio. Il serbo sta preparando l’assalto al settimo trofeo degli Australian Open della sua carriera sotto la guida del suo storico allenatore Marjan Vajda, ex giocatore slovacco degli anni 80.

I prossimi programmi del numero uno al mondo

In vista del torneo australiano Djokovic sarà impegnato ora nel primo torneo ATP 250 della stagione, che scatterà a Doha Lunedì 31 Dicembre. Il campione di Belgrado punta a vincere il Qatar Open per la terza volta dopo i trionfi del 2016 e del 2017.

Il tabellone di Doha propone Karen Khachanov (vincitore del torneo Masters 1000 di Parigi Bercy battendo in finale Djokovic), Dominic Thiem (finalista al Roland Garros 2018 contro Rafa Nadal) e Stan Wawrinka (tre volte vincitore di tornei del Grande Slam all’Australian Open 2014, al Roland Garros 2015 e agli US Open 2016).

Il primo turno vedrà opposti Khachanov e Wawrinka nello scontro più interessante della prima parte del torneo del Qatar. Il vincitore di questa partita potrebbe successivamente incrociare in una possibile semifinale proprio Djokovic, che debutterà contro Damir Dzumhur prima di potenziali scontri contro l’ungherese Marton Fucsovics o il rumeno Marius Copil nel secondo turno e il vincitore dei tornei di Amburgo e Pechino Nikoloz Basilashvili nei quarti di finale.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.