Verso Milan-Juventus: la situazione nell'infermeria rossonera

In vista della sfida contro i bianconeri sono diversi i giocatori in dubbio, da Calhanoglu a Musacchio passando per Bonaventura, Calabria e Cutrone. Dovrebbe farcela a recuperare invece l'attesissimo ex Higuain.

206 condivisioni 0 commenti

di

Share

Piove sul bagnato in casa Milan, che in attesa della sfida di domenica sera contro la Juventus che chiuderà la 12esima giornata di Serie A vede il tecnico Gennaro Gattuso costretto a pensare alla formazione facendo i conti con i bollettini medici che arrivano dall'infermeria. Gli ultimi giocatori a essere finiti nella lista dei possibili indisponibili sono Mateo Musacchio e Hakan Calhanoglu, usciti malconci dalla sfida di giovedì sera contro il Betis in Europa League.

Se la prestazione sul campo ha gettato luci e ombre sui rossoneri, disastrosi in alcuni ricambi ma bravi nel reagire e trovare un pareggio fondamentale per il proseguimento del cammino europeo, non si può dire lo stesso sugli strascichi che l'impegno infrasettimanale ha lasciato nella rosa a disposizione di Gattuso, che con il ritorno della Serie A e l'arrivo a San Siro della Juventus capolista intende giocarsela ma non sa ancora quali armi avrà a disposizione per farlo.

Le condizioni di Musacchio e Calhanoglu saranno valutate nei prossimi giorni ed è ancora presto per dire se saranno disponibili per domenica sera, ma certo è che con così poco tempo per recuperare sarà difficile averli in grande condizione. I due vanno ad aggiungersi a una lista che oltre ai lungodegenti Biglia, Caldara e Strinic comprende anche altri calciatori importanti che ancora non sanno se potranno esserci contro la la Juventus: Bonaventura, Calabria, Cutrone, Kessié e soprattutto l'attesissimo ex della sfida, il Pipita Gonzalo Higuain.

Serie A, Calhanoglu è uno dei tanti che rischiano di saltare Milan-JuventusGetty Images

Serie A, Gattuso fa la conta degli infortunati in vista di Milan-Juve

Secondo le ultime notizie il centravanti argentino, passato dalla Juventus ai rossoneri in estate in quella che è stata una delle operazioni più importanti del calciomercato di Serie A, ci sarà: i problemi alla schiena sono stati smaltiti con il turno di riposo che lo ha visto saltare Siviglia, il Pipita al 99% scenderà in campo contro la squadra in cui ha disputato le ultime due stagioni conquistando altrettanti Scudetti prima di essere ceduto per lasciare spazio a Cristiano Ronaldo. Il bomber - 7 reti in 12 partite in questa prima stagione in rossonero - è però l'unico che sembra certamente recuperato.

Musacchio contro il Betis ha dovuto lasciare il campo a circa dieci minuti dal termine dopo essersi scontrato fortuitamente con il compagno di squadra Kessié: le sue condizioni sono apparse preoccupanti, tanto da costringerlo a uscire in barella e con il collo immobilizzato, e anche se nelle ore successive è stato appurato che non è successo niente di grave la sua presenza domenica sera resta in forte dubbio. Kessié invece ha subito un colpo nei minuti finali ma salvo sorprese dovrebbe essere regolarmente al suo posto contro la Juventus.

Come Kessié anche Cutrone potrebbe recuperare ed essere a disposizione di Gattuso domenica sera nonostante il dolore riscontrato alla caviglia sinistra già infortunata recentemente con l'Under 21, mentre desta preoccupazione la situazione di Giacomo Bonaventura, che ha saltato le ultime partite a causa di un'infiammazione al ginocchio che sembra più complicata del previsto e che potrebbe costringerlo a uno stop lungo ancora diverse settimane. Lo staff medico del Milan valuterà oggi la situazione: sono incerti anche Calabria e Calhanoglu, con il primo che sembra sulla via del recupero dopo aver rimediato una distorsione alla caviglia e il secondo che ha preso un pestone nel finale di gara contro il Betis che lo ha costretto a lasciare il campo zppicando.

In questa situazione di emergenza non deve essere dimenticata la situazione di Andrea Conti: il terzino ex Atalanta è tornato dal lungo infortunio che gli ha fatto saltare interamente la scorsa stagione, ma non ha ancora minuti nelle gambe. È stato inoltre squalificato per 3 turni nel campionato Primavera dopo essersi reso protagonista di un alterco con il direttore di gara al termine della sfida persa dai giovani rossoneri, a cui è stato aggregato per ritrovare condizione, contro il Chievo.

Piove sul bagnato, dicevamo, e soltanto oggi, dopo aver consultato i bollettini in arrivo dall'infermeria, Gennaro Gattuso potrà cominciare a progettare la formazione anti-Juve.

Vota anche tu!

Milan-Juventus: come andrà finire?

Leggi di più tra 5

Annulla redirect

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.