MotoGP: nuove regole su caschi, ECU, benzina e velocità in pit-lane

La GP Commission ha stabilito nuove regole per la prossima stagione MotoGP in materia di caschi, centralina, temperatura della benzina, freni e limiti di velocità in pit-lane.

Piloti MotoGP Getty Images

40 condivisioni 0 commenti

di

Share

Durante il week-end di gara a Sepang la Grand Prix Commission si è riunita per stabilire norme più severe in vista del Mondiale 2019 di MotoGP. Già lo scorso luglio erano state diramate norme più ferree in materia aerodinamica, con nuovi limiti di dimensione delle appendici e nella combinazione delle varie parti, senza la possibilità di rimuovere o cambiare parti aerodinamiche significative. Un altro giro di vite ha riguardato l'elettronica, con l'introduzione dell'IMU e la limitazione dei protocolli di comunicazione dei dispositivi CAN che si collegano alla centralina e verranno imposti nuovi limiti al tipo e alla quantità di informazioni che ciascun sensore trasmette alla centralina.

Per mettere fine al fenomeno dei "furbetti" dell'elettronica, in grado di alterare la logica del software con un numero di input non previsto dalla normativa Dorna, la GP Commission ha diramato una nuova regola che impone un identico connettore (CAN). il Direttore Tecnico della MotoGP (Danny Aldridge) potrà scaricare i dati direttamente dalla centralina sul PC ufficiale del team al fine di verificare che non ci siano state modifiche dalla registrazione originale. Una volta accertato che tutto sia in regola i dati verranno cancellati. 

Novità anche sulla temperatura del carburante. A Motegi i team hanno ricevuto una mail dal Direttore Tecnico con la quale si chiedeva la punzonatura del serbatoio del carburante. Il sospetto è che qualcuno lo sostituisse dopo i controlli della temperatura del carburante in modo da ottenere più potere combustibile dai 22 litri di benzina più freddi. Dal prossimo campionato di MotoGP il tempo di attesa tra la dichiarazione della temperatura ufficiale e l'inizio della gara è stato aumentato da 60 a 75 minuti. Questo per dare ai team più tempo per completare il processo di rifornimento.

Gran Premio di MotoGPGetty Images

MotoGP 2019: nuove regole su caschi, freni e velocità in pit-lane

Per perfezionare gli standard di sicurezza la GP Commission ha stabilito nuove regole anche in materia di omologazione dei caschi. LA Federazione Motociclistica Internazionale ha deciso un'omologazione unica per tutti i caschi. Alcuni produttori hanno già completato i test, altri effettueranno i test nelle prossime settimane. A Valencia sarà diramato un elenco dei caschi che sono stati approvati attraverso il programma di omologazione della Federazione e quelli la cui procedura è ancora in corso.

Sono state approvate specifiche più dettagliate nei materiali utilizzati per i tubi dei freni e le pompe dei freni. Infine l'ultima modifica al regolamento riguarda il rispetto dei limiti di velocità in pit-lane. Al momento esiste una multa standard di € 200 per il superamento del limite di velocità della corsia dei box. Dal 2019 i Commissari FIM potranno imporre sanzioni pecuniarie di entità maggiore per le infrazioni ripetute durante lo stesso GP o nel corso della stagione.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.