UFC 232, Jon Jones: "Chiedo scusa a fan e fighter per quanto accaduto"

L'ex campione dei massimi-leggeri UFC rompe il silenzio, scusandosi con tutti per il cambio di location di questo weekend.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Jon Jones fa mea culpa e chiede scusa a tutti. L'ex campione dei massimi-leggeri UFC, tra i talenti più cristallini ma anche più incoscienti dell'intera scena delle MMA mondiali, si prepara ad affrontare uno dei match più importanti della sua carriera: la rivincita finalmente concessa ad Alexander Gustafsson, ad oltre cinque anni di distanza dallo storico primo confronto tra i due, offrirà a Bones la tanto attesa chance di redenzione. Non sarà facile, però, fare i conti con lo svedese, che dopo essere sprofondato in un trittico di risultati negativi - come la finalizzazione con Rumble Johnson e la sconfitta di misura contro Daniel Cormier - è riuscito a risollevarsi, conquistando quell'incontro atteso da mezzo decennio ormai.

Gustafsson che non si è opposto al cambio di location di UFC 232, inizialmente organizzato a Las Vegas ma spostato di oltre 435 chilometri a causa della mancata concessione della licenza a Jones da parte della Commissione Atletica del Nevada. Tutto a causa di alcune tracce di sostanze non consentite rilevate nelle analisi di Bones, fattore questo che non ha però pregiudicato l'ok da parte della AC della California, che ha dato il via libera all'ex campione per svolgere il match a Los Angeles. Tutto sistemato dunque, o quasi: restano, infatti, i disagi per tutti quei fans che avevano acquistato biglietti aerei intercontinentali per prender parte all'evento, tra cui parecchi svedesi.

Proprio per questo, Jon Jones si è reso protagonista di un messaggio di scuse nei confronti del pubblico e dei fighter che saranno impegnati a UFC 232: a pochi giorni dall'evento che chiuderà il 2018 delle grandi MMA, dunque, Bones ha così commentato il cambio di città per il PPV UFC ai microfoni di MMA Junkie.

Mi sento bene, non posso proprio permettermi di sentirmi in altro modo. Oggi sono andato in giro scusandomi con ogni fighter UFC presente nella card che ho incrociato di persona. Tutti quelli che ho visto finora hanno detto di avermi perdonato, e adesso ho bisogno di dare priorità alle mie emozioni, e conservarle per dopo il match. Al termine del combattimento ho sicuramente intenzione di far qualcosa per ridare ai fans quanto hanno perso. La mia reazione agli esami? All'inizio mi sono detto "Non di nuovo". Sembrava un incubo, ma la mia fede in Dio mi ha aiutato davvero. Alcune cose sono fuori dal tuo controllo, per cui devi solo imparare a concentrarti su ciò che puoi controllare da te.

MMA, Gustafsson vs TexeiraGetty Images
MMA, Alexander Gustafsson annichilisce Glover Texeira con una prestazione fantastica. Riuscirà a ripetersi anche contro Jon Jones?

MMA: il retroscena su UFC 232

Intanto però è venuto fuori un retroscena interessantissimo dagli UFC Embedded: nel terzo episodio dei Vog UFC, infatti, si può vedere Dana White proporre ad Alexander Gustafsson un eventuale spostamento del match con Jon Jones a marzo, qualora lo svedese si fosse rifiutato di salire sull'ottagono delle grandi MMA a causa dei fatti dei giorni scorsi. Il tutto, però, si è concluso come auspicato dalla promotion, con The Mauler che ha accettato comunque di combattere nonostante lo spostamento dell'evento ad LA.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.