Serie A, Allegri: "Juventus, niente cali. Barça in pole per la Champions"

Alla vigilia del match contro il Cagliari il tecnico vuole concentrazione e parla di Cristiano Ronaldo, delle rivali in Italia e anche di Champions: "Barcellona favorito".

228 condivisioni 0 commenti

di

Share

La Serie A non è terra di conquista designata della Juventus. Almeno nel pensiero di Allegri che cerca di mantenere alta la tensione dei suoi giocatori alla vigilia del match di sabato 3 novembre che alle 20.30 vedrà i bianconeri opposti al Cagliari sul prato dell'Allianz.

Troppe le vittorie di misura quest'anno per non far suonare campanelli d'allarme nella testa del tecnico livornese, un perfezionista che non riesce a tollerare il clima da campionato già vinto che circola intorno alla sua squadra fin da questa estate.

Un clima che rischia di insinuare sensazioni errate e pericolose nella testa di qualche giocatore e di condizionarne l'atteggiamento, vedi il pareggio interno contro il Genoa di due settimane fa:

Anche ad Empoli abbiamo avuto difficoltà oggettive, ma siamo riusciti a fare risultato positivo alla fine. Per questo dico che vincere le partite non è semplice.

Serie A: Juventusgetty

Serie A, Allegri: "Juventus, serve concentrazione"

Quella contro i sardi è una partita da vincere, mantenendo alta la concentrazione, perché secondo Allegri bisogna avere rispetto per tutti e poi Inter e Napoli sono lì, non troppo lontani. La Serie A richiede più attenzione perché il campionato è lungo e non si possono lasciare punti per strada, mentre in Champions League ci sono meno partite, pur se di livello più alto.

Champions League: "Barcellona favorito"

E a proposito di Champions League, il tecnico juventino non gradisce il peso dei favori del pronostico e, pur non negando che la Coppa è il grande obiettivo della stagione bianconera, prova a nascondersi:

Ci vuole anche un po’ di fortuna. A noi manca solo la vittoria finale che non deve però essere un’ossessione. Quest’anno la candidata a vincere la Champions è il Barcellona, basta vedere le partite, e non guardarle. Noi siamo tra le prime quattro.

Allegri Mourinhogetty
Il saluto fra Allegri e Mourinho dopo l'ultimo match di Champions League

Rientra Cancelo

Tornando al match di Serie A contro il Cagliari, Allegri dà qualche indicazione sulla formazione: Chiellini e Bernardeschi non saranno della partita, in porta giocherà Szczesny - "Perin ha grandi prospettive" - a destra Cancelo e a sinistra probabilmente De Sciglio per dare respiro ad Alex Sandro, mentre davanti ammette di dover ancora decidere  chi affiancare a Cristiano Ronaldo fra Manzukic, appena rientrato in gruppo insieme a Khedira, Dybala e Douglas Costa.

Cristiano Ronaldo e le punizioni

Avere in squadra uno come il portoghese è un privilegio e Allegri non lo nasconde:

Quando hai giocatori simili è ovvio che ti aspetti che facciano gol. Ma da noi segnano anche gli altri, domani dobbiamo provare a segnare su palla inattiva, cosa ancora non successa quest’anno. Da lontano è più facile tiri Ronaldo, da vicino Dybala e Pjanic sono più pericolosi. Cristiano è un ragazzo intelligente, sa che Dybala e Pjanic tirano bene, quindi abbiamo deciso che quando sono vicine battono loro due.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.