NFL: Texans infuocati, i record dei rookies e i numeri di giornata

L'NFL consacra l'anno dei rookies, Jackson domina Cincinnati, Barkley piega i Buccaneers, mentre Brees e Luck fanno faville.

Jackson e un esordio da sogno Getty Images

8 condivisioni 0 commenti

di

Share

La giornata NFL ha sancito la quasi certa abdicazione dei Philadelphia Eagles che sono stati letteralmente spazzati via dal campo si dalla squadra più in forma della lega, ma senza opporre la minima resistenza in una crisi che non sembra avere fine. Un attacco ben sotto il mediocre non è riuscito a produrre yards contro la peggior difesa sui passaggi della lega in una delle giornate più cupe tra i pro di Carson Wentz (19-33 per 156 yds e 3 intercetti), mentre Drew Brees ha vivisezionato la secondaria dei campioni con un 22-30 per 363 yards e quattro touchdown senza intercetti per un sontuoso 153.2 di passer rating. Brees è alla ventitreesima partita in carriera con almeno 4 TD o 0 intercetti sorpassando i 22 di Tom Brady nella speciale graduatoria.

Possiamo dire che questa sia stata la settimana dei QB veterani perché anche Eli Manning, nella vittoria dei Giants contro i Buccaneers, ha prodotto un’ottima prestazione da 17-18 (94.4%) per 231 yds, 2 TD e 0 INT per un passing rating di 155.8. Il 94.4% di completi è la seconda migliore prestazione insieme a Frank Tarkenton (il 13 novembre 1977) e Craig Morton (il 27 settembre 2981), seconda solo al 94.7% prodotto da Alex Smith il 29 ottobre del 2012 e Ryan Tannehill il 25 ottobre 2015 con un minimo di 15 tentativi di lancio.

I Giants hanno di che sorridere perché dietro il Manning in giornata splendente c’è stato anche Saquon Barkley che si sta rivelando un vero crack a livello offensivo. Nelle prime dieci partite di carriera ha prodotto altrettanti touchdown (sette di corsa e tre in ricezione), unendoci ben 1268 yards guadagnate dalla linea di scrimmage e diventando il sesto rookie della storia NFL ad abbattere il muro delle 1200 yards nelle prime dieci partite di carriera, raggiungendo il novero formato da Erick Dickerson, Marshall Faulk, Ezekiell Elliott, Adrian Peterson e Billy Sims. Mentre Elliott, estendendo il campione di partite dall’inizio di carriera a quota 35, sfonda quota 4500 yards guadagnate con 32 touchdown e raggiunge il sempre presente Eric Dickerson e Edgerrin James nello speciale triumvirato come migliori in tale categoria.

Edwards guida i RavensGetty Images

NFL: Ravens e rookies, giornata di successi

I Baltimore Ravens hanno dovuto fare a meno di Joe Flacco, sostituito da Lamar Jackson, che ha fatto così il suo esordio NFL diventando quindi il quinto rookie quarterback scelto (al primo giro) nell’ultimo draft a giocare almeno una partita da starter. Gli altri nomi sono stati Josh Rosen, Josh Allen, Baker Mayfield e Sam Darnold, rendendo questa stagione per certi versi storica con il maggior numero di QB scelti al primo turno in grado di partire titolari in almeno una partita. La partita di Lamar Jackson è stata anche notevole dal punto di vista statistico, infatti ha totalizzato 267 yards guadagnate di cui 150 per via aerea e 117 di corsa. Cifre comparabili sono state raggiunte anche dal running back Gus Edwards che ha prodotto 115 yards, diventando così con Jackson la prima coppia di running back e quarterback rookies a produrre rispettivamente cento o più yards di corsa in singola partita.

Nella vittoria dei neroviola contro i Cincinnati Bengals è stato anche infranto un nuovo record, grazie alla tattica evidente dello staff di correre con clamorosa insistenza. Nel primo drive, conclusosi con il touchdown da 7 yards di Alex Collins, ci sono state ben 11 corse consecutive senza nemmeno un tentativo di passaggio. È la terza volta che in un drive di apertura viene realizzata una segnatura con dieci o più corse consecutive senza un passaggio. Le altre a riuscirci furono i St.Louis Rams il 27 dicembre 2004 contro gli Eagles e gli Oakland Raiders il 9 novembre 2003 contro i New York Jets.

Reid guida i TexansGetty Images

L’inversione dei Texans, Luck e Peterson sono tornati

Va nei libri un’altra vittoria degli Houston Texans, questa volta sul campo dei Washington Redskins e se allarghiamo lo spettro non solo a questa partita ma al periodo recente, scopriamo che Houston è una delle squadre più calde della lega ed è alla settima vittoria consecutiva, diventando così la prima della storia NFL a raggiungere una striscia così lunga dopo essere partita 0-3. Il 23-21 di Washington è stato propiziato anche dal ritorno in TD per 101 yards di Justin Reid che è il secondo più lungo pick six della storia per un rookie (Pete Barnum a quota 103 detiene il record dal 1926). Reid diventa così il terzo giocatore della storia di Houston con Andre Davis (104 yds di kick off return) e Marcus Coleman (102 yards di pick six).

Se parliamo di resurrezioni o ritorni di fiamma non si può escludere la coppia Andrew Luck-Adrian Peterson. Il primo ha completato 23 passaggi su 29 per 297 yards e tre touchdown nella rotonda vittoria 38-10 sui Titans. È la settima volta consecutiva che lancia almeno tre TD e ora guarda da vicino il secondo posto nella storia di Peyton Manning a quota 8 e le 10 di Brady. Inoltre raggiunge Dan Marino (182) e Aaron Rodgers (160) come unico altro qb con almeno 160 TD nelle prime 80 partite di carriera. Dall’altra parte Adrian Peterson ha raggiungo quota 150 TD di corsa scavalcando John Riggins come sesto miglior realizzatore via terra della storia NFL. I cinque davanti a lui sono Jim Brown (106), Walter Payton (110), Marcus Allen (123), La Dainian Tomlinson (145) e Emmitt Smith (164).

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.