Champions League: i cinque migliori Under 21 della fase a gironi

Dalla Francia al Belgio, passando per Olanda, Russia e Portogallo. Arrivano da qui i cinque migliori Under 21 della fase a gruppi di Champions League.

0 condivisioni 0 commenti

di - | aggiornato

Share

La fase a gironi di Champions League è andata in archivio ed è quindi tempo di tirare le prime somme. Oltre alle varie considerazioni sui club e le relative prospettive riguardo al loro futuro cammino dagli ottavi di finale in poi, è piacevole notare come anche la maggior competizione continentale esprima valori molto importanti a livello di giovani talenti.

D'altronde la Champions League abbiamo imparato a conoscerla non solo come vetrina per campioni, ma anche come rampa di lancio per ragazzi alla prima loro vera esperienza internazionale. In questa edizione abbiamo visto diverse squadre regalare la ribalta a talenti decisamente interessanti. Alcuni, tipo il Monaco, lo hanno fatto per necessità: in casa monegasca è in atto un processo di dismissione che ha portato la società a vendere praticamente tutti i migliori, obbligando prima Leonardo Jardim e poi Thierry Henry a usare i tanti ragazzi del vivaio a loro disposizione.

Poi c'è chi invece ha fatto giocare diversi giovani talenti perché ci credeva, lanciandoli anche in barba al fatto che alcuni di loro non avessero mai maturato esperienza in campo europeo. Questo accade soprattutto tra le squadre di medio-basso livello che, soprattutto nelle partite di fine girone, a giochi fatti, possono permettersi di sperimentare maggiormente. Quali sono stati i migliori Under 21 di questa prima parte di Champions League? Noi ne abbiamo scelti cinque.

Champions League, sorpresa Aouar: piace a tutte le big d'Europa

  • Anno di nascita: 1998
  • Club: Lione
  • Ruolo: centrocampista
  • Scadenza contratto: 30.06.2023

Houssem Aouar è uno dei centrocampisti più futuribili dell'intero panorama europeo. Lo ha dimostrato proprio in questa Champions League, dove a suon di prestazioni si è preso definitivamente una maglia da titolare nel centrocampo del Lione e, parallelamente, la menzione dalla UEFA come uno dei giovani da seguire con più attenzione. Nato e cresciuto a Lione, Aouar è di origine algerina ma ha già scelto di rappresentare la Francia. È arrivato all'OL solo nel 2009, completando il processo di crescita nella seconda squadra prima di essere convocato tra i grandi da Genesio.

La scorsa stagione ha giocato oltre 40 partite, mentre in questa è partito fortissimo segnando già 5 gol in Ligue 1 e fornendo 3 assist in Champions. Centrocampista versatile, Aouar può agire nel cuore della mediana lionese ma anche da trequartista e laterale mancino atipico. A Lione lo hanno già paragonato a una vecchia gloria del club come Juninho Pernambucano, anche se il suo idolo è Zinedine Zidane. Piace, e tanto, a Pep Guardiola, ma per strapparlo al presidente Aulas servirà un'offerta molto più che convincente.

Noussair Mazraoui

  • Anno di nascita: 1997
  • Club: Ajax
  • Ruolo: terzino destro
  • Scadenza contratto: 30.06.2021

Tra i tanti talenti lanciati di recente dall'Ajax c'è anche Noussair Mazraoui. Il giovane terzino destro di origini marocchine ha fatto intravedere cose molto interessanti durante questa prima parte di Champions League, nella quale – oltre a fornire prestazioni super – si è anche preso il lusso di segnare due reti pesantissime, contro Bayern e Benfica, che hanno fruttato quattro punti ai Lancieri.

Lanciato in prima squadra nel 2016, si è preso definitivamente la titolarità quest'anno grazie ad alcune prove molto convincenti nella prima parte di Eredivisie. Mazraoui è un terzino che sa spingere molto bene ma ultimamente si sta anche affinando in fase difensiva e, soprattutto, possiede una tecnica di base decisamente sviluppata che gli permette di essere adattato anche in mezzo al campo. Tra i suoi tanti estimatori ci sarebbe anche Monchi, direttore sportivo della Roma che lo avrebbe messo già da tempo nel mirino.

Ruben Dias

  • Anno di nascita: 1997
  • Club: Benfica
  • Ruolo: difensore centrale
  • Scadenza contratto: 30.06.2023

La Juventus e i top club inglesi lo cercano già da tempo. D'altronde Ruben Dias, talento di casa Benfica, è un nome che già da tempo affolla i taccuini dei vari osservatori europei. Nonostante la Champions League non sia andata benissimo per le sue Aguias, costrette dal terzo posto a “retrocedere” in Europa League, Dias si è messo in mostra per la personalità con la quale agisce in mezzo alla difesa.

Va detto che nel club lusitano Dias non ha preso il posto di uno qualsiasi, ma si è guadagnato i galloni di titolare spodestando dal reparto arretrato una figura storica come quella di Luisão, per anni leader e idolo della tifoseria benfiquista. Dias, pur essendo alto 187 centimetri, sa giocare sia di piede che di testa, è molto bravo negli anticipi e soprattutto si sta affinando anche nella tecnica di base. Il suo cartellino è gestito dalla Gestifute, società controllata dal plenipotenziario agente portoghese Jorge Mendes. Il che, se ci pensate, è già sinonimo di garanzia.

Nikola Vlasic

  • Anno di nascita: 1997
  • Club: CSKA Mosca
  • Ruolo: trequartista
  • Scadenza contratto: 30.06.2019 (fine prestito)

Uno dei vivai più produttivi d'Europa si trova in Croazia, a Spalato. Ovviamente stiamo parlando di quello dell'Hajduk, che negli ultimi anni ha prodotto talento a quintali. Tra i ragazzi lanciati nel calcio che conta c'è anche Nikola Vlasic, trequartista ambidestro passato un anno fa all'Everton per quasi 12 milioni di euro. Dopo una stagione passata a scaldare alternativamente panchina e tribune di Goodison Park, Vlasic è stato mandato in Russia per trovare spazio e minuti.

Missione compiuta, almeno fino a ora. Nel CSKA dei paradossi (eliminato pur avendo fatto sei punti contro il Real Madrid) Vlasic ha un ruolo centrale, da trequartista di raccordo tra mediana e attacco. Il croato si è messo particolamente in mostra per le sue giocate d'alta scuola e per la sua abilità nei calci piazzati: in questa Champions League è sempre stato impiegato dal tecnico Goncharenko, ripagato da 3 gol e 2 assist decisivi. A fine stagione tornerà all'Everton: solo allora capiremo se i Toffeees decideranno di tenerlo in rosa o monetizzarlo. In questo caso, Vlasic diventerebbe una grande opportunità di mercato.

Arnaut Danjuma Groeneveld

  • Anno di nascita: 1997
  • Club: Club Bruges
  • Ruolo: esterno sinistro
  • Scadenza contratto: 30.06.2022

Citazione sulla fiducia per Arnaut Groeneveld, esterno offensivo del Club Bruges che in questa Champions League ha giocato solo due partite, segnando però un gran bel gol e, più in generale, mettendosi in mostra con alcune giocate di qualità finissima. Groeneveld è olandese, ma nato da genitori nigeriani: entrato giovanissimo nelle giovanili del NEC, è passato al PSV nel 2013. Dopo aver giocato tre anni a Eindhoven è rientrato al NEC, che quest'estate lo ha ceduto per 1,5 milioni di euro al club belga.

Groeneveld è un elemento offensivo molto duttile. Destro di piede, parte preferibilmente da sinistra per sfruttare la sua rapidità nel saltare l'uomo e portarsi la palla sul piede forte. Non è raro vederlo tentare il tiro da fuori area: infatti, la rete segnata all'Atletico Madrid è arrivata proprio in questo modo, con una staffilata imprendibile da distanza siderale che non ha lasciato scampo a Oblak. Secondo alcune indiscrezioni, Groeneveld piace molto in Inghilterra e, nonostante il contratto formato fino al 2022, non è affatto scontato che si fermi in Belgio ancora a lungo.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.