Chi era Vichai Srivaddhanaprabha, il proprietario del Leicester

Nato il 4 aprile 1958, era sposato e aveva 4 figli. Acquistò il club nel 2011.

2k condivisioni 0 commenti

Share

Quando Vichai Srivaddhanaprabha acquistò nel 2010 il Leicester da Milan  Mandarić il club era ancora in Championhsip, e nessuno osò immaginare che solo 6 anni dopo quella squadra avrebbe messo in riga tutte la grandi della Premier League, laureandosi campione d'Inghilterra.

I protagonisti sul campo e in panchina di quella stagione memorabile furono tra gli altri Claudio Ranieri, Jamie Vardy e Riyad Mahrez, ma nulla sarebbe stato possibile senza la solidità di una società che nel giro di pochi anni riuscirà nell'impresa di portare il club a fare addirittura il suo esordio in Champions League.

Nato a Bangkok il 4 aprile 1958, sposato con Aimon e padre di quattro figli (Voramas, Apichet, Arunroong e Aiyawatt), Vichal Srivaddhanaprabha è l'esempio di self-made man: la prima pietra della sua enorme fortuna, stimata intorno ai 4 miliardi di dollari, fu posata nel 1989, quando aprì il primo duty shop in Thailandia con il brand King Power. Da allora il suo marchio visse una crescita esponenziale, moltiplicandosi in tutti gli aeroporti della nazione.

Vichai Srivaddhanaprabha, chi è il proprietario del Leicester

Il primo passo alla scalata del club avvenne con un contratto di sponsorizzazione di circa 38 milioni di sterline, da quel momento sulle magliette del Leicester campeggiò il nome della sua società. Divenne presidente della squadra nel gennaio del 2011, e subito promise investimenti consistenti per portare il club tra le prime squadre d'Inghilterra. Dopo la promozione in Premier League nel 2014, il 13 luglio sulla panchina delle Foxes arrivava Claudio Ranieri, che guidò Vardy e compagni alla conquista di un titolo che resterà nella storia di questo sport.

Appassionato di polo, Vichai  Srivaddhanaprabha era proprietario anche di un altro club di calcio, l'OH Leuven, che milita nella massima serie belga. Una curiosità sul suo cognome: in italiano significa 'luce di gloria crescente', e gli fu conferito direttamente dal re della Thailandia Bhumibol nel 2013, come riconoscimento del suo successo negli affari e del suo impegno nel sociale. 

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.