Football Leaks, Tebas: "Sempre detto che PSG e Manchester City baravano"

Il presidente della Liga ha parlato delle rivelazioni di Football Leaks che accusano la Uefa di aver favorito i due club: "Confermata la mancanza di trasparenza".

451 condivisioni 0 commenti

di

Share

Chi lo conosce si aspettava un fiume in piena. Sanguigno e appassionato com'è, era pensabile che Javier Tebas avrebbe reagito in altro modo alle ultime rivelazioni di Football Leaks - l'inchiesta del pool composto da l'Espresso, der Spiegel e l'Equipe - sui presunti favoritismi che la Uefa avrebbe riservato a PSG e Manchester City in merito al Fair Play Finanziario.

E invece il presidente della Liga sembra aver scelto di travestirsi da quell'omino del proverbio cinese che si siede sulla riva del fiume ad aspettare che passi il cadavere del suo nemico.

Le sue denunce contro quei club che secondo lui erano la rovina del calcio, del resto, erano state talmente tonanti in passato che ora Tebas può permettersi di tenere il profilo basso e godersi il momento: la vendetta è un piatto da servire freddo.

Football Leaks: Tebas e le confermegetty
Il presidente della Liga Javier Tebas

Football Leaks, Tebas: "Ho sempre denunciato le irregolarità di PSG e Manchester City"

Non che Tebas si neghi ai commenti, naturalmente: Football Leaks ha tolto l'innesco e la bomba può essere devastante, ma le sue parole ad As sono meditate e in qualche modo misurate:

Il tempo porta giustizia. Io ho sempre denunciato il fatto che PSG e Manchester City imbrogliavano. Era ovvio e chiaro. Che la Uefa di Platini e Infantino fosse troppo permissiva e mancasse di trasparenza era altrettanto evidente. Speriamo che adesso questi comportamenti siano scomparsi in Uefa.

Il muro di gomma

Che il Fair Play Finanziario fosse un istituto per molti ma non per tutti, il presidente della Liga lo andava denunciando da anni, ma la sua pareva una voce che predicava nel deserto. Il muro di gomma non si scalfiva, i club degli sceicchi continuavano a fare il bello e il cattivo tempo gonfiando le proprie entrate attraverso contratti fittizi che avrebbero goduto, secondo quanto emerso da Football Leaks, della "copertura dell’Uefa". A questo punto Tebas invoca l'intervento dei comitati etici di Fifa e Uefa e prova anche a distinguere fra l'Uefa di Platini e quella in carica:

La denuncia è già in atto e attendiamo le decisioni dell'attuale UEFA. Sulla credibilità di Infantino, studieremo la documentazione. Al momento non possiamo valutare ulteriormente.

Tebasgetty

Quali provvedimenti adottare

Più duro nel merito è Marca che fa sua una colorita espressione attribuita a Tebas - "Abbiamo beccato il PSG che orinava nella piscina" - e ricorda che l'inchiesta di Football Leaks, composta da 70 milioni di documenti, ha scoperchiato presunti comportamenti ampiamente illeciti da parte di due club-stato (PSG-Qatar e City-Emirati), tollerati e coperti colpevolmente dall'Uefa. A fronte del fatto che altri club europei sono stati duramente puniti dalla stessa UEFA per squilibri economici infinitamente minori, il quotidiano prende posizione e chiede che le misure da adottare siano severe ed esemplari, arrivando se necessario anche all'immediata espulsione di PSG e Manchester City dalla Champions League.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.