Serie A, la moviola di Juventus-Sampdoria: Valeri sbaglia su Ferrari

Partita ricca di episodi e polemiche. Ci sta il rigore per la Sampdoria ed è giusto annullare il gol al 92' di Saponara. Sbaglia Valeri, invece, quando assegna il rigore alla Juventus.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La Juventus batte la Sampdoria nel lunch match dell'ultimo turno del girone d'andata di Serie A e arriva al giro di boa a quota 53 punti. Mai così bene nella sua storia a questo punto del campionato. I blucerchiati escono dall'Allianz Stadium con la sensazione di aver fornito una prova convincente. Soprattutto nel primo tempo. E recriminano per alcune decisioni dell'arbitro Valeri. 

La Samp resta comunque in zona Europa, distante tre punti dal quarto posto occupato dalla Lazio, chiudendo un girone d'andata quindi positivo. Ma il clima in casa doriana non è dei più sereni. Nel post partita, Marco Giampaolo parla apertamente di "regalo alla Juventus" in riferimento al rigore concesso nella ripresa da Valeri ai bianconeri per tocco di mano di Ferrari in area.

Un episodio che ha scatenato polemiche feroci e che continuerà a far discutere anche durante la sosta della Serie A. Così come quello del primo tempo quando l'arbitro romano ha fischiato un penalty in favore della Sampdoria per fallo di mano di Emre Can. E come quello del 91', quando alla Sampdoria è stato annullato il gol del possibile 2-2 per posizione di fuorigioco di Saponara. Partita complicata, quindi, per Valeri in campo e Maresca al var.

Serie A, polemiche in Juventus-SampdoriaGetty Images

Serie A, la moviola di Juventus-Sampdoria

Il primo episodio che porta con sé discussioni e polemiche arriva al 29' del primo tempo. Calcio d'angolo da sinistra per la Sampdoria, palla che spiove in area, Ekdal non ci arriva e la sfera viene toccata da Emre Can. L'azione offensiva doriana poi sfuma; ma dopo un minuto circa, Maresca dal var richiama Valeri all'on field review per rivedere un tocco con il braccio del tedesco e l'arbitro decide di assegnare la massima punizione. Decisione corretta, perché la postura di Can, con un pallone che spiove lento e da lontano, è giudicabile come punibile. E non è l'unica possibile. Ormai volontarietà è un termine che sta sparendo dai regolamenti e si giudica la colposità del gesto.

Rigore per la Juventus nel secondo tempo del match di Serie A. Stessa area di rigore, corner da destra stavolta, la palla piomba in area, viene mancata da un giocatore della Juve e colpisce il braccio di Ferrari. Valeri opta subito per il rigore, poi viene richiamato a rivedere l'episodio e conferma la sua decisione. Una decisione sbagliata. Ferrari ha il braccio aderente al corpo, non assume un atteggiamento colposo. Anzi. E la palla schizza da un mancato tocco di altri giocatori. 

Nel finale gol annullato a Saponara per offside. Inizialmente la rete viene convalidata, poi Maresca al var richiama Valeri all'on field rewiev per analizzare la posizione di fuorigioco dello stesso Saponara al momento dell'assist di Defrel. Nel mezzo c'è un tocco di Alex Sandro che l'arbitro giudica come semplice deviazione e non come giocata. Decisione corretta, gol giustamente invalidato. E corretto anche chiamare l'arbitro al var, poiché doveva essere lui a valutare soggettivamente se si trattasse di giocata o deviazione. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.