Serie A, le pagelle di Genoa-Napoli: Fabián Ruiz provvidenziale, Kouamè efficace

Christian Kouamè migliore nel primo tempo, ma Fabián Ruiz decisivo nel secondo. Disastrosi, invece, Hysaj, Callejon e Omeonga.

424 condivisioni 0 commenti

di

Share

I più giovani in campo in Genoa-Napoli, Fabián Ruiz e Christian Kouamè, hanno fatto la differenza nell'anticipo del sabato sera della 12a giornata di Serie A vinto in rimonta 2-1 dagli uomini di Ancelotti. Ma decisiva è stata la scaltrezza tattica di Carletto, capace di cambiare volto e soprattutto atteggiamento alla squadra tra il primo e il secondo tempo. Per la prima volta in questo campionato il tecnico del Napoli non ha schierato una formazione inedita, ma ha presentato in campo lo stesso identico undici visto nella seconda giornata, quando vinse contro il Milan per 3-2. Rispetto alla formazione vista martedì contro il PSG ha schierato Hysaj al posto di Maksimovic, Zielinski al posto di Fabián Ruiz e Milik al posto di Mertens, ma è tornato sui suoi passi nel secondo tempo. Ivan Juric, invece, rispetto alla partita della precedente giornata di Serie A persa malamente con l'Inter (5-0) ha potuto contare su Piatek al posto di Pandev, Veloso invece dell'infortunato Sandro, capitan Criscito rientrato dalla squalifica al posto di Günter e Hiljemark per Pedro Pereira.

Al Marassi, una trentina di minuti prima dell'inizio del match, è andata in scena una contestazione dei tifosi genoani contro il presidente Enrico Preziosi, che (ma si sapeva già dalla vigilia) non si è presentato allo stadio. Nonostante la settimana tribolata e l'avversario di prestigio, il Genoa nel primo tempo si è presentato in campo senza paura e ha pressato subito moltissimo. Anche se ha avuto il possesso palla a proprio favore, il Napoli ha incontrato non poche difficoltà a causa della marcatura a uomo dei rossoblù e ha subìto molti contropiede (sei solo nella prima mezz'ora). La difesa azzurra, troppo distratta in molte circostanze, si è fatta sorprendere da un incontenibile Kouamè al 20': l'ivoriano, servito da Rômulo, ha messo a segno il suo secondo gol stagionale approfittando della disattenzione di Hysaj. Il Napoli ha avuto delle buone occasioni nella prima frazione di gioco, in particolare il palo di Insigne all'11', un tiro di Zielinski al 17' salvato in angolo da Biraschi e una bella azione al 36' finalizzata da Milik che si è però ritrovato davanti un Radu in versione Superman.

Nel secondo tempo Ancelotti ha subito mischiato le carte facendo entrare dal primo minuto della ripresa Mertens al posto di Milik e Fabián Ruiz per Zielinski. Al 58' la partita è stata sospesa per la pioggia troppo intensa, ma di fatto, appena i giocatori sono rientrati negli spogliatoi, ha smesso di piovere e così circa un quarto d'ora dopo sono stati richiamati in campo, ma hanno almeno avuto la possibilità di cambiare le maglie fradice. Fradicio, però, è rimasto il terreno di gioco, su cui i giocatori, soprattutto quelli più tecnici, hanno fatto un bel po' di fatica a domare il pallone. Questo non ha impedito al Napoli di trovare il pareggio al 62' con Fabián Ruiz che ha sfruttato alla perfezione una bellissima sponda di tacco di Mertens. All'87' è arrivato il vantaggio del Napoli su un'azione rocambolesca che si è conclusa con un'autorete di Biraschi (e un'ammonizione per proteste di Criscito) sugli sviluppi di una punizione di Mario Rui. Nella classifica di Serie A il Napoli è ora a -3 dalla Juventus che giocherà contro il Milan. 

Serie A Pagelle Genoa-Napoli 1-2 del 10 novembre 2018Getty Images

Serie A, le pagelle di Genoa-Napoli

Genoa (3-5-2): Ionut Radu 6,5; Cristian Romero 5,5, Davide Biraschi 5,5, Domenico Criscito 6; Darko Lazovic 5, Daniel Bessa 5,5, Miguel Veloso 6 (58' Stephane Omeonga 4,5), Oscar Hiljemark 5,5 (78' Luca Mazzitelli 5,5), Rômulo 6,5 (90' Goran Pandev n.g.); Krzysztof Piatek 6, Christian Kouamè 7,5

Napoli (4-4-2): David Ospina 6; Elseid Hysaj 5 (82' Kevin Malcuit 5), Raúl Albiol 5,5, Kalidou Koulibaly 6, Mario Rui 7; José Maria Callejon 5,5, Marques Loureiro Allan 5, Marek Hamsik 5,5, Piotr Zielinski 5 (46' Fabián Ruiz 8); Arkadiusz Milik 5,5 (46' Dries Mertens 6,5), Lorenzo Insigne 6,5

I migliori

Fabián Ruiz - 8

Il 22enne spagnolo è stato senza dubbio il migliore in campo, sia per la prestazione fisica, sia per quella caratteriale. Ha dimostrato cattiveria, aggressività e continuità ed è stato il principale protagonista della rimonta del Napoli. Al di là del gol, messo a segno al 62' grazie anche a una sponda perfetta di Mertens che lo ha messo in condizione ideale per tirare in porta, Fabián Ruiz è stato una spina nel fianco per il centrocampo e la difesa del Genoa e ha fraseggiato bene con Mertens e Insigne, rendendo pericoloso il Napoli in più occasioni nel secondo tempo.

Christian Kouamè - 7,5

Prima dell'ingresso di Fabián Ruiz nel secondo tempo, il 20enne Christian Kouamè era stato certamente il più bravo. Si è fatto trovare prontissimo per il gol al 20', quando ha ricevuto palla da Rômulo e ha seminato il panico nella difesa del Napoli, ma più in generale è stato vivace in ogni parte del campo, coraggioso (per esempio nel fare un tunnel a Koulibaly al 45') e generoso andando in marcatura su Hamsik.

Mario Rui - 7

Il suo è stato un lavoro più oscuro, ma è stato il vero '"uomo ovunque" del Napoli. Più attento in difesa rispetto agli altri suoi compagni di reparto, ma soprattutto più propositivo in fase offensiva. Di fatto il secondo gol del Napoli è partito dal suo piede, su punizione, poi è entrato dopo essere stato toccato dal genoano Biraschi che lottava in area con Albiol.

Christian Kouamè in Genoa-Napoli 1-2Getty Images
Christian Kouamè spauracchio della difesa partenopea

I peggiori

Elseid Hysaj - 5

Il difensore albanese del Napoli è il principale responsabile del gol di Kouamè nel primo tempo. Toccava a lui, infatti, andare in marcatura sul giocatore ivoriano che era uscito dalla zona di Albiol, invece ha pensato bene di guardare la palla e non l'avversario. Anche nel resto del match è sembrato molto più distratto del solito e nella fase decisiva della partita Ancelotti lo ha dovuto sostituire con Malcuit.

José Maria Callejon - 5,5

Un campo pesante come quello di oggi non poteva certo favorire un giocatore come Callejon, ma ancora prima che la pioggia creasse le pozzanghere, lo spagnolo si è fatto notare più per episodi negativi che positivi, sia in fase difensiva (come la dormita, insieme con Hamsik, su un'azione di Piatek al 9'), sia a centrocampo, come quando ha perso palla al 28' innescando l'ennesimo contropiede del Genoa, sia in fase offensiva, come quando, al 36', ha alzato troppo la palla diretta verso Milik "rovinando" la brillante idea di Insigne che aveva dato il "la" all'azione. Milik è riuscito lo stesso a tirare in porta, ma non ha potuto calciare al meglio e tra l'altro Radu ha fatto un'eccellente parata.

Stephane Omeonga - 5

Omeonga è entrato al 58' e ha avuto il tempo di risultare il più colpevole sul gol di Fabián Ruiz e anche di farsi ammonire nel finale di partita, questo gli vale un posto tra i peggiori.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.