Roma: si fa avanti un magnate ceco. Ma Pallotta non molla: vuole lo stadio

Incassato il no del Milan, Daniel Kretinsky, uno dei mille uomini più ricchi del mondo, starebbe pensando al club giallorosso. Ma il presidente non ha intenzione di mollare.

668 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Roma zoppica in campionato: un calciomercato che non è piaciuto ai tifosi - metafora - sta mettendo in difficoltà Di Francesco che si è trovato con un centrocampo rivoluzionato e senza il miglior portiere dell'ultima stagione.

Se poi aggiungiamo l'inchiesta sui casi di corruzione nella vicenda del nuovo stadio tanto sognato dal presidente Pallotta e la contestazione degli ultras, il momento del club giallorosso si fa ancora più complesso.

Ma il fascino della Città Eterna - da Romolo e Remo alla Grande Bellezza - è sempre irresistibile e la Roma, delle due società capitoline, è quella che, a cominciare dal nome, maggiormente lo rappresenta.

Roma: James Pallottagetty

Serie A, Roma: ti vuole un magnate ceco

Un fascino che, stando alle rivelazione del Corriere della Sera, deve aver colpito l'imprenditore ceco Daniel Kretinsky, titolare del gruppo energetico EPH, attivo in tutta Europa, dove impiega 25mila lavoratori e ha entrate per 6 miliardi di euro, con un utile netto di 800 milioni. Coproprietario dello Sparta Praga, il connazionale di Patrik Schick è un grande appassionato di calcio, tanto da aver tentato, pare, la scalata al Milan. Ma la sua offerta da 600 milioni sarebbe stata respinta da Elliott.

I tifosi della Roma hanno già scatenato facili ironie sui social, ma Kretinsky, va ricordato, ha un patrimonio netto di 2.6 miliardi di euro, che lo colloca fra i mille uomini più ricchi del mondo nella classifica di Forbes. E ora sembra davvero deciso a trattare con Pallotta. Se a Trigoria giurano che la Roma non è in vendita, alla fine la differenza, si sa, la fanno le cifre che verranno eventualmente messe sul tavolo.

Intanto Pallotta pensa al nuovo stadio

James Pallotta, intanto, si muove come uno che non ha la minima intenzione di mollare le redini del club e in testa ha sempre il discorso del nuovo stadio, che il presidente è ancora deciso a costruire, anche perché il club giallorosso non è stato coinvolto nell’inchiesta che ha al centro Parnasi e Lanzalone. E anche se i tempi si allungano Pallotta ci metterà pazienza: lo stadio è considerato elemento indispensabile per far crescere i ricavi. Che poi ne vada a usufruire l'attuale management o venga utilizzato come sostanziosa plusvalenza in caso di cessione è prematuro per dirlo.

Roma: progetto del nuovo stadiogetty

 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.