Calciomercato, Roma su Ongenda: scout giallorossi in missione

L'ex giovane fenomeno del PSG è senza dubbio il più grande giocatore del campionato rumeno. E adesso oltre a Cluj e Steaua Bucarest anche la Roma pensa a lui per il futuro.

85 condivisioni 0 commenti

di

Share

Quando il talento ti affascina c'è poco da fare. Il calcio è così: classe, passione, estro e volontà sono componenti che fanno innamorare. Proprio come le caratteristiche di Hervin Ongenda, trequartista nato nel 1995 e cresciuto nel PSG, club in cui passò dal realizzare addirittura 200 gol in un singolo campionato giovanile fino all'assist per uno dei meravigliosi gol di tacco di Ibrahimovic. Predestinato, già. Da Parigi, poi, dopo aver stregato Blanc e Leonardo, Ongenda è stato protagonista di una girandola di esperienze in giro per l'Europa. Il tutto fino ad oggi, dove con la maglia del Botoșani sta conquistando a suon di giocate da fenomeno tutti gli addetti ai lavori della massima divisione rumena. Cluj e Steaua Bucarest, le più forti squadre del paese, sono già entrate in duello per assicurarsi le sue prestazioni, ma c'è di più. Di mezzo, infatti, si sono accese le sirene del calciomercato Roma.

I giallorossi hanno puntato i riflettori su di lui. Il giovane talento francese rappresenta l'ultima idea di Monchi, l'uomo attorno a cui gravità proprio il calciomercato Roma. Il ds spagnolo ha infatti riposto il nome del classe 1995 suo sul personale taccuino. Ongenda è un trequartista formato tascabile di 169 cm, ma sa farsi valere anche come seconda punta o come esterno d'attacco. Raramente utilizzato come mezz'ala, ma anche in mediana è riuscito a farsi valere. Quasi una scommessa, quella dei capitolini, intenzionati a riportare alla luce e nel calcio che conta il talento dell'ex PSG, ora in forza al Botoșani nella Liga I rumena. Un torneo dove continua a far parlare di sé, grazie alle sue giocate fuori dall'ordinario.

Gli uomini di Pallotta sarebbero già pronti a volare in Romania per visionarlo da vicino e con massima attenzione. Questa sera ci saranno anche gli osservatori giallorossi allo Stadionul Municipal per vederlo all'opera contro la squadra che comanda il campionato rumeno, il Cluj. E proprio la società del presidente Muresan, in compagnia di un'altra grande della Romania come la Steaua Bucarest, avrebbero messo gli occhi sul talento francese. Ma non basta. Anche Udinese e Spal avrebbero spostato la loro attenzione su Ongenda. Tutte pronte a sguinzagliare i propri scout. La scadenza del contratto corrisponde al 30 giugno 2020. Poi si potrà partire con le trattative, a partire da una base di 1,5 milioni.

Calciomercato Roma: si pensa a OngendaGetty Images
La classe di Ongenda, l'ex O Fenomeno del PSG

Calciomercato Roma, sul taccuino c'è il nome di Ongenda

Potente, lineare, eccentrico e determinato: caratteristiche da "O Fenomeno", un po' come il Ronaldo brasiliano ex Inter, da sempre il suo idolo. Questione di tecnica e gol: dai 18 segnati nel 2007 in un torneo in Spagna - quando gli scout del PSG s'innamorarono di lui - fino alle 200 reti realizzate in una sola stagione durante le giovanili. Già, roba impossibile solo a pensarci, eppure reale e certificata dai numeri.

Ongenda è un giocatore davvero intelligente, ma soprattutto è dotato di un talento nettamente al di sopra della media.

Parole speciali rilasciate dall'allora tecnico del PSG Blanc dopo la prima rete ufficiale di Ongenda, un sigillo prezioso messo a segno nella finale del Trophèe des Champions (Supercoppa francese) nell'annata 2013/14. Il ragazzo, entrato al posto di Pastore a 18 minuti dal termine col risultato ancora fermo sull'1-0 per il Bordeaux, in soli dieci minuti sfruttò un assist di Ibrahimovic e pareggiò la partita poi vinta dai parigini. Zero pressioni e solo voglia di spaccare il mondo. Dal primo gol ad un assist storico, quello per il meraviglioso gol di tacco di Zlatan contro il Bastia in Ligue 1. Livelli di predestinazione assoluti, tocchi da genio. E occhi degli scout tutti su di lui. Dopo Parigi la luce di Ongenda si è spenta, le esperienze prima al Bastia e poi allo Zwolle in Olanda avevano annebbiato il suo talento, ma adesso - dopo una breve avventura in Spagna al Real Murcia - con la maglia del Botoșani sta di nuovo stupendo l'Europa. Dalla Romania all'Italia, dove gli scout del calciomercato hanno deciso di partire in missione proprio per la prossima partita contro il Cluj.

Le pretendenti

Fin qui dodici presenze nel campionato rumeno, condite da un gol e un assist più un'infinità di giocate da talento vero. Agile, potente e con una velocità di pensiero da leader massimo. Carattere da stella, forse un po' eccentrico, ma con una personalità che gli permette di non accusare le pressioni. Ongenda è un calciatore che porta allegria in campo, i suoi tocchi in stile brasiliano lo distinguono dalla massa di giovani talenti. E a oggi, secondo gli addetti ai lavori, è senza dubbio lui il giocatore più forte in circolazione nel campionato rumeno. Motivo per cui la Roma lo visionerà attentamente da qui in avanti. Il tutto nel segno di un'operazione che, potenzialmente, potrebbe rappresentare un nuovo caso Piatek: ovvero quello di un fenomeno pescato da un campionato minore ma già pronto a stupire la Serie A.

E se Cluj e Dinamo Bucarest, complice anche la vicinanza geografica, sono le pretendenti numero uno per il calciomercato di gennaio, allo stesso tempo anche SPAL e Udinese manderanno degli emissari per tenerlo d'occhio da vicino. Il contratto di Ongenda scadrà il 30 giugno 2020, ma a gennaio difficilmente lo si vedrà ancora con la maglia del Botoșani, attualmente nona in classifica.

Caratteristiche di un eletto

Un paragone? Ongenda ricorda N'Golo Kanté, tuttavia Hervin si muove dalla trequarti in avanti rispetto alle caratteristiche di contenimento del centrocampista del Chelsea. Ongenda è stato promosso da tutti. Da Ibrahimovic e Cavani passando per Leonardo e Ancelotti: referenze importanti per un bagaglio tecnico infinito. Il tutto caratterizzato da un allegria contagiosa unita a una voglia immensa di stupire. Tra magie e le tirata d’orecchie per qualche ritardo agli allenamenti, motivo per cui lo sceicco Nasser Al-Khelaifi decise di comprargli una nuova casa attaccata al centro sportivo. Gesto simbolico per dimostrargli quanto fosse importante. Talento divino: ambidestro, ala perfetta per un 4-3-3 o 4-3-2-1 tra estero e agilità. Ongenda vede il calcio prima degli altri e lo accende grazie alla sua velocità facilitata anche dai 169 centimetri di altezza, pochi ma sufficienti per passare in mezzo con scioltezza alle maglie avversarie. E poi i gol, segnati in ogni modo, poco importa che sia un tiro dal limite o un dolce pallonetto, perché Hervin prende palla e ti conquista: proprio come sta facendo con la Roma.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.