Serie A, Allegri: "L'Inter? Per noi è più importante lo Young Boys"

Nella conferenza stampa alla vigilia del match contro i nerazzurri il tecnico cerca di smorzare l'attesa per il derby d'Italia: "Mercoledì ci giochiamo il primo posto".

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Certo ci sono sui colleghi sulle panchine della Serie A, e non solo, che sono sicuramente messi peggio, ma non deve essere facile nemmeno per Massimiliano Allegri, la cui Juventus già a fine novembre aveva 8 punti sulla seconda in campionato e aveva già staccato il pass per gli ottavi di Champions League, gestire una conferenza stampa.

La Juventus già era una corazzata, quest'anno con Cristiano Ronaldo è diventata una portaerei inaffondabile: 40 punti su 42 in campionato e il passaggio del turno in Europa assicurato da tempo sono il biglietto da visita per una stagione da dominare.

Quindi di che cosa parliamo quando parliamo di calcio? Qualcosa bisogna pure inventare per movimentare l'ambiente, avrà pensato Max, e ha estratto dal cilindro una battuta che di sicuro farà discutere i tifosi.

Serie Agetty

Serie A, Allegri: "L'Inter? Più importante lo Young Boys"

Chiaro che non ci crede nemmeno lui, ma in conferenza stampa la faccia è seria quando Allegri prova a ribaltare quello che gli allenatori dicono di solito - pensiamo una partita per volta, questa è la più importante e così via - e ad alleggerire l'attesa per il match di Serie A contro l'Inter in programma venerdì 7 dicembre allo Stadium:

Tra domani, che è una partita importante e mercoledì contro lo Young Boys, per noi è più importante mercoledì. Perché domani ci giochiamo una partita, mercoledì il primo posto nel girone di Champions.

Juventusgetty
Un'immagine del match di andata contro lo Young Boys

Stimoli al massimo

Certo, ma vuoi mettere la soddisfazione di schiacciare l'Inter, mandarla a -14 e in pratica cancellarne, già prima di Natale, ogni velleità di rimonta? E poi anche Allegri sa benissimo quanto il derby d'Italia valga per i tifosi e infatti prova a correggere il tiro spiegando che quando la Juventus incontra l'Inter gli stimoli sono già al massimo e, insomma, è una partita che si prepara da sola. Insieme al Napoli, in Serie A, la squadra di Spalletti è fra le più serie candidate a dare almeno un po' di fastidio alla portaerei bianconera:

L'Inter ha un bravissimo allenatore, hanno preso Asamoah che è uno dei terzini più bravi che ci siano in circolazione, hanno recuperato molti giocatori come Joao Mario, Borja Valero, hanno Nainggolan che non so se giocherà e tanti altri, da Perisic a Politano ai difensori. Per noi è una partita sotto l'aspetto emotivo e tecnico importante, dovremo prepararci al meglio. L'Inter sta crescendo tanto.

I problemi di Bentancur

Il tecnico bianconero, poi, non si sottrae alle domande sui singoli e sul loro stato di salute:

A Bentancur si è bloccata la schiena, ha avuto due giorni di lavori parzialmente differenziati. Se non ci sarà lui, o butto subito dentro Emre Can, che però rientra da un'operazione alla tiroide, o giocheremo in modo diverso. In difesa stanno tutti bene. Può darsi che domani qualcosa cambi. Benatia? Occorre che tutti si facciano trovare pronti.

Anche perché Max vuole eliminare i difetti - dice lui - della sua squadra: la vuole più compatta, equilibrata e anche cinica, perché certi errori sui calci di punizione, come successo a Firenze, non vuole più vederli. In chiusura un messaggio affettuoso per il suo presidente Andrea Agnelli che compie 43 anni:

È un decisionista, ormai lo conosco da cinque anni ed è la dote migliore per un grande dirigente. In questo momento ha un'autorevolezza diversa da quella che aveva quando ha cominciato a essere il presidente della Juventus.

Allegrigetty

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.