Champions League, le pagelle di Juventus-Manchester United 1-2: clamoroso allo Stadium

I bianconeri dominano gran parte della gara e passano con una magia di Cristiano Ronaldo, ma mancano il colpo del ko e nel finale subiscono una clamorosa rimonta da parte dei Red Devils che si prendono i tre punti.

265 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nella quarta giornata del Gruppo H di Champions League si affrontano a Torino Juventus e Manchester United: un tempo considerati un punto di riferimento, gli inglesi oggi non fanno più paura e anzi devono inseguire i bianconeri, a punteggio pieno dopo la vittoria di due settimane fa all'Old Trafford. Da allora i Red Devils, guidati da José Mourinho e protagonisti di un inizio di stagione complicato, hanno però collezionato due vittorie consecutive in campionato che hanno restituito loro morale.

Inutile nascondersi, la Champions League è l'obiettivo principale in questa stagione per la Juventus di Massimiliano Allegri, che schiera il miglior undici possibile ma deve rinunciare agli acciaccati Cancelo e Matuidi: al loro posto De Sciglio e Khedira, recuperato così come Chiellini al centro della difesa. In attacco tridente veloce, con Cristiano Ronaldo affiancato da Dybala e Cuadrado.

Nel Manchester United José Mourinho rinuncia ancora a Lukaku, ufficialmente infortunato, al centro dell'attacco: al suo posto opera Alexis Sanchez, affiancato da Lingard e un Martial ormai inamovibile al pari di Pogba, che torna a Torino da avversario in attesa - magari - di farlo in futuro attraverso il calciomercato. Matic è lo schermo davanti alla difesa a quattro, Shaw e il capitano Ashley Young i terzini chiamati a spingere. Si gioca davanti a oltre 41mila spettatori - record d'incasso per lo Stadium - sotto la guida del fischietto rumeno Ovidiu Hategan.

Massimiliano Allegri: per la sua Juve obiettivo Champions LeagueGetty Images

Champions League, le pagelle di Juventus-Manchester United

Pronti via e la Juventus sembra inaspettatamente in difficoltà: il Manchester United è spavaldo, lotta su ogni pallone e tiene il baricentro alto, pur non rendendosi mai pericoloso dalle parti di Szczesny. L'impressione però è che con un'accelerazione i bianconeri possono fare molto male, così a metà della prima frazione di gioco gli inglesi finiscono inevitabilmente per abbassarsi, pur cercando qualche sortita offensiva grazie alla velocità di Sanchez. Sono comunque i padroni di casa a rendersi più pericolosi: De Gea è reattivo su un cross di Cuadrado deviato pericolosamente da Smalling, quindi non potrebbe fare niente un minuto più tardi su una conclusione di Khedira, pescato solo al centro dell'area da Cristiano Ronaldo, ma la girata del tedesco finisce sul palo.

Champions League, Khedira sfida Pogba in Juventus-Manchester UnitedGetty Images

L'inizio del secondo tempo del Manchester United è identico al primo, molto aggressivo, ma presto la Juventus prende nuovamente il controllo delle operazioni e rischia di passare con un gran tiro di Dybala che colpisce la traversa. I bianconeri continuano a fare la partita, ma per passare serve una magia: a compierla è Cristiano Ronaldo, il protagonista più atteso della gara e della stagione, che su un lancio con il contagiri di Bonucci colpisce al volo e fa secco De Gea. A quel punto la Juventus potrebbe dilagare, ma Cuadrado fallisce per due volte il gol che chiuderebbe la gara mentre Mourinho opera dei cambi che si riveleranno decisivi.

Il Manchester United è una squadra molto fisica e capace di esercitare grande pressione nei minuti finali e con l'ingresso di Fellaini - che va a operare come centravanti - e Mata alza il proprio baricentro in modo determinante: improvvisamente la Juventus è sotto assedio, e prima subisce il pari su una punizione guadagnata con mestiere da Pogba e realizzata splendidamente proprio da Mata, quindi incassa l'1-2 ancora in seguito a un calcio piazzato battuto da Young e sfiorato da Fellaini di testa. Szczesny respinge, ma il pallone colpisce Alex Sandro e carambola in rete. È la rete che decide la gara: la Juventus incassa la prima sconfitta in Champions League, José Mourinho vendica la sconfitta dell'andata ribaltando l'ennesimo risultato nei minuti finali - ultimamente è una regola - e uscendo dallo Stadium con i tre punti.

Champions League, Mourinho saluta polemicamente lo StadiumGetty Images

Juventus (4-3-3): Szczesny 6; De Sciglio 6 (82' Barzagli 5,5), Bonucci 6, Chiellini 5,5, Alex Sandro 6; Khedira 6,5 (61' Matuidi), Pjanic 6, Bentancur 6,5; Cuadrado 5 (90' Mandzukic SV), Cristiano Ronaldo 7,5, Dybala 7. 

Manchester United (4-3-3): De Gea 6,5; Young 6,5, Smalling 6,5, Lindelof 6, Shaw; Herrera 5,5 (79' Mata 7), Matic 7, Pogba 6,5; Lingard 4,5 (70' Rashford 6), Sanchez 5,5 (79' Fellaini 7), Martial 5,5.

I migliori

Cristiano Ronaldo

Il gol numero 121 in Champions League - il primo con la maglia della Juventus - è una vera e propria perla, una conclusione al volo di rara bellezza e potenza che fulmina De Gea e sembra dare il via a una serata che purtroppo per lui e per i compagni avrà un esito inaspettato. Per gran parte della gara è il protagonista, ispirando i compagni e tenendo in costante apprensione la difesa inglese, ma non viene forse assistito al meglio. La delusione per il risultato passerà, lo straordinario gesto tecnico che sancisce l'inizio della sua storia bianconera in Europa no.

Cristiano RonaldoGetty Images

Nemanja Matic

Ammonito dopo pochi minuti, ha il pregio di non farsi condizionare dal giallo, mantenendo lucidità e svolgendo il proprio compito con grande puntualità: schermo davanti alla difesa e regista nelle rare occasioni in cui il Manchester United tenta di ripartire, ha il merito con il suo lavoro sporco di limitare i danni fino al momento in cui Mourinho cambia la partita con il doppio cambio Fellaini-Mata.

Nemanja MaticGetty Images

Juan Mata & Marouane Fellaini

Giocano poco più di dieci minuti ma hanno il pregio di cambiare completamente volto - e risultato - alla gara: Fellaini agisce come centravanti e poi, ribaltato il punteggio, come mediano e addirittura difensore entrando nell'azione che porta all'autogol di Alex Sandro, Mata ha il pregio di calciare una punizione decisiva, un pallone che pesa come un macigno, alle spalle di Szczesny firmando il pareggio.

Il Manchester United festeggia la vittoriaGetty Images

I peggiori 

Jesse Lingard

Rimane in campo più di un'ora, segno che Mourinho ha fiducia in lui, ma non riesce mai a rendersi pericoloso né a trovare la giusta collocazione in campo: troppo ruvido tecnicamente per agire come punta esterna, troppo leggero in fase di copertura, quando viene sostituito non saluta neanche il tecnico ma la colpa di una prova tanto deludente è soltanto sua.

Juan Cuadrado

Impossibile non considerare le due occasioni mancate sull'1-0 che avrebbero potuto chiudere una gara che nessuno immaginava si sarebbe riaperta. Peccato perché imprecisione sotto porta a parte è protagonista di una grande partita, ma sul risultato finale le reti divorate dal colombiano hanno un peso specifico non indifferente.

Cristiano Ronaldo consola CuadradoGetty Images

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.