Barcellona: Alena, primo gol in Liga al fianco dell'idolo Messi. La storia si ripete?

A segno contro il Villarreal, il giovane talento della cantera blaugrana ha realizzato un sogno cullato per 13 anni: il futuro è dalla sua parte, e c'è anche chi lo immagina come futuro erede della Pulce.

1k condivisioni 0 commenti

di

Share

Uno dei problemi che più hanno colpito il Barcellona negli ultimi anni è stato il mancato ricambio generazionale operato tradizionalmente dalla cantera blaugrana, capace in passato di sfornare nomi come Busquets, Puyol, Piqué, Xavi e Iniesta, fenomeni di livello assoluto che hanno contribuito in modo determinante ai successi di un club che anche per principio non ama spendere e spandere sul calciomercato come l'eterno rivale del Real Madrid.

Se è vero che nelle ultime stagioni sono arrivati in prima squadra alcuni buoni giocatori ma nessun fenomeno, la storia sembra destinata a cambiare con Carles Alena, 20enne centrocampista offensivo mancino che domenica 2 dicembre 2018 ha realizzato il suo primo gol in carriera nella Liga - il secondo con la maglia del Barcellona - entrando nel finale di gara contro il Villarreal e giostrando al fianco del suo idolo, Lionel Messi, che gli ha servito l'assist decisivo.

Un sogno diventato realtà, quello di Alena, un sogno cullato per ben 13 anni: il giovane talento di Matarò, comune nella provincia di Barcellona, entrò infatti nella famosa cantera blaugrana nel 2005, quando aveva appena 7 anni, proprio nell'anno in cui un giovanissimo Leo Messi, allora 17enne, coronava il suo sogno di giocare insieme a Ronaldinho segnando il suo primo gol con i catalani, avversario l'Albacete, proprio su assist del brasiliano. E ora in tanti si chiedono se si tratti soltanto di suggestione oppure la storia sia destinata a ripetersi.

Barcellona, primo gol in Liga per AlenaGetty Images
Dopo essersi fatto le ossa nella squadra B, Carles Alena ha esordito con il Barcellona il 30 novembre del 2016 in Coppa del Re contro l'Hercules segnando il gol del pareggio: nel giugno del 2017 ha rinnovato con il club, che ha fissato per lui una clausola di rescissione pari a 75 milioni di euro.

Barcellona, Alena in gol su assist di Messi: passaggio di consegne?

Entrato a venti minuti dalla fine in una situazione tutt'altro che ideale, con il Barça in vantaggio di un solo gol e tra i fischi del pubblico che non gradiva la sostituzione operata dal tecnico Valverde, che per fargli posto ha tolto Arturo Vidal, Carles Alena ha mostrato grande personalità nel momento in cui Messi lo ha servito con un perfetto passaggio in profondità che ha tagliato in due la difesa del Villarreal.

Bravo a tagliare la difesa, il giovane canterano ha dimostrato di avere freddezza e grande tecnica individuale, optando per un tocco sotto che pur deviato da Asenjo è entrato in rete all'87esimo chiudendo di fatto la gara. Ed è qui che iniziano i déjà vu, la sensazione di assistere alla ripetizione di una grande storia: proprio come Alena, anche Messi segnò il suo primo gol nella Liga negli ultimi minuti di una sfida vinta 2-0.

Subentrato a Eto'o nella sfida che il Barcellona stava vincendo 1-0 contro l'Albacete, il ragazzino di 17 anni che in futuro sarebbe diventato il più forte calciatore al mondo chiuse la sfida con un bel gol di sinistro su splendido assist di Ronaldinho, il campione tanto ammirato del quale nel giro di poco tempo avrebbe preso il posto. Anche qui, come nel caso di Carles Alena, gol nel finale, gol del 2-0, assist di un vero e proprio idolo.

Forse sarà soltanto una suggestione, ma in Spagna non sono pochi quelli convinti che Alena possa rappresentare una pedina importantissima nella storia presente del Barcellona e soprattutto in quella futura, se non prendendo letteralmente il posto di Messi certamente riuscendo a imporsi in prima squadra rinnovando la tradizione, iniziata ai tempi di Johan Cruijff, che vuole la cantera come prima risorsa per la rosa del club catalano.

Intanto il giovane si gode il momento tanto atteso e sognato, il primo passo per una consacrazione sancita dall'esordio con gol nel novembre del 2016 in Coppa del Re (avversario l'Hercules) e dal rinnovo fino al 2022 firmato nell'estate del 2017: il Barça ha fissato per lui una clausola rescissoria pari a 75 milioni di euro.

La vittoria era più importante del mio gol, ma grazie a Dio e ai miei compagni ho potuto contribuire segnando la rete della tranquillità. Sono molto felice di come sono andate le cose. Con Messi è tutto più facile, vede cose che nessuno è capace di vedere, è vero che ho tagliato bene la difesa ma lui mi ha servito il pallone giusto, che mi ha permesso di eseguire il giusto movimento e di realizzare quello che per me è un sogno divenuto realtà al Camp Nou.

Soltanto il tempo dirà quale sarà l'evoluzione della carriera di Carles Alena, se davvero potrà diventare l'erede di un fenomeno come Messi o se si perderà per strada. Anche dovesse centrare solo in minima parte gli obiettivi centrati dall'argentino ci sarebbe da essere contenti, ma adesso come adesso è inutile parlarne: meglio continuare a lavorare sodo, cercando di sfruttare le opportunità che il campo concederà e restando con i piedi ben piantati per terra. Senza mai smettere di sognare.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.