Serie A, le pagelle di Juventus-Sampdoria: re Ronaldo, bene Ekdal

La Juventus batte la Sampdoria in una partita tirata e con un finale thrilling. Cristiano Ronaldo leader assoluto, bene Ekdal. Delude Gaston Ramirez.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La Juventus vince ancora ancora. Sedicesimo successo in questo girone d'andata in Serie A chiuso a 53 punti. Nella stagione del record di punti, quella 2013-2014 con Conte in panchina, i bianconeri a questo punto della stagione si erano fermati a quota 49. Decide una doppietta di Cristiano Ronaldo. E un finale thrlling con errore di Perin, gol di Saponara poi annullato dal var per un offside proprio del trequartista doriano.

Un episodio che farà inevitabilmente discutere in una partita in cui il var è stato protagonista in diverse occasioni. La Sampdoria può comunque sorridere, perché resta una prestazione importante, soprattutto nel primo tempo.

La Juventus ora sale a +12 sul Napoli, in attesa del match delle 18 che i partenopei giocheranno contro il Bologna al San Paolo. I blucerchiati restano in zona Europa e si candidano con questa prestazione a un ruolo da protagonisti in campionato nella corsa all'Europa League e chissà se non a qualcosa in più. 

Serie A, le pagelle di Juventus-Sampdoria

Juventus (4-3-3): Perin 6; De Sciglio 6, Rugani 6, Chiellini 6,5, Alex Sandro 6; Emre Can 5,5, Pjanic 5,5, Matuidi 6,5 (dall'81' Douglas Costa sv); Dybala 6; Mandzukic 6 (dal 68' Bernardeschi 6), Cristiano Ronaldo 7,5. All.Allegri 6,5

Sampdoria (4-3-1-2): Audero 6; Sala 6, Ferrari 6, Colley 6,5, Murru 6; Praet 6,5, Ekdal 7 (dall'81' Jankto sv), Linetty 6; Ramirez 5 (dal 72' Saponara 6); Caprari 6 (dal 66' Defrel 5,5), Quagliarella 6,5. All.Giampaolo 6

I migliori

Ekdal 7

Una delle peggiori partite stagionali della Sampdoria, contro la Roma all'Olimpico, è coincisa con la sua assenza. Non è un caso. Sotto la guida di Giampaolo ha trovato la sua dimensione in regia. Gioca con autorità, smista palloni, si prende sempre la responsabilità della giocata e dà lui i ritmi alla manovra della Sampdoria. Alla qualità, abbina anche la sostanza. È il padrone del centrocampo blucerchiato e non solo. 

Quagliarella 6,5

Segna. Tanto per cambiare. Si presenta dal dischetto e punisce una delle sue ex con un missile che non lascia scampo a Perin. Nona partita consecutiva in gol per questo highlander della Serie A. L'ultimo a riuscirci era stato Trezeguet nel 2005. Con questa rete diventa il quinto marcatore di sempre della Samp superando Montella con 59 gol. Non fa una partita appariscente, ma quando la manovra ospite ha bisogno di un appoggio lui si fa sempre trovare pronto. 

Cristiano Ronaldo 7,5

49 gol nell'anno solare, doppietta decisiva, capocannoniere della Serie A. Nelle ultime stagioni CR7 carburava da febbraio in poi, quest'anno subito spedito verso la gloria. Sbaglia qualche appoggio, alcune scelte, ma quando c'è da prendere in mano la Juventus e portarla fuori dai momenti di difficoltà lui c'è sempre. Due gol, una traversa dopo un destro mostruoso, i compagni lo cercano in continuazione. Leader assoluto.

Matuidi 6,5

I suoi compagni di reparto non vivono una giornata eccezionale e allora lui decide che bisogna caricarsi il peso della mediana sulle spalle. Il francese, dopo aver saltato la sfida contro l'Atalanta per una forma influenzale, torna e lo fa notare. È ovunque, corre come un matto, tappa le falle e poi si presente al tiro e solo una parata super di Audero gli nega la gioia del gol. Sarebbe stato un premio meritato.

Serie A, Juventus-Sampdoria: i miglioriGetty Images

I peggiori

Emre Can 5,5

Lento, macchinoso, troppo spesso falloso e impreciso. Il tedesco è ancora in ritardo di condizione, paga gli stop di questa prima parte di stagione che ne hanno influenzato la preparazione e un fisico da corazziere che richiede tempo per arrivare al top della forma. Ma oltre al fallo da rigore, dove salta in modo scomposto, ma è anche sfortunato; è comunque uno dei meno incisivi nello scacchiere di Allegri.

Pjanic 5,5

Quando si giudica un giocatore come lui, bisogna partire dall'assunto che le aspettative sono sempre molto alte visto che si parla di un campione. Il bosniaco non brilla, fatica a trovare la posizione, a illuminare la manovra, a dettare i tempi. Non vive un momento di condizione fisica eccezionale e si vede. Con lui ed Emre Can in ombra, il centrocampo bianconero si regge soprattutto su Matuidi.

Ramirez 5

Il meno ispirato del tridente che Giampaolo schiera dal 1'. L'uruguaiano era sulla carta uno degli uomini più in forma della Sampdoria, oggi non si vede granché. Poco ispirato, poco partecipe, quasi sempre avulso dalla manovra offensiva blucerchiata. E in diversi frangenti la manovra ospite ne risente. Nella ripresa sparisce dal campo e allora il tecnico lo sostituisce. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.