Juventus, Report: disposta la riesumazione della salma di Bucci

La Procura di Cuneo ha disposto la riesumazione del cadavere dell'ex ultrà della Juventus Raffaello Bucci. L'indagine di Report segna una svolta nelle indagini?

769 condivisioni 0 commenti

di

Share

Ha fatto molto rumore il servizio della trasmissione Report, in onda su Rai 3, sulla vicenda riguardante la Juventus e il suo coinvolgimento nell'inchiesta Alto Piemonte, con la vendita di biglietti e abbonamenti da parte della società a ultras e gruppi organizzati. Adesso c'è voglia di fare luce su quella zona grigia tra vertici societari, intermediari, ultras e criminalità organizzata, con la diffusione del bagarinaggio e un tentativo di infiltrazione mafiosa nel club di Torino. Una vicenda che racchiude il suicidio di Raffaello Bucci, ex tifoso della Juve morto nel luglio di due anni fa dopo un volo di oltre ventitre metri da un viadotto dell’autostrada Torino - Savona.

Una settimana dopo la prima puntata di Report sui rapporti tra Juventus, ultras e 'Ndrangheta, il programma di Rai 3 ha mandato in onda delle nuove intercettazioni tra Alessandro D'Angelo, security manager della società bianconera ed esponenti dei gruppi della tifoseria organizzata. All'indomani della puntata del 22 ottobre il presidente Andrea Agnelli ha etichettato i fatti dell'inchiesta come vicende già acclarate "in ogni sede" e difeso D'Angelo circa una sua responsabilità dell'ingresso dei striscioni "canaglia" sulla strage di Superga. Ma a quanto pare molte intercettazioni e testimonianze non sono state prese in considerazione dalla magistratura.

Nelle nuove intercettazioni mandate in onda lunedì scorso, D’Angelo, parlando con Rocco Dominello, figlio del boss Saverio, pur di non avere problemi con i tifosi in vista del derby col Torino, dice chiaramente al pregiudicato che è pronto a tutto pur di scongiurare uno sciopero della curva e lasciare campo aperto ai "bovini". Report ha portato come prova anche una rivelazione della compagna di Bucci, Gabriella Bernardis, che ha rivelato come l'ingresso di quei due striscioni fosse stato organizzato giorni prima con la collaborazione di D'Angelo.

Tifosi allo Juventus Stadium di TorinoGetty Images

Caso Bucci: svolta nelle indagini sull'ex ultrà della Juventus

Ma ci sono ulteriori risvolti dopo l'inchiesta del programma di Rai 3. La procura di Cuneo, che ha aperto un fascicolo con l’ipotesi di reato di “Induzione al suicidio”, ha predisposto nuove analisi ed ulteriori indagini. “Stiamo facendo vari accertamenti, il lavoro è in corso. Adesso stiamo lavorando e tutto quello che dovrà essere fatto sarà fatto”, ha detto il neo procuratore di Cuneo Onelio Dodero. L'avvocato Paolo Verra, che tutela il figlio di Raffaello Bucci, dopo aver scongiurato l'archiviazione dell'inchiesta aveva chiesto alla procura cuneese anche la riesumazione del corpo dell'ex ultrà bianconero, al fine di effettuare nuove perizie su quel che resta del cadavere e accertare se sul corpo ci siano lividi o segni che non siano compatibili con la caduta dal viadotto e che facciano pensare a un violento pestaggio prima del volo dal ponte. Attraverso l’apertura del loculo, nel cimitero di Cuneo, si potrà inoltre accertare se all’interno vi siano documenti o oggetti utili alle indagini.

Il nuovo procuratore capo di Cuneo, dopo la messa in onda dell'inchiesta di #Report, ha disposto la riesumazione del cadavere di Raffaello Bucci, ex ultrà e dipendente della Juventus precipitato nel luglio del 2016 da un viadotto dell'autostrada Torino-Savona - si legge in un messaggio social del programma -. Un grandissimo passo avanti per la famiglia e per il figlio di Raffaello.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.