Serie A, furia Allegri: "Certi presidenti creano un clima malato"

Il tecnico della Juve non ci sta e dopo il pari contro l'Atalanta sbotta: "Certi presidenti sono diseducativi, non si può andare avanti così". Riferimento chiaro ad Aurelio De Laurentiis.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Juventus pareggia a Bergamo, impatta 2-2 contro un'Atalanta tonica, capace di tenere botta alla corazzata bianconera e addirittura passare in vantaggio nella ripresa grazie a un super Zapata autore di una doppietta. Ci ha pensato poi Cristiano Ronaldo, sganciato dalla panchina da Allegri, a rimettere le cose a posto per la Vecchia Signora che trova il secondo pari in questo campionato di Serie A e sale a quota 50 punti in classifica. 

Ma Allegri non ci sta, non tanto per il risultato che nel complesso pare giusto, quanto per l'espulsione di Rodrigo Bentancur che - interpretando le parole del tecnico bianconero a Sky Sport - sembra quasi figlia di un clima di sospetto e di pressione creato da alcuni presidenti di altri club. E il riferimento è evidentemente ad Aurelio De Laurentiis che nei giorni scorsi aveva contestato con parole molto forti la designazione di Mazzoleni per Inter-Napoli.

Allegri è arrabbiato, deluso, quasi frustrato dall'atmosfera di continui sospetti che si alimenta intorno alla sua Juventus. Rimarca come, dopo la vittoria contro la Roma di sabato, non si sia parlato dell'ingiusto - a detta sua - annullamento del gol di Douglas Costa nel finale, sottolinea come l'esasperare continuamente gli animi, puntando sempre il dito sugli arbitri e creandosi così un alibi per i propri insuccessi, sia diseducativo anche per le generazioni future. 

Serie A, furia AllegriGetty Images

Serie A, Allegri al veleno su De Laurentiis

L'allenatore della Juventus si scaglia senza mezzi termini contro il patron del Napoli che non viene mai citato direttamente, ma che è l'evidente bersaglio delle parole di Allegri. L'espulsione di Bentancur è il pretesto per aprire un dibattito che evidentemente porterà con sé degli strascichi:

Oggi mi girano le scatole, ho perso la pazienza. Non parlo degli arbitri, lo sapete. Banti ha arbitrato bene, ma succedono cose strane fuori dal campo. Sento responsabili di altre società fare dichiarazioni pesanti verso gli arbitri, fare i moralizzatori e poi succede questo. Mi arrabbio anche io, non va bene così. Noi lavoriamo e vogliamo vincere, ci sarà da lavorare duramente per rivincere il campionato. Sono amareggiato, in Italia non si migliorerà mai da questo punto di vista nonostante le belle parole di circostanza

Finita? Macché. Allegri rincara la dose, è infastidito dal lasso di tempo passato dal fallo di Bentancur all'estrazione del secondo cartellino giallo da parte di Banti. Come se tra un episodio e l'altro l'arbitro abbia ceduto alle proteste dei giocatori dell'Atalanta o sia - più probabile - arrivata una chiamata dal var. Ma il bersaglio del tecnico è sempre lo stesso: 

Banti ha arbitrato bene, non ne parlo. Ma non è elegante fare allusioni e dichiarazioni. Io non parlo mai, dobbiamo educare i tifosi. Potrei parlare e fare casotto, ma è sbagliato fare cosi. In Italia viene concesso tutto e anche oltre. Sabato contro la Roma abbiamo vinto una partita senza dire niente, una gara rimasta in equilibrio per cosa? Ditemelo voi... Nessuno ne parla. Poi abbiamo vinto sabato, ok, ma non possiamo far passare cose fuori dal normale. La pazienza scappa anche a me. In Italia non possiamo migliorare con esempi di un certo tipo. E dispiace per i giovani che avranno sempre questi esempi qui, l'eleganza o ce l'hai o non ce l'hai. Non la puoi comprare

Santo Stefano al vetriolo tra le due squadre che si giocano il campionato di Serie A. E chissà se stasera De Laurentiis vorrà rispondere alle parole di Allegri. Banti, però, non può essere accusato di una condotta scorretta della gara, anche se qualche piccola macchia c'è.

Serie A, gli episodio da moviola di Atalanta-JuventusGetty Images

La moviola di Atalanta-Juventus

Ci sta l'espulsione di Bentancur. Il primo giallo arriva al 18', il centrocampista bianconero spinge Ilicic che sta ripartendo e interrompe un'azione promettente. Giusto il provvedimento. Corretto anche il secondo cartellino che giunge al 53', Bentancur pesta il piede di un avversario, Castagne, che sta facendo ripartire l'azione. L'unico neo è il tempo che passa dal fischio di Banti, all'arrivo del provvedimento disciplinare. Ma la decisione è corretta. 

Regolari i quattro gol. Giusto annullare quello di Bonucci per fuorigioco nel finale del match della 18esima di Serie A: il difensore parte oltre sulla spizzata di Alex Sandro. Poteva starci un giallo per Mancini al 19' del primo tempo per un duro intervento su Dybala. Il difensore verrà poi sanzionato 13 minuti dopo per una scorrettezza sempre sull'argentino. Molto severa l'ammonizione per Mandzukic al 62'. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.