Pallone d'Oro, controversie sul voto delle Comore: il giornalista non esiste

Tra le 173 schede arrivate a France Football ci sarebbe stata anche quella di un certo Abdou Boina, rappresentante di un sito chiuso da sei anni e che nessuno ha mai sentito nominare.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

La vittoria da parte di Luka Modric del Pallone d'Oro 2018, capace di interrompere dopo un decennio il duopolio Cristiano Ronaldo/Messi, continua a far parlare tifosi e addetti ai lavori in tutto il mondo. E oltre alle diverse opinioni emerse in relazione alla vittoria del centrocampista croato, divise tra chi ha ritenuto meritata la sua vittoria nel trofeo che France Football riconosce a quello che viene considerato il miglior calciatore al mondo e chi l'avrebbe assegnata a qualcun altro, emerge un nuovo retroscena che sicuramente farà discutere.

Si tratta di una delle 173 schede pervenute alla redazione del giornale francese da parte dei giornalisti di tutto il mondo e nello specifico di quella compilata dal giurato rappresentante le Isole Comore, il giornalista di "Albalad Comores" Abdou Boina, che avrebbe indicato come migliori al mondo, nell'ordine, Mbappé, Modric, Cristiano Ronaldo, Hazard e Salah. Un'opinione sacrosanta, quella del corrispondente del Paese africano, non fosse che per un particolare di non poco conto: Abdou Boina non esiste.

C'è di più: "Albalad Comores", un tempo raggiungibile sul web all'indirizzo www.albaladcomores.com, avrebbe chiuso i battenti da ben 6 anni e adesso appare come un sito, peraltro composto da una sola pagina, che si occupa di consigli rivolti a chi vive una relazione sentimentale in crisi. A rivelarlo è stato il fotografo Toimimou Abdou, fotografo che sostiene di aver lavorato in passato per la testata e che non ricorderebbe minimamente il nome del giurato chiamato da France Football a esprimere le proprie preferenze per il Pallone d'Oro.

Pallone d'Oro, mistero sul voto delle Comore: il giornalista non esiste

Sono sorpreso di constatare che il quotidiano Albalad Comores esiste ancora. Che io sappia questa è la verità: questo giornale è chiuso da almeno sei anni. E nella redazione non c'è mai stato nessun giornalista di nome "Abdou Boina". Avevamo due redattori sportivi, Abdoul Youssouf per l'edizione francese e Sharif Ousseine per quella araba.

Al mistero relativo al voto espresso da un giornalista inesistente che lavora per un sito chiuso da sei anni eppure iscritto da France Football tra gli oltre 170 giurati provenienti da ogni parte del globo chiamati a votare il Pallone d'Oro, il più prestigioso riconoscimento individuale esistente nel mondo del calcio, si aggiunge un altro errore della nota rivista francese, che nell'indicare il voto di ciascun giornalista ha affiancato al nome di Abdou Boina una bandiera che l'Unione delle Comore non utilizza da ben 17 anni, come sottolineato dal membro della federazione calcistica delle Comore Fayssoile Moussa.

Posso capire che il giurato delle Comore, Abdou Boina, sia un giornalista freelance. Ma presentarlo come redattore di Albalad Comores è un segnale di disprezzo verso il nostro Paese, specie se France Football lo rappresenta con una bandiera che non viene più usata da 17 anni. 

La bandiera verde recante la mezzaluna bianca, le quattro stelle e i nomi di Allah e Maometto scritti in arabo è stata utilizzata infatti tra il 1996, anno dell'elezione come presidente di Mohamed Taki Abdoulkarim, e il 2001, quando ebbe inizio il secondo mandato dell'attuale presidente del Paese africano Azali Assoumani. La Nazionale delle Comore occupa il 149esimo posto del ranking FIFA e ha il suo giocatore più rappresentativo nel 29enne El Fardou Ben Nabouhane, bomber della Stella Rossa di Belgrado. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.