Modric, la dedica dopo il Pallone d'Oro: "È per Xavi, Iniesta e Sneijder"

Il croato ha voluto dedicare il premio a Xavi e Iniesta e a quei giocatori che avrebbero meritato il Pallone d'Oro ma sono rimasti schiacciati dal duopolio Messi-Ronaldo

3k condivisioni 0 commenti

di

Share

Luka Modric ha vinto il Pallone d'Oro, un riconoscimento arrivato come coronamento di una stagione personale straordinaria, fatta di un'altra Champions League con il Real Madrid, la quarta nelle ultime cinque stagioni, ma soprattutto di un Mondiale vissuto da totale protagonista. Con la Croazia, Modric è stato il primo attore di una cavalcata eccezionale e inaspettata, che si è fermata solo in finale di fronte a un avversario forse troppo forte. 

Il Pallone d'Oro ha premiato non il migliore in assoluto - dicono in molti - ma colui che più di ogni altro nella passata stagione ha saputo essere l'anima delle squadre in cui ha giocato, il giocatore in grado di accendere il gioco, di renderlo sublime. Modric è apparso visibilmente emozionato sul palco di Parigi, perché quel premio non era solo l'affermarsi nell'era dei mostri sacri Messi e Ronaldo. 

Ma perché con quel premio Luka rivendicava la forza di un paese intero. Una piccola nazione in grado di scalare le gerarchie del calcio e piazzare per la prima volta un suo prodotto in cima alla lista dei calciatori più forti del mondo. Il premio assegnato al 10 della nazionale è un premio a tutta la Croazia come ha fatto capire Zvonimir Boban, presente ieri al Gran Galà del Calcio di Milano. Un premio che emoziona tutti i croati, che li inorgoglisce e corona la crescita di un movimento capace si sfornare talenti eccezionali. Il riconoscimento a Modric ha scatenato una serie di reazioni. Alcune entusiaste, altre un po' piccate. Come quella di Antoine Griezmann. 

Pallone d'Oro, le parole di Modric e l'ironia di Griezmann

L'attaccante dell'Atletico Madrid, terzo nella classifica del premio, dietro a Luka Modric e Ronaldo, si è comunque presentato (a differenza del portoghese) alla cerimonia di Parigi. Le petit diable si aspettava di vincere, voleva vincere. Non è un mistero. Sentiva di meritarlo dopo aver vinto un Mondiale, aver trascinato il suo club alla conquista di Europa League e Supercoppa Europa e ha dichiarato in modo ironico: 

Cosa devo fare per vincere il Pallone d'Oro? Quella è una bella domanda... evidentemente la Champions, è più importante della Coppa del Mondo. Faccio comunque i complimenti a Modric, ha fatto un grande anno. Io sono felice di quanto fatto. Mondiale, Europa League, Supercoppa Europa, ho centrato i miei obiettivi. 

Una provocazione a cui Modric poi non ha voluto rispondere, concentrandosi solo sulla grande gioia per un premio che sognava, che però fino a qualche mese fa riteneva quasi impossibile da vincere. Il giocatore croato ha voluto ringraziare tutti i suoi compagni al Real e di nazionale, tutti coloro che hanno lavorato con lui in questi mesi. Poi però si lascia andare:

È più di un sogno per me, qualcosa di eccezionale. Se ho vinto questo premio è perché ho fatto qualcosa di speciale. C'erano grandi talenti in gara, per me è un onore far parte di quei grandi giocatori che hanno vinto questo premio. Per me è importante per quanto fatto negli ultimi anni, per la piega che preso la mia carriera non solo nell'ultimo anno. Ronaldo? Mi sarebbe piaciuto ci fosse, uno dei miei voti era per lui. Poi Griezmann e Varane. 

In zona mista, poi, con il Pallone d'Oro ben stretto tra le mani, Luka Modric ha voluto mandare un messaggio anche a quei grandi campioni che negli ultimi anni non hanno vinto il premio, schiacciati nella morsa del talento di Messi e Ronaldo. Una dedica sentita ed elegante:

Questo premio è anche per quei giocatori che probabilmente meritavano di vincerlo e non l'hanno fatto. Penso a Xavi, Iniesta, Sneijder. Credo che oggi la gente volesse qualcosa di diverso (da Ronaldo e Messi, ndr) e questo premio è una vittoria per il calcio. Ripeto, questo è un premio anche per quei giocatori che non ci sono riusciti.

Le altre reazioni alla vittoria di Modric

Tante comunque le manifestazioni di stima per Luka Modric arrivate da compagni, colleghi e non solo. Le pagine ufficiali di Liga, Champions, federazione croata, Real Madrid hanno celebrato il successo del croato. Uno dei primi a mandare un messaggio di congratulazioni, tramite Instagram, è stato Luka Doncic: guardia dei Dallas Mavericks e amico del giocatore dei Blancos. Un altro cestista, Sergio Llull, colonna del Real Madrid di basket, ha voluto complimentarsi con Modric via Twitter: 

Congratulazioni Luka, è un premio meritato. Umiltà, rispetto e tanta classe.

Tante anche le reazioni arrivate dai compagni di squadra di Modric tanto al Real quanto in nazionale. Da Brozovic che ha lasciato un lungo messaggio in croato su Instagram, a Gareth Bale che ha parlato di premio "assolutamente meritato". Entusiasta Serrgio Ramos che ha pubblicato sui social un foto con tanto di linguaccia corredata da un messaggio in cui si congratula con il compagno che definisce "fratello croato". Ma anche Lucas Vazquez e Karim Benzema hanno voluto mandare un messaggio al compagno vincitore del Pallone d'Oro. Chi questo premio lo ha vinto, nel 2005, è Ronaldinho che ha voluto mandare i suoi complimenti a Modric tramite Twitter: 

Bravo Luka Modric, hai fatto un anno fantastico e hai sicuramente meritato questo premio. 

Nessuna reazione social da Ronaldo e Messi. I due che per dieci anni hanno dominato le assegnazioni del Pallone d'Oro. Cristiano, come detto, non si è presentato a Parigi. Non c'era nemmeno Leo, che pochi minuti dopo la vittoria di Modric ha postato una storia di Instagram che lo ritrae con i figli Thiago e Mateo. El Mundo Deportivo ha interpretato il messaggio come la volontà di Messi di chiarire le sue priorità. La prima tra tutte, quindi, la famiglia. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.