Jacob Kiplimo e Ruth Chepngetich in luce nel fine settimana dell’atletica

Il giovane ugandese e la maratoneta keniana sono stati i protagonisti del fine settimana dell’atletica internazionale incentrato sull’inizio del circuito IAAF della corsa campestre e sulla maratona di Istanbul.

Jacob Kiplimo Getty Images

1 condivisione 0 commenti

di

Share

L’ugandese Jacob Kiplimo e l’etiope Senbere Teferi hanno conquistato il successo nella quindicesima edizione della corsa campestre di Atapuerca vicino alla città spagnola di Burgos, primo appuntamento del circuito IAAF di Cross Country.

Kiplimo, che compirà 18 anni Mercoledì prossimo, ha iniziato nel migliore dei modi una stagione di corsa campestre che culminerà con i Mondiali della specialità ad Ahrus in Danimarca il prossimo 30 Aprile. Il giovane ugandese difenderà il titolo iridato juniores vinto nel 2017 a Kampala, la capitale del suo paese. La scorsa estate il “millennial ugandese” ha vinto la medaglia d’argento ai Mondiali Under 20 sui 10000 metri a Tampere.

Kiplimo, vincitore al Giro di Trento dello scorso 6 Ottobre e alla Cinque Mulini 2018, si è imposto sulla distanza dei 9 km in 25’10” precedendo di 13 secondi l’eritreo Aron Kifle (bronzo nell’ultima edizione dei Mondiali di mezza maratona) e di 15 secondi il keniano Edward Zakayo, campione del mondo juniores sui 5000m a Tampere 2018. L’altro etiope Abadi Hadis (atleta accreditato di personali di 12’56”27” sui 5000m a Bruxelles e di 58’44” sulla mezza maratona a Valencia) si è classificato quarto a 16 secondi dal vincitore.

Seguono in classifica Aweke Ayalew del Barhein (quinto in 25’33”), l’ugandese Timothy Toroitich (sesto in 25’44”) e il campione del mondo dei 5000 metri di Londra 2017 Mukkar Edris (settimo in 25’47”). Il primo degli europei è stato il britannico Andy Vernon al dodicesimo posto a 1 minuto e 4 secondi dal vincitore. Imane Merga, cinque volte vincitore ad Atapuerca, non è andato oltre il dodicesimo posto.

La gara si è decisa a 1500 metri dalla fine quando Kiplimo ha spinto sull’acceleratore staccando Kifle. Kiplimo è il primo ugandese ad imporsi nella storia del cross di Atapuerca.

Jacob Kiplimo:

E’ stata una vittoria importante dopo tanti secondi posti. Sono arrivato qui ben preparato e sono soddisfatto di aver battuto avversari difficili

L’etiope Senbere Teferi (vice campionessa mondiale dei 5000 metri a Pechino 2015), ha conquistato il successo nella gara femminile di 8 km per il terzo anno consecutivo in 25’51” precedendo Margaret Chelimo di 2 secondi e la forte siepista Norah Tanui di 4 secondi. Quarto posto per la diciannovenne keniana Gloria Kite con 25’59”.

Senbere Teferi:

E’ stata la mia vittoria più difficile in questa gara a causa del vento

Le tappe italiane del circuito IAAF di corsa campestre sono in programma il 6 Gennaio con il Campaccio di San Giorgio su Legnano e il 27 Gennaio con la Cinque Mulini di San Vittore Olona.

Ruth Chepngetich settima di sempre nella maratona con 2h18’35” a Istanbul

Ruth Chepngetich ha vinto la Maratona di Istanbul con un eccellente 2h18’35” salendo al settimo posto della lista mondiale all-time. La keniana é diventata la decima top-ruuner a scendere sotto la barriera delle 2h20’.

Chepngetich conquistò anche l’edizione 2017 della gara turca stabilendo il precedente personale con 2h22’36”. Sempre a Istanbul aveva vinto anche la mezza maratona in 1h06’19” nell’Aprile 2017. Sempre nello stesso anno si rivelò per la prima volta al pubblico italiano vincendo la Stramilano Half Marathon in 1h07’42”. Chepngetich ha corso la seconda maratona di quest’anno dopo il secondo posto a Parigi in 2h22’59”.

Maragret Agai si è classificata seconda in 2h25’04” precedendo l’etiope Fatuma Sado (2h31’06”).

Felix Kimutai ha vinto la gara maschile in 2h09’56” precedendo il portacolori del Barhein Abdi Ibrahim Abdo (2h10’36”) e il francese di origini keniane Abraham Kiprotich (2h10’54”).

La Maratona di Istanbul è partita nella parte asiatica della città ed è arrivata nella zona europea con l’attraversamento del Ponte dei Martiri del 15 Luglio sullo stretto del Bosforo.

Maratona di Atene: vincono Misoi e Muriuki

I keniani Brimin Misoi e Shelmith Muriuki hanno vinto la trentaseiesima edizione della maratona di Atene sul percorso storico da Maratona allo Stadio Panathinaikon. In una giornata calda con una temperatura di 20°C il ventinovenne Misoi ha realizzato il terzo miglior tempo di sempre su questo percorso molto impegnativo in 2h10’56” precedendo di due minuti l’etiope Workneh Tiruneh, che ha stabilito il record personale con 2h12’52”, mentre il terzo posto è andato all’altro etiope Mengist Azmeraw in 2h13’20”. Shelmith Muriuki ha tagliato il traguardo all’interno dello Stadio Panathinaikon stabilendo il personale con 2h36’46” davanti alla keniana Rebby Koech (2h38’54”).

Kipchoge e Cherono premiati dall’AIMS come maratoneti dell’anno

Due giorni prima della Maratona di Atene l’AIMS ha consegnato i premi ai migliori maratoneti mondiali dell’anno in occasione dell’annuale Galà dell’Associazione delle Maratone e delle Corse su strada. I premi sono andati ad Eliud Kipchoge (primatista del mondo della maratona a Berlino con il sensazionale 2h01’39 e vincitore a Londra per la terza volta) e a Gladys Cherono (prima alla Maratona di Berlino per la terza volta in carriera in 2h18’11”, migliore prestazione mondiale dell’anno e quarta a Londra in 2h24’10”).

Lo storico fondatore ed ex Direttore della Maratona di Berlino Horst Milde (80 anni compiuti quest’anno) ha ricevuto il prestigioso “AIMS Lifetime Award) per il suo contributo alla crescita delle corse su strada in Germania.

Stanley Waithaka stabilisce il miglior tempo mondiale dell’anno sui 10mila metri in Giappone

Il giovane talento keniano Stanley Waithaka ha stabilito il miglior tempo mondiale dell’anno sui 10000 metri in pista con 27’13”01 in occasione dei Nittai University Time Trials a Yokohama in Giappone. L’atleta millennial nato nel 2000 ha vinto la medaglia di bronzo sui 3000 metri ai Mondiali under 18 di Nairobi 2017 e ha corso i 5000 metri in 13’10”14 in occasione del secondo posto nella tappa della Diamond League di Shanghai 2018. Waithaka ha battuto il precedente primato stagionale del connazionale Richard Yator realizzato tre settimane fa con 27’14”70 sempre a Yokohama.

Cross della Carsolina: Battocletti e Crippa conquistano il successo al Cross della Carsolina

Nadia Battocletti e Nekagenet Crippa si sono aggiudicati la quarantaquattresima edizione del Cross della Carsolina a Sgonico in provincia di Trieste, prima delle due prove valevoli per la selezione degli atleti azzurri che parteciperanno ai prossimi Campionati Europei di cross in programma il prossimo 9 Dicembre a Tilburg in Olanda.

La campionessa italiana assoluta dei 5000 metri di Pescara 2018 Nadia Battocletti ha vinto la gara femminile seniores di 7 km staccando la specialista dei 3000 siepi e del cross Valeria Roffino e la maratoneta Giovanna Epis con un allungo decisivo nel tratto in salita nell’ultimo giro.

Nekagenet Crippa (campione del mondo juniores di corsa in montagna e fratello del bronzo europeo dei 10000 metri di Berlino 2018 Yeman Crippa) ha conquistato il successo nella gara maschile davanti al campione italiano della mezza maratona Ahmed El Mazoury e al vincitore dell’ultimo titolo tricolore dei 5000 metri di Pescara 2018 Marouan Razine.

Cresce il velocista brasiliano De Oliveira

Il ventenne brasiliano Paulo De Oliveira ha realizzato un ottimo 10”07 nei 100 metri con vento a favore di +1.8 m/s ai Campionati Universitari brasiliani di Maringà nel sud del Brasile. Il coetaneo del nostro Filippo Tortu ha corso cinque volte al di sotto dei 10”10 in questa stagione con un personale di 10”02 realizzato a Braganca Paulista il 14 Settembre scorso. Ai Mondiali di Bydgoszcz del Luglio 2016 De Oliveira si classificò quinto nella finale dei 100 metri nella gara vinta da Noah Lyles davanti a Filippo Tortu.

La IAAF rimanda l’introduzione dei Ranking come qualificazione per i Mondiali

La Federazione Internazionale di atletica leggera IAAF ha deciso che i ranking non saranno utilizzati come criterio per la qualificazione per i prossimi Mondiali di Doha in programma dal 28 Settembre al 6 Ottobre, al contrario di quanto aveva comunicato in precedenza. La IAAF ha diramato il seguente comunicato:

Dopo aver attentamente ascoltato tutta la comunità atletica globale, è evidente che ci sia ampio supporto per il nuovo sistema basato sui Ranking mondiali, ma c’è ancora molto lavoro da fare per dare piena fiducia che il sistema basato sui punteggi del ranking sia equo per tutti gli atleti e in tutte le regioni. La preoccupazione della IAAF è nei confronti degli atleti. In vista dei Mondiali dell’anno prossimo il Consiglio della IAAF ha accettato di attenersi al sistema di qualificazione vigente. Il consiglio della IAAF ha accettato di introdurre provvisoriamente il nuovo sistema dei Ranking come previsto per la stagione 2019 in modo che tutti gli atleti e tutte le Federazioni possano seguire il sistema dei Ranking Mondiali e acquisire familiarità con il processo prima di diventare per la qualificazione alle maggiori rassegne internazionali

I principali criteri di qualificazione saranno ancora i minimi di qualificazioni. Saranno qualificati per i Mondiali i primi classificati dei Campionati continentali e i vincitori della Diamond League e dei Challenge iAAF delle Prove Multiple, della Marcia e del Lancio del Martello. I primi 15 atleti dei Mondiali di cross di Ahrus saranno qualificati per i 10000 metri. Saranno ammessi i migliori atleti piazzati nelle lista delle Top Performances della IAAF nel periodo di qualificazione.

Gli Assoluti di atletica 2019 a Bressanone

La Fidal ha assegnato a Bressanone i Campionati Italiani assoluti di atletica del 2019. Gli Assoluti torneranno nella bella città altoatesina dopo sette anni di assenza. Le gare valide per l’assegnazione dei titoli tricolori si svolgeranno dal 26 al 28 Luglio 2019. La Spezia ospiterà gli Assoluti del 2020. Assegnate anche le sedi delle altre manifestazioni federali top dei prossimi tre anni: Campionati di società a Firenze nel 2019, a Padova nel 2020 e a Firenze nel 2021, Campionati italiani Juniores e Promesse a Rieti 2019, a Grosseto nel 2020 e a Firenze nel 2021 e i Campionati italiani allievi ad Agropoli nel 2019, a Rieti nel 2020 e a Grosseto nel 2021.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.