Asamoah Gyan, triste destino: era strapagato e ora è sul lastrico

L'attaccante ex Udinese, ora in Turchia al Kayserispor, era arrivato a guadagnare oltre 12 milioni all'anno in Cina, ma ora avrebbe poche centinaia di euro sul conto.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

Dalle stelle alle stalle sembra essere il destino di Asamoah Gyan, l'attaccante ghanese di 33 anni che ha fatto una carriera straordinaria, almeno dal punto di vista economico, grazie all'Udinese e alla famiglia Pozzo.

Arrivato in Friuli a nemmeno 18 anni per la lungimiranza della rete di osservatori del club bianconero, il giocatore ha militato in Serie A anche nel Modena, in Ligue 1 nel Rennes, in Premier League nel Sunderland, per poi emigrare fra Emirati arabi, Cina e ora in Turchia.

A ogni trasferimento faceva la gioia dei club che avevano investito su di lui in precedenza e anche quella del suo conto in banca: all'Al-Ain, negli Emirati Arabi, dov'è stato dal 2011 al 2015, percepiva uno stipendio annuo di oltre 10 milioni, mentre allo Shanghai SIPG, dal 2015 al 2016, ne incassava oltre 12.

Asamoah Gyangetty
Asamoah Gyan con la maglia dell'Udinese

Asamoah Gyan: da strapagato a indigente

Dalla Turchia - dove dal 2017 milita nel Kayserispor - arriva ora la notizia che Asamoah Gyan sarebbe incredibilmente rimasto al verde: per la precisione avrebbe circa 700 euro sul conto corrente. Vero che il club non paga gli stipendi da alcuni mesi, ma dilapidare parecchie decine di milioni guadagnati in diversi anni di carriera sembra davvero un'impresa da guinness dei primati.

Asamoah Gyan Ghanagetty
Asamoah Gyan ha giocato oltre 100 partite con la Nazionale del Ghana, di cui è stato a lungo capitano

Molteplici parrebbero essere le cause, oltre ai mancati pagamenti degli ultimi mesi: dai problemi familiari - Asamoah è separato, ha tre figli e un suo post su Instagram sembra avvalorare la tesi dei 'parenti serpenti' - a un'evidente totale e manifesta incapacità di amministrarsi, anche se la sua attuale drammatica situazione sfiora veramente l'inimmaginabile.

View this post on Instagram

Hmmmm 🤐🤐

A post shared by Asamoah Gyan (@asamoah_gyan3) on

Guai giudiziari e... religiosi

Asamoah Gyan, oltre che per i suoi gol - oltre 150 in carriera, Nazionale compresa, dove ha giocato più di 100 match - è stato più volte al centro dell'attenzione dei media per i motivi più diversi. Nel 2014 fu addirittura accusato di occultamento di cadaveri allo scopo di compiere sacrifici umani, mentre due anni fa subì gli strali della Federazione calcistica degli Emirati Arabi a causa di un taglio di capelli contrario alle proprie linee guida, ispirate alle regole dell'Islam.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.