Schumacher, Todt: "Abbiamo visto insieme il Gp di Interlagos"

L'attuale presidente della Fia, ex team principal della Ferrari ai tempi delle vittorie del pilota tedesco, ha rivelato di avergli fatto visita e aver visto una gara con lui.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Sono passati ormai cinque anni da quel maledetto incidente sciistico sulle nevi francesi nel quale Michael Schumacher subì conseguenze devastanti e le notizie dei bollettini medici non sono, purtroppo, molto confortanti.

Il sette volte campione del mondo della Formula 1, infatti, si trova tuttora in uno stato che scientificamente non può essere descritto propriamente come coma. Si tratterebbe di una sorta di zona grigia, anche per la medicina.

Pare, infatti, che Schumi abbia conservato tutte le principali funzioni vitali, fino alla deglutizione e al moto delle palpebre, ma sia totalmente insensibile agli stimoli esterni e viva in una specie di stato vegetativo.

Schumachergetty

Schumacher, Jean Todt: "Ho visto con lui il Gp di Interlagos"

Attualmente Schumacher è sempre in cura nella sua villa svizzera di Gland, accudito da uno staff di medici e infermieri e protetto dalla discrezione della moglie Corinna che non lascia filtrare che rare informazioni sul suo stato di salute. Poche le persone ammesse al suo capezzale. Fra queste Jean Todt, attuale presidente della Fia ed ex team principal della Ferrari ai tempi delle vittorie del pilota tedesco. Il manager francese, parlando al magazine tedesco Auto-Bild, ha rivelato:

Sono sempre molto cauto quando dico qualcosa, ma è vero: ho guardato il Gran Premio del Brasile in Svizzera insieme a Michael.

Schumachergetty
Un momento di gioia: Schumacher e Todt festeggiano sul palco

Todt, che si è anche detto "frustrato" per le tante interruzioni pubblicitarie durante l'evento, fa spesso visita a Schumacher. Qualche settimana fa, infatti, aveva svelato al Times:

Lo visito almeno due volte al mese. Vedo Michael, amo Michael. Vedo la sua famiglia. Vorrei che la situazione fosse diversa. È circondato dai suoi familiari, dai suoi cari. Mi sento fortunato di avere spesso accesso, ma la sua salute è una cosa privata e penso che dobbiamo permettere a Michael di vivere la sua vita in pace.

Schumachergetty

Mick: "Lui è il migliore"

Di Schumi ha parlato recentemente anche il figlio Mick, fresco campione del mondo di Formula 3:

Non ho problemi nel confronto con mio padre, perché lui è il migliore, ecco perché è il mio modello. Il suo segreto era, credo, aver capito l'importanza di lavorare in modo estremamente meticoloso e a strettissimo contatto con la sua squadra, e anch'io cerco di farlo con il mio team perché questa è la cosa migliore.

Schumachergetty

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.