Bundesliga, Ribery show: il Bayern Monaco ne fa tre all'Eintracht

Ribery incanta e fa doppietta, Eintracht Francoforte sconfitto 3-0 a domicilio. Ora la squadra di Kovac è seconda a -6 dal Borussia Dortmund

0 commenti

di - | aggiornato

Share

È l'ultimo impegno prima della sosta invernale, che durerà un mese e ritroverà le squadre in campo solo il 19 gennaio. Il Bayern lo vince con autorità e tiene il passo del Borussia Dortmund e tornando a -6 dalla squadra di Lucien Favre che ieri aveva vinto lo scontro diretto contro il Moenchengladbach e guida la Bundesliga. Prova di spessore dei bavaresi che soffrono l'inizio sprint dell'Eintracht, ma poi prendono campo, segnano sul finire di primo tempo e nella ripresa controllano e poi colpiscono in ripartenza. 

Il Bayern vince e ribadisce di essere la più credibile antagonista del Dortmund, trascinato da uno splendido Ribery autore della doppietta decisiva e protagonista di una grande prova. Il francese, alla soglia dei 36 anni, ribadisce di poter essere ancora un elemento in grado di fare la differenza ad alti livelli. C'è gioia anche per l'ex Genoa Rafinha autore del terzo gol. 

Gioia anche per Niko Kovac che tornava per la prima volta da ex alla Commerzbank Arena, dopo aver vissuto due stagioni sulla panchina dell'Eintracht e aver riportato un trofeo a Francoforte dopo 31 anni d'astinenza. La Coppa di Germania vinta nell'annata passata. Brutto passo falso per la squadra di Hutter che ora perde terreno dal Lipsia quarto e avanti di quattro punti sul Francoforte. L'Eintracht era partito bene, poi però ha pagato alcune ingenuità difensive e la superiore qualità dell'avversario. 

Bundesliga, Eintracht Francoforte-Bayern Monaco: la cronaca del match

Kovac sceglie il 4-2-3-1 con Muller, Alcantara e Ribery a supporto di Lewandowski. Adi Hutter si affida alla coppia d’oro Jovic-Haller che ha segnato fin qui 21 gol in stagione. La partita è da subito molto viva, l’Eintracht parte col piede sull’acceleratore e prima Da Costa e poi Jovic mettono i brividi a Neuer, in entrambi casi la palla sibila accanto al palo e termina sul fondo. Il Bayern inizialmente fatica a tenere i ritmi altissimi imposti dai padroni di casa, ma col passare dei minuti prende campo e al 13’ è Trapp a compiere un miracolo su colpo di testa ravvicinato di Javi Martinez e poi sul tap in di Muller.

Grazie a Kimmich e Martinez e all’estro di Alcantara il Bayern comincia a prendere in mano le redini della partita e trova il gol con Ribery che finalizza un contropiede orchestrato da Muller e rifinito da Lewandowski. Terza rete in Bundesliga per il francese. Il gol è una mazzata per il morale della squadra di Hutter che deve anche rinunciare a Gacinovic che esce per un problema muscolare, al suo posto entra De Guzman. Sul finire di tempo è la traversa a salvare Trapp sul colpo di testa di Thomas Muller assistito ancora da Lewandowski.

È l'ultima emozione di un primo tempo godibile che il Bayern ha legittimato soprattutto nella seconda parte. Dopo il gol di Ribery, prima un'occasione per Lewandowski e poi la clamorosa traversa di Muller evidenziano il potenziale offensivo dei bavaresi e la non sempre solida interpretazione difensiva dell'Eintracht.

La ripresa

Il secondo tempo inizia senza cambi, anche perché Hutter ha già dovuto effettuarne uno nella prima frazione a causa dell'infortunio di Gacinovic. L'Eintracht prova a imporre di nuovo un ritmo elevato alla partita, ma il Bayern non accetta di portare la sfida su quel campo, è abile a disinnescare le fonti di gioco avversarie e quando riparte è sempre pericoloso. Ribery è in forma, si vede che sta attraversando un momento di forma eccezionale, sprinta sulla sinistra e serve al centro per Lewandowski che solo davanti a Trapp, però, controlla male. 

L'Eintracht ci prova e si rende pericoloso dopo un'ora di gioco, corner da sinistra ma Da Costa è impreciso a due passi dalla porta difesa da Neuer. Risponde subito il Bayern, ma il tentativo di Muller finisce in curva. Hutter inserisce Muller e toglie Fernandes, mentre Alcantara chiede un rigore per tocco di mano di Falette, ma arbitro e var giudicano il braccio attaccato al corpo e lasciano correre. L'Eintracht non molla, Jovic calcia ma trova solo l'esterno della rete. 

La ripresa è tesa, combattuta, sono tanti i contrasti, l'Eintracht ci prova con Haller che di testa però non trova lo specchio e non impensierisce Neuer. Il Bayern Monaco, però, quando trova spazio per ripartire si rende pericoloso e quando mancano dieci minuti alla fine trova il colpo dello 0-2: grande giocata di Alcantara in mezzo al campo, palla per Kimmich che scambia con Ribery che ciabatta il destro e inganna Trapp sul primo palo. Momento d'oro e pure fortunato per il francese che sigla la terza rete in tre giorni, la quarte nelle ultime tre di campionato giocate. Il finale è d'accademia per il Bayern che trova anche il tris con Rafinha che sbaglia il cross da destra, ma trova Trapp messo male e lo beffa. Decima vittoria in campionato per il Bayern che sale al secondo posto e si porta a sei punti dal Borussia Dortmund nella classifica di Bundesliga.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.