Rivelazione shock di Der Spiegel: "Infantino ha coperto City e PSG"

Il giornale tedesco lancia una dura accusa al presidente della FIFA che ai tempi in cui era segretario UEFA sarebbe intervenuto per evitare sanzioni ai due club.

129 condivisioni 0 commenti

di

Share

Nuova, clamorosa inchiesta del giornale tedesco Der Spiegel. Dopo aver rivelato la riapertura del caso sulle presunte violenze sessuali di Cristiano Ronaldo, la testata tedesca ha pubblicato nuove rivelazioni che riguardano tutte le più alte sfere del calcio mondiale.

L'accusa più pesante è mossa nei confronti dell'attuale presidente della FIFA, Gianni Infantino. Il dirigente sportivo sarebbe infatti intervenuto in prima persona ai tempi in cui era segretario generale della UEFA per impedire alcune sanzioni a Manchester City e Paris Saint-Germain nell'ambito del fair play finanziario.

La rivelazione fa parte dell'ampio filone dell'inchiesta di Der Spiegel denominata "Football Leaks" grazie al quale il giornale sarebbe entrato in possesso di documenti riservati che proverebbero la collusione di Infantino e persino un progetto che comprende tutte le più grandi società del mondo.

Infantino al centro della buferaGetty Images

Rivelazione shock di Der Spiegel: "Infantino coprì PSG e Manchester City"

Stando ai documenti raccolti (più di mille pagine) Infantino insieme a Platini avrebbe evitato le sanzioni per i due club che sarebbero controllati direttamente dai governi autoritari presenti nelle nazioni del Golfo Persico: il Qatar ad esempio avrebbe versato nel 2012 quasi 2 miliardi nelle casse del Paris Saint-Germain, cosa che avrebbe chiaramente violato le regole del fair play finanziario. In 7 anni invece al Manchester City sarebbero arrivati circa 2,7 miliardi di euro grazie a contratti di sponsorship gonfiati.

La UEFA sarebbe stata però a conoscenza di tutto e il duo composto da Platini e Infantino avrebbe trovato un accordo con il presidente del PSG Al-Khelaifi per evitare le sanzioni (come l'esclusione dalle coppe) e avere una multa molto meno salata del dovuto.

Alcune accuse prefigurano anche un coinvolgimento dell'allora premier francese Sarkozy che avrebbe assicurato al patron del club parigino che se avesse comprato il PSG, Platini avrebbe fatto in modo di assegnare i Mondiali 2022 al Qatar.

Queste accuse sono ovviamente tutte da provare ma i documenti mostrerebbero un'opera meticolosa da parte di Infantino alla fine del 2017 per modificare e indebolire alcune parti del codice etico e permettere ulteriori violazioni. Si attende ora la risposta da parte di FIFA, UEFA e dello stesso Infantino. Ma la vicenda Football Leaks promette di far tremare ancora il calcio.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.