Messi sarà in tribuna a Madrid per la Copa Libertadores: per chi farà il tifo?

La stella del Barcellona sarà presente al Bernabeu per assistere al Superclasico tra River Plate e Boca Juniors che assegnerà il titolo di campione del Sud America: quale club sosterrà? Assente Cristiano Ronaldo.

0 condivisioni 0 commenti

di

Share

Domenica 9 dicembre andrà in scena, nell'inconsueta cornice del Santiago Bernabeu di Madrid, la finale di ritorno valida per l'assegnazione della Copa Libertadores 2018 tra River Plate e Boca Juniors. Dopo il 2-2 dell'andata alla Bombonera sarà questa gara a scrivere la storia, sarà in Spagna - dopo gli incidenti che hanno portato al rinvio della sfida inizialmente prevista al Monumental - e alla presenza anche di Lionel Messi che si giocherà la partita più importante nella storia del calcio argentino.

La stella del Barcellona e dell'Argentina - nonostante la pausa dalla Nazionale arrivata dopo i deludenti Mondiali di Russia 2018 - è infatti l'annunciato ospite d'onore di un Superclasico che andrà in scena tra mille polemiche e che la RFEF (Real Federación Española de Fútbol, la federcalcio spagnola) ha voluto onorare al meglio invitando al Bernabeu le stelle più importanti del calcio mondiale. La domanda che tutti si pongono adesso è questa: tra Milionarios e Xeneizes, per chi farà il tifo Messi?

Il Clarín, forse il più noto quotidiano sportivo argentino, cerca di andare in fondo alla questione e pur premettendo che è molto probabile che un campione come la Pulce, noto per la sua simpatia verso il Newell's Old Boys, si manterrà sopra le parti godendosi da spettatore neutrale un Superclasico destinato comunque a passare alla storia, ci sono alcuni indizi che potrebbero far pensare che intimamente il suo cuore sarà portato a supportare il River Plate.

Messi in azione contro il River: tiferà per i Milionarios nel Superclasico?Getty Images

Messi a Madrid per il Superclasico: chi tiferà?

Il motivo è presto svelato: l'idolo di Messi da ragazzo era infatti Pablo Aimar, talentuoso trequartista capace di trascinare da giovanissimo l'Argentina alla vittoria nella Copa America e nei Mondiali Under 20 e di centrare al contempo 4 titoli nazionali con il River Plate. Cresciuto nei Milionarios, Aimar avrebbe poi avuto un'ottima carriera - pur se inferiore alle aspettative - anche in Spagna, al Valencia, conquistando due volte la Liga proprio nelle stagioni precedenti l'esordio nel grande calcio della Pulce, che ne parlava così nel 2002.

Esistono tanti grandi giocatori e ognuno è diverso dagli altri, ma nessuno ha lo stile di Aimar. Il suo gioco di prima è eccezionale, ancora prima di ricevere il pallone sui piedi sembra sapere già cosa fare. La sua velocità di pensiero è incredibile, come distribuisce il gioco, come tocca il pallone.

Oggi Aimar è il tecnico dell'Argentina Under 17 e la sua carriera - proseguita poi tra Real Zaragoza, Benfica e una puntatina nel campionato malesiano prima di un finale nuovamente al River - è stata oscurata da quella di Messi, che però non ha certo dimenticato chi sia stato il suo grande idolo e quale maglia abbia indossato. E c'è di più: da ragazzo quello che sarebbe diventato il più forte calciatore al mondo è stato molto vicino a indossare la maglia dei Milionarios.

Accadde nel 2000, quando dopo essersi messo in luce nel Newell's Old Boys Messi, allora 13enne, sostenne un provino con il River Plate: lo scout del club Eduardo Abrahamian ne rimase incantato e lo avrebbe preso a occhi chiusi, ma finì per scontrarsi con l'amara realtà. I Milionarios, nonostante il loro affascinante soprannome, non potevano permettersi le costose cure a cui Messi doveva sottoporsi a differenza del Barcellona, dov'è diventato il campione che tutti conosciamo.

Messi e AimarGetty Images
Lionel Messi in compagnia dell'idolo d'infanzia Pablo Aimar, stella del River Plate.

Domenica a Madrid le strade di Messi e del River Plate torneranno a incrociarsi, ed è difficile pensare che intimamente non tiferà, pur se in modo non plateale, per il club che avrebbe potuto essere il suo e che è stato del suo idolo Aimar. Un ulteriore indizio è il ricordo della Pulce che chiede scusa dopo aver segnato nella finale della Coppa del Mondo per club tra Barcellona e River nel 2015, senza considerare le parole che Guillem Balagué, autore dell'unica autobiografia autorizzata sulla Pulce, ha rilasciato a Live Journal.

Gerardo Grighini, ex compagno di squadra di Leo nelle giovanili del Newell's, mi ha detto: "Dice di essere un fan di Newell, ma quando ero un ragazzino tifava River Plate, perché era la squadra del suo idolo Pablo Aimar".

Messi tiferà River, insomma? Non è detto, tanti indizi non fanno una prova in questo caso, e inoltre è logico pensare che la sua figura di stella del calcio argentino gli imporrà di mantenere un ruolo equidistante su una questione che ha già scaldato gli animi di troppe persone. Se tifo sarà, dunque, sarà moderato, intimo, rispettoso nei confronti di una squadra, il Boca, che comunque la stella del Barcellona ammira e in cui gioca l'unico che può definirsi suo amico tra i protagonisti in campo, Fernando Gago, con cui ha giocato 56 gare in Nazionale.

Lionel Messi sarà sicuramente l'ospite d'onore più atteso per una partita che finalmente chiuderà una doppia finale che ha fatto parlare il mondo intero e che adesso tutti i protagonisti coinvolti desiderano mettersi alle spalle. Non ci sarà invece Cristiano Ronaldo, che ha declinato l'invito della federcalcio spagnola: il fenomeno portoghese della Juventus reputa evidentemente che sia ancora troppo presto per tornare a Madrid, la città in cui ha dominato il mondo del calcio e che ha lasciato non senza polemiche la scorsa estate.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.