Calciomercato Milan, cinque nomi per l'attacco se salta Ibrahimovic

Con l'affare Ibrahimovic momentaneamente in stand-by, Leonardo e Maldini valutano le possibili alternative sul mercato. Tra le ipotesi anche il ritorno di Pato.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Da affascinante suggestione di calciomercato a cocente delusione. È quello che rischia di diventare Zlatan Ibrahimovic, l'uomo individuato dalla dirigenza del Milan per rimpolpare le fila offensive della squadra in vista della seconda parte di stagione. Il centravanti svedese, che negli ultimi giorni aveva lanciato segnali molto convinti verso la destinazione rossonera, adesso potrebbe trasformarsi in un affare lasciato in stand-by. Le motivazioni alla base di questo stop sono molteplici.

In primis, ci sarebbero delle valutazioni che il Milan starebbe portando avanti sulle condizioni fisiche del giocatore. Ibrahimovic, nonostante faccia una vita da atleta praticamente da sempre, ha appena compiuto 37 anni ed è logico che i rossoneri stiano cercando di avere un quadro delle sue condizioni il più completo possibile. In fondo, va detto, il ritorno di Ibrahimovic al Milan smuoverebbe ulteriormente un ambiente che nelle ultime settimane è tornato a sognare il quarto posto, ma di certo non può trattarsi solo di un'operazione prettamente di marketing.

Inoltre, pare che nelle ultime ore i Los Angeles Galaxy si siano rifatti sotto per l'attaccante, offrendogli un nuovo contratto e la possibilità di continuare a essere il leader di una squadra molto ambiziosa che intende investire parecchio nella prossima sessione di calciomercato. Per questo la trattativa è in fase di stallo. Ciò non significa, ovviamente, che non possa ripartire nelle prossime ore, ma il club starebbe cercando di cautelarsi andando a sondare la disponibilità di altri attaccanti.

L'ex attaccante rossonero Alexandre PatoGetty Images

Calciomercato Milan, si lavora a un possibile ritorno di Pato

Sei stagioni complessive condite da 150 presenze, 63 gol e 18 assist, per un totale di quasi 10mila minuti giocati. Questo è lo score di Alexandre Pato con la maglia del Milan, club che lo portò in Italia ancora minorenne e lo vide esordire con un grandissimo gol in una famosa partita vinta contro il Napoli, durante la quale il Papero si mise in mostra affiancando due mostri sacri come Kakà e Ronaldo. Pato ha lasciato i rossoneri nel 2013, ma a distanza di cinque anni l'incredibile ritorno potrebbe seriamente concretizzarsi.

Partiamo col dire che Pato è molto stimato dai nuovi dirigenti del Milan, in particolare da Leonardo, che in passato aveva già parlato con lui in diverse occasioni. Purtroppo l'ex baby prodigio brasiliano negli ultimi anni si è un po' perso, per colpa degli infortuni e per alcune situazioni personali (nate proprio durante la sua permanenza milanese) che per anni si è portato dietro. Dopo aver vestito le maglie di Corinthians, San Paolo, Chelsea e Villarreal, Pato si è trasferito in Cina nel 2017 e, nel prossimo giugno, andrà in scadenza di contratto.

Per questo il Papero potrebbe rappresentare un buon affare low cost: lui vuole lasciare la Cina e il Tianjin Quanjian, suo attuale club, non può tirare troppo la corda per monetizzarlo. L'operazione potrebbe chiudersi con una manciata di milioni di euro, con tanto di benedizione del giocatore stesso che non vedrebbe l'ora di tornare a vestire i colori rossoneri.

Daniel Sturridge, attaccante del LiverpoolGetty Images

Occhi in casa Liverpool per due esuberi

Dopo aver battuto per settimane Londra alla ricerca degli innesti di calciomercato giusti da consegnare a Gattuso, il Milan potrebbe ritardare il suo rientro in Italia per fare tappa a Liverpool, sponda Reds. Qui ci sono due attaccanti che sono (quasi) completamente fuori dai piani di Jurgen Klopp. Due attaccanti che, in chiave rossonera, non rappresenterebbero dei pezzi da novanta ma andrebbero bene per completare il reparto in vista della seconda parte di stagione.

Si tratta di Daniel Sturridge e Divock Origi, entrambi abbastanza indietro nelle gerarchie del tecnico tedesco vista la presenza dei tre fenomeni che i Reds possono permettersi di schierare in attacco. Sturridge porterebbe con sé parecchie incognite fisiche, basti pensare che nelle ultime cinque stagioni è sempre stato fuori per almeno tre mesi nell'arco di un intero campionato.

Di contro, la punta inglese è un elemento molto duttile e potrebbe giocare sia da centravanti che da esterno destro, ruolo nel quale sfrutta la sua rapidità per rientrare sul mancino e andare al tiro. Diverso il discorso che riguarda Origi. Lo scorso weekend il belga è stato mandato nella mischia da Klopp per l'assalto finale nel derby contro l'Everton, ripagando l'allenatore con il gol vittoria.

Il tedesco lo stima molto e per questo, così come per Sturridge, sarebbe disposto a privarsene solo in prestito. Così sarà il Milan a doversi interrogare sulle proprie strategie: ha senso tappare un buco con un giocatore che non sai nemmeno se e quanto possa servirti? La palla, qui, passa a Leonardo.

Le altre alternative in attacco

Se la UEFA non dovesse andarci troppo pesante, il Milan potrebbe anche decidere di investire una discreta sommetta per portarsi a casa Pedro, nuovo fenomeno brasiliano che quest'anno si è messo in mostra con la maglia del Fluminense. Classe 1997, Pedro è un attaccante molto efficace in fase di finalizzazione. All'inizio faticherebbe sicuramente a trovare spazio, ma potrebbe rappresentare un investimento molto stuzzicante per il futuro.

Quanto chiedono i brasiliani? Un paio di mesi fa il Real Madrid è stato spiazzato quando i dirigenti del Flu hanno riferito che per meno di 20-25 milioni di euro non si sarebbero nemmeno seduti a trattare. Quindi non resta che provare un primo approccio e capire fino a dove può spingersi la concorrenza.

Concorrenza che invece sarebbe inesistente per Vincent Janssen, ormai desaparecido al Tottenham a causa della miriade di infortuni che lo stanno massacrando da oltre due anni. L'olandese sarebbe davvero un azzardo, una scommessa che probabilmente il Milan, questo Milan, non può permettersi di fare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.