Manchester City, indagine sui conti: rischio ban in Champions League

Le recenti rivelazioni di Football Leaks potrebbero mietere la prima vittima illustre. La UEFA ha aperto un'indagine sul Manchester City: inglesi a rischio ban in Champions League.

368 condivisioni 0 commenti

di

Share

Brutte notizie per il Manchester City. La società inglese potrebbe presto essere esclusa dalla Champions League a causa dei documenti emersi dall'ultimo filone di Football Leaks, secondo i quali il City avrebbe violato e aggirato i termini del Fairplay finanziario. A renderlo noto per primi sono stati alcuni tabloid inglesi usciti in edicola nella mattinata di martedì, che hanno lanciato la notizia poi ripresa da tutte le maggiori testate europee.

Si ipotizza addirittura che, qualora l'indagine della UEFA dovesse ravvisare le infrazioni evidenziate dalle mail hackerate solo un mese fa, la società presieduta dallo sceicco Mansour potrebbe addirittura non prendere parte alla fase finale dell'attuale edizione di Champions League. Un fulmine a ciel sereno? Non proprio. Già nelle ore successive all'ennesimo scandalo portato a galla da Football Leaks, Manchester City e PSG erano finite nell'occhio del ciclone per presunti "favori" ricevuti all'interno di riunioni segrete in UEFA, dove per mediare e nascondere tali infrazioni si sarebbe mosso in prima persona l'allora presidente Gianni Infantino.

Al momento però la posizione del Manchester City sarebbe "ben più grave" di quella del PSG, come ha detto l'attuale numero uno dell'UEFA Alexander Ceferin, perché in questo caso, oltre alle varie violazioni, si sarebbe verificato un comportamento eccessivamente leggero da parte della federazione stessa. Una UEFA che adesso si trova a gestire una situazione paradossale, cioè quella di dover indagare un club "aiutato" a infrangere le regole dallo stesso organismo europeo.

Il presidente della UEFA, Alexander CeferinGetty Images

Manchester City, la UEFA indaga sui conti del club: possibili sanzioni già da questa stagione

Per il momento il Manchester City non ha ancora commentato ufficialmente queste voci. Fatto sta che la situazione non sembra affatto tranquilla e, proprio per questo, Ceferin ha dichiarato che una decisione su questo caso spinoso verrà presa "molto presto".

Ma di cosa è accusato il City? Secondo quanto emerso dai documenti rilanciati dai tedeschi di DerSpiegel, il club inglese nel 2014 sarebbe dovuto incappare nell'esclusione dalle coppe europee per violazione dei termini del Fairplay finanziario. Invece il City venne "solo" multato per 60 milioni di euro, poi ridotti a 20 dopo il ricorso, pur avendo presentato un bilancio con un rosso ben più pesante dei limiti stabiliti.

Il manager dei Citizens, Pep GuardiolaGetty Images

Le accuse: bilancio artefatto e sponsorizzazioni gonfiate

Tutto questo avvenne, secondo Football Leaks, grazie a una UEFA particolarmente permissiva e alle sponsorizzazioni gonfiate che sarebbero state inserite a bilancio per camuffare il rosso.

Una di queste, quella di Etihad Airlines inserita a bilancio per 75 milioni di euro, sembra fosse stata pagata in larga parte dall'Abu Dhabi United Group, una società che fa capo ai vertici del Manchester City. Cosa che, secondo le regole stabilite dalla UEFA, non si può fare.

Per questo la UEFA vuole pronunciarsi già nei prossimi giorni, quando vedremo se le minacce di ban saranno reali o l'ennesimo fuoco di paglia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.