IFAB, revisione delle regole: cosa può cambiare nel mondo del calcio?

Nessuna ribattuta sul rigore, nuova definizione del fallo di mano e modifiche nelle sostituzioni, con tanto di stop del cronometro. Idee percorribili?

580 condivisioni 0 commenti

di

Share

Le ultime settimane del 2018 potrebbero portare ad uno stravolgimento nel mondo del calcio. L'IFAB, International Football Association Board, ha intenzione di apportare delle modifiche al regolamento, puntando l'attenzione del proprio lavoro su 3 aspetti di massima importanza.

Ciò che verrà preso in analisi dal Comitato consultivo è il cambiamento di regole per quel che riguarda il momento del calcio di rigore, il fallo di mano e le modalità con cui si effettueranno le sostituzioni. A ciò si aggiunge una conseguente modifica delle sanzioni, ma il punto principale della controversia è il raggiungimento di un metodo comune e oggettivo che non lasci spazio ad interpretazioni e punti interrogativi nell'applicazione del regolamento.

La prossima riunione dell'IFAB è prevista per martedì 6 novembre a Londra. Il summit imminente potrebbe essere la prima occasione per discutere dei 3 cambiamenti in questione, che rispondono a situazioni di gioco più dettagliate.

L'IFAB al lavoro: come può cambiare il calcio?Getty Images
L'IFAB al lavoro: come può cambiare il calcio?

L'IFAB cambia le regole del calcio?

Nella riunione di Londra, il Comitato consultivo vedrà la presenza di un gruppo di quattro associazioni locali che fanno capo all'IFAB, ognuna delle quali dispone di un voto, e un organo unico della FIFA, che può contare su 4 voti. Per approvare la discussione delle modifiche sono necessari 6 voti: in caso di quorum, se ne riparlerà ufficialmente nell'assemblea generale di marzo. Il ritocco del regolamento, poi, potrà esserci dopo il confronto tra due panel incaricati dall'IFAB, quello di calcio e quello tecnico. Il primo è composto da ex calciatori, allenatori, direttori tecnici e membri FIFPro, il secondo è formato da una commissione di ex arbitri di tutte le confederazioni.

La ribattuta su calcio di rigore

La prima modifica che l'IFAB prenderà in considerazione sarà lo svolgimento del calcio di rigore. Il punto della discussione è il metodo "one-shot", ovvero l'interruzione dell'azione dopo il contatto con il portiere o pali e traverse. Non ci sarebbe possibilità di ribattere in rete un pallone respinto: l'idea ha come obiettivo quello di scoraggiare l'ingresso in area dei calciatori durante la rincorsa del rigorista. Un gol come quello di Pogba contro l'Everton, segnato dopo la respinta di Pickford, non sarebbe più valido.

Il fallo di mano "deliberatamente" volontario

L'argomento più controverso è indubbiamente legato all'intervento con le mani. Il Comitato consultivo dovrà chiarire definitivamente il significato della parola "deliberatamente", in modo da rendere univoci la lettura del regolamento e l'intervento dell'arbitro. Sotto esame, in caso di approvazione della discussione, sarà la Legge 12 delle Regole del gioco della FIFA, alla voce Falli e cattiva condotta, in cui si dice che si assegna una punizione o una penalità se il giocatore "prende deliberatamente la palla con le mani". Il caso di Gremio-River Plate, con un rigore decisivo assegnato nei minuti di recupero, potrà essere un punto di partenza per l'analisi della regola.

Sostituzioni da altri lati del campo e stop del cronometro

Per evitare perdite di tempo e conseguente nervosismo da parte degli avversari, l'IFAB potrebbe introdurre una strategia in grado di velocizzare le sostituzioni. In primis, il giocatore sostituito dovrà abbandonare il terreno di gioco raggiungendo il punto più vicino a sé, evitando di camminare o correre a piccoli passi verso la panchina in caso di decine di metri da coprire. Inoltre, prende piede l'idea del tempo effettivo: stop al cronometro durante i cambi, come avviene a gioco fermo in basket e futsal.

Manchester City KompanyGetty Images
Guardiola e Kompany aspettano l'uscita di Silva: l'IFAB potrebbe stoppare il cronometro

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.