Serie A, Ancelotti: "Napoli, sogno di cantare 'O surdato 'nnamurato..."

Il tecnico, ai microfoni di Tiki Taka, ha parlato della città e della passione dei tifosi. Poi sul calciomercato chiude al ritorno di Cavani: "I nostri attaccanti segnano moltissimo".

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Carlo Ancelotti è felice dopo il suo ritorno in Serie A. Il Napoli va, la delusione Champions League è stata già messa alle spalle. L’entusiasmo è sempre alto, si sogna ancora lo Scudetto rimanendo in scia della Juventus e si punta ad un ottimo cammino in Europa League. E il tecnico si propone anche come cantante all’interno del San Paolo.

Servono vittorie, certo, per intonare ‘O surdato nnamurato’. Una di quelle atmosfere indimenticabili che solo quello stadio e quei tifosi possono regalare. E pensare che Ancelotti ha pure una bella voce. Ricordare per credere: ha cantato per il Milan (dopo la Champions League vinta ad Atene) e pure a Monaco per festeggiare con il Bayern.

L’allenatore, ai microfoni di Tiki Taka, ha parlato di Serie A, di futuro, di avversari e del suo magnifico rapporto con la città di Napoli. Una storia d’amore, iniziata mezza stagione fa, che continua a gonfie vele.

Serie A, Ancelotti e l'amore per NapoliGetty Images
Serie A, Ancelotti e il sogno di cantare per il Napoli

Serie A, la carica di Ancelotti: “Vinco e canto”

La sua espressione non è scalfita dalla delusione in Champions League. Il Napoli, dopo il ko contro il Liverpool che è valso l'eliminazione, ha saputo subito reagire andando a vincere a Cagliari. Il sogno in Serie A è sempre lo stesso: tentare di battere la Juventus, ad oggi prima e distante 8 punti. Il tecnico di Reggiolo a Tiki Taka scherza e rilancia:

Mi piacerebbe cantare ‘O Surdato ‘nnamurato' allo stadio San Paolo. In occasione di qualche vittoria, certo, qualcosa da alzare. Solo in quel caso si può cantare. La Juventus? Bisogna rimanere concentrati su quello che si può fare senza pensare agli altri. Il viaggio europeo del Napoli invece continua. L’Europa League sta diventando una competizione importante, è un’opportunità. Negli ultimi anni è stata vinta da top club come Atletico Madrid, Chelsea e Manchester United

Ancelotti e la città di Napoli, amore a prima vista destinato a continuare:

Qui ci sono dei panorami e viste uniche. Il clima è stupendo e i napoletani sanno vivere bene, anche attraverso le difficoltà e i problemi. C’è tanta passione. De Laurentiis mi ha chiesto di fare il massimo per tenere questa società ad alti livelli, cosa che era già prima del mio arrivo. La qualità della rosa è alta, posso permettermi anche di fare turnover senza intaccare il rendimento della squadra

Serie A, Carlo Ancelotti in panchina Getty Images
Serie A, Carlo Ancelotti a Liverpool prima dell'eliminazione

Infine si parla di Cristiano Ronaldo, allenato al Real Madrid, e anche di calciomercato. Con lo stesso Ancelotti che chiude ad ogni possibilità di far tornare Cavani.

CR7 l’ho visto quando abbiamo giocato contro la Juventus, ma dopo non ci siamo sentiti. Mi sembra il solito Ronaldo: un giocatore determinante e motivato, non credo sia cambiato rispetto a quando l’ho allenato. Resta un calciatore al top che fa la differenza. Cavani? Paradossale che si parli di lui quando i nostri attaccanti hanno fatto tantissimi gol. Milik sta trovando continuità dopo anni difficili per via degli infortuni. Poi ci sono Mertens e Insigne

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.