Calciomercato, Gattuso e Spalletti a rischio: derby milanese per Conte

Milan e Inter pensano all'ex manager del Chelsea come prossimo obiettivo per le rispettive panchine. L'ingaggio è alto ma si può trattare.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Calciomercato da decifrare, la questione stadio, risultati che non arrivano e squadre in crisi. Non è certo un bel momento quello che attualmente stanno passando le squadre milanesi. Da una parte c'è l'Inter che, fino a un paio di settimane fa, sembrava veramente poter recitare un ruolo da protagonista prima di incappare in un'eliminazione dolorosa dalla Champions League. Dall'altra, ovviamente, c'è il Milan, il quale non solo ha dovuto salutare anzitempo l'Europa League al termine di un match sfortunato, ma anche in campionato sta cercando di fare il salto di qualità definitivo per centrare un quarto posto che avrebbe del miracoloso.

Due contesti profondamente diversi ma al momento terribilmente simili.  E, in entrambi i casi, per giustificare le mancanze palesate nelle ultime settimane, le due società hanno messo sulla graticola i rispettivi allenatori. D'altronde si sa, l'allenatore è uno solo e rappresenta il pezzo del puzzle sostituibile in maniera più facile e indolore. Certo, anche in questo caso vanno fatte valutazioni serie e attente, soprattutto per non minare ulteriormente un ambiente già in tensione a causa dei risultati che non arrivano più.

Luciano Spalletti e Gennaro Gattuso hanno una cosa in comune: sono due personaggi estremamente divisivi. C'è chi li ama e li supporta, c'è chi li critica a prescindere. In ogni caso non si possono certo negare le buone cose fatte da entrambi a livello di obiettivi raggiunti: Spalletti, al primo anno di Inter, ha riportato l'Inter in Champions League dalla porta principale, mentre Gattuso - subentrato a stagione in corso - ha condotto il Milan in Europa League nonostante i tanti problemi del club a operare sul calciomercato. Tutto questo però non conta più: all'orizzonte, per entrambi, si vede chiaramente la fine dell'avventura sulle rispettive panchine e, sia su Spalletti che su Gattuso, aleggia il nome pesantissimo di Antonio Conte.

L'ex manager del Chelsea, Antonio ConteGetty Images

Calciomercato, Spalletti e Gattuso rischiano il posto: sarà derby per Conte

Antonio Conte è fuori dal giro da circa un anno. La sua ultima esperienza è stata quella con il Chelsea, un biennio finito male con il divorzio dai blues. Durante questo lasso di tempo però il tecnico leccese si è tolto la soddisfazione di riportare il titolo a Stamford Bridge, spezzando l'egemonia e il duopolio della città di Manchester e mettendosi dietro due squadre probabilmente più attrezzate del suo Chelsea. Ma questo è il passato, perché nel presente Conte sta aspettando spasmodicamente la proposta di un progetto serio e allettante, che possa fargli tornare la voglia di sedersi su una panchina per ripartire da zero.

Conte piace a tanti, in particolare alle due milanesi. Il Milan lo ha già sondato un anno fa, quando nella sede di via Aldo Rossi comandavano ancora Yonghong Li e il suo sistema di scatole cinesi finito, come ormai è stato appurato, decisamente male. Li aveva dato mandato a Massimiliano Mirabelli di contattare Antonio Conte per proporgli la panchina rossonera, ma l'allenatore non accettò per la mancanza di accordo sull'ingaggio e perché, probabilmente, non aveva ricevuto le necessarie rassicurazioni dal punto di vista del calciomercato.

Va detto che Conte, secondo alcune voci che circolavano all'epoca, avrebbe chiesto 10 milioni di euro netti come stipendio, una cifra assolutamente fuori budget per il Milan che, peraltro, era ancora in piena lotta contro la UEFA per il discorso legato al Fairplay finanziario. Oggi invece Conte potrebbe ascoltare le offerte della nuova società, che deve sì rispettare alcuni vincoli imposti dal massimo organo europeo, ma è senz'altro più solida e in grado di offrire al tecnico un progetto pluriennale.

Antonio Conte, obiettivo di Inter e MilanGetty Images

L'ex Chelsea piace anche all'Inter: è un pallino di Zhang

In casa nerazzurra invece Antonio Conte ha un fan d'eccezione: si tratta di Steven Zhang, figura di spicco della società e professionista che si occupa di capire le esigenze e curare i rapporti tra squadra e dirigenza. Zhang ha un debole per Conte e, qualora dovesse saltare Spalletti, fonti bene informate assicurano che sarebbe disposto a fare di tutto per portarlo all'Inter. Zhang vede in Conte l'uomo per far fare alla squadra un salto di qualità. D'altronde, l'ex manager del Chelsea ha costruito le basi dell'attuale Juventus, quindi l'obiettivo è di fare lo stesso a distanza di sette anni, provando a ripetersi con i nerazzurri.

Difficile, ma non impossibile, perché questa Inter è probabilmente la società che - numeri alla mano - nei prossimi anni potrebbe abbozzare un tentativo di assalto allo scettro detenuto dalla Juventus ormai da tantissimo tempo. Il processo di crescita si sta sviluppando a tappe e Conte potrebbe rappresentarne una fondamentale. Detto ciò, al momento sembra che la posizione di Spalletti sia più solida rispetto a quella di Gattuso: nonostante i rapporti con l'ambiente non siano idilliaci, il toscano molto probabilmente finirà la stagione sulla panchina nerazzurra, mentre lo stesso non si può dire di Gattuso, al quale un'altra sconfitta potrebbe essere fatale.

Quindi, eventualmente, starà al Milan provare ad anticipare l'Inter per portarsi a casa uno degli allenatori top attualmente in circolazione. Il processo di crescita passa anche dal poter contare su una persona in grado di costruire qualcosa di solido mattone dopo mattone, cosa che Conte ha dimostrato di saper fare molto bene. Inoltre, un suo ipotetico arrivo potrebbe convincere giocatori di una certa fascia ad accettare con più facilità una delle due destinazioni. Insomma, Conte sarebbe un investimento non solo per la panchina. Un investimento che Inter e Milan sono pronte a fare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.