Serie A, Spalletti: "Juventus grande squadra, non è solo Ronaldo"

Il tecnico interista ha parlato in conferenza prima di Juventus - Inter: "Per fare punti servono convinzione e mentalità. Da partite come questa passa la nostra crescita".

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Luciano Spalletti sa bene di avere la possibilità di dare una sterzata al campionato. Durante la conferenza stampa di presentazione di Juventus - Inter, big match del quindicesimo turno di Serie A in programma nell'anticipo del venerdì sera, il tecnico nerazzurro ha esternato fiducia e cariche positive sorprendenti per commentare ciò che attenderà l'Inter nei prossimi giorni.

D'altronde in meno di una settimana i nerazzurri si giocheranno davvero tanto, perché oltre a dover cercare di non perdere allo Juventus Stadium, il match contro i bianconeri sarà un antipasto dell'ultima serata di Champions League, nella quale l'Inter dovrà giocare contro il PSV usando la testa e, contemporaneamente, tendere l'orecchio verso quello che succederà a Barcellona.

Spalletti ne è consapevole, e tutto ciò lo stimola molto viste le risposte che la squadra ha dato in settimana:

A questa partita ci arriviamo nel migliori dei modi. Loro potranno giocarla senza particolari tensioni, ma noi siamo in ottime condizioni fisiche e mentali, quindi tutto dipenderà da quanto sapremo mettere in campo.

Luciano Spalletti, allenatore dell'InterGetty Images

Serie A, Spalletti presenta Juventus - Inter

Il Derby d'Italia non è una partita come le altre. Lo sanno i giocatori, lo sanno i tifosi e, ovviamente, lo sa anche Spalletti. La sfida contro la Juventus è sempre molto particolare, si porta dietro corsi e ricorsi storici lunghi un secolo e, talvolta, anche strascichi polemici che poi faticano a diradarsi completamente. Ma questo al mister non importa:

Io so che la Juventus ha grandissime qualità. Anche se spesso non dominano le partite, sfruttano sempre gli episodi e soprattutto hanno una mentalità vincente che in pochi altri hanno. Inoltre va detto che in ogni reparto hanno almeno un leader: dobbiamo avere coraggio e determinazione.

Nonostante gli ultimi passi falsi, soprattutto la sconfitta di Wembley col Tottenham, Spalletti sa di avere a disposizione un gruppo importante, con ancora diversi margini di crescita. Per questo a Torino l'Inter ci andrà senza paura:

Le mie certezze? La squadra cresce di partita in partita. Anche a Roma, per esempio, abbiamo fatto una buona partita. Dobbiamo solo fare più attenzione a non commettere certi errori, ma bisogna essere orgogliosi del percorso fatto fino a oggi.

Spalletti saluta Pochettino al termine di Tottenham - InterGetty Images

Sull'immediato futuro dell'Inter

Gli stop di Bergamo e Londra, inframezzati dalla (facile) vittoria col Frosinone e dal pari dell'Olimpico hanno rallentato un pochino l'Inter sulla tabella di marcia in Serie A. Quanto si giocano i nerazzurri da qui a martedì?

Una stagione non è fatta da partite singole, ma da passi. Bisogna fare tanti passi insieme. Dobbiamo convincerci che chi ci sa davanti non sia più forte di noi. La somma dei passi darà la giusta collocazione a questa Inter.

Spalletti ne è convinto, così com'è convinto del fatto che la Serie A sia ancora aperta:

Non è finita quando perdi una partita, ma quando smetti di crederci. La notizia negativa è che la Juve corre, quella positiva è che noi abbiamo subito la possibilità di accorciare. Tutto dipende da noi.

E questo, a prescindere dalla forza della Juventus:

Quando stavo a Roma sono venuti a prendersi Pjanic, poi sono andati a Napoli e si sono presi Higuain. L'anno scorso avevo uno dei terzini più forti del campionato e si sono presi pure lui. Questi sono i dettagli che, sommati, scavano poi le differenze sostanziali tra noi e loro.

Il tecnico dell'Inter Luciano SpallettiGetty Images

Su Cristiano Ronaldo e gli assenti

Le pessime notizie arrivano dall'infermeria. L'Inter andrà a Torino senza Nainggolan e Dalbert:

Le loro condizioni sono migliorate ma non recuperano ancora. Radja ci mancherà parecchio, ma ho grossa fiducia in chi scenderà in campo.

Ci sarà, invece, Cristiano Ronaldo. Come si ferma?

È un fenomeno vero che gli ha fatto fare un salto di qualità ulteriore. Ma la Juventus non è solo Ronaldo: Chiellini, per esempio, è un giocatore fenomenale. E come lui tanti altri. Starà a noi superarci per renderli innocui.

Luciano Spalletti in conferenza stampaGetty Images

Sulla mentalità della squadra

Consapevolezza sì, presunzione no. Quest'ultimo è un sentimento che dalle parole di Spalletti non traspare:

Non voglio fare proclami: visti i punti di distacco tra noi e loro sembrerei presuntuoso. Di certo li possiamo mettere in difficoltà se giochiamo come sappiamo. D'altronde questi sono i banchi di prova in cui si può andare a prendere il vero collaudo per essere pronti per giocare contro chiunque.

Il collettivo contro i singoli. Questo sembra essere il mantra di avvicinamento a una partita importante come quella contro la Juventus:

Sappiamo che loro sono fortissimi non solo perché hanno Ronaldo, ma anche nella mentalità di gente come come Chiellini, Pjanic e Mandzukic. Noi dobbiamo esprimere un collettivo, la singola giocata non è la soluzione a tutto.

L'allenatore dell'Inter, Luciano SpallettiGetty Images

Sulle cessioni dei big alla Juventus

Ultimo capitolo dedicato al calciomercato. Nell'ultima sessione il portoghese Cancelo, che poteva essere riscattato dall'Inter, è poi passato alla Juventus per rinforzare ulteriormente la corazzata dell'attuale Serie A:

Se qualcuno va via noi dobbiamo essere pronti a trovare alternative. La Juve dal canto suo va sul sicuro: sono già fortissimi e hanno l'allenatore migliore del campionato nel gestire questa tipologia di rosa. E, in più, emerge la loro mentalità vincente.

Già, la mentalità, un concetto sul quale Spalletti batte più volte il tasto, a testimonianza del fatto che i successi delle sue squadre passano in primis da un atteggiamento mentale che il tecnico toscano sta cercando di stimolare nei suoi ragazzi. In tal senso, il big match di venerdì rappresenterà un bel banco di prova.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.