Barcellona, Dembelé: la panchina per punire il ritardo, ma il club nega

Il francese sarebbe stato escluso da Valverde perché arrivato allo stadio in ritardo di 25 minuti per il match contro l'Inter. Ma il club fornisce un'altra versione.

337 condivisioni 0 commenti

di

Share

Niente da dire: l'altra sera nel terzo turno della fase a gironi della Champions League il Barcellona, senza Messi, ha schiantato l'Inter, senza Nainggolan. Il verdetto ha sicuramente rispecchiato i valori in campo.

Ma pure quelli in panchina non erano da buttar via. Basti pensare che i Blaugrana hanno finito l'incontro tenendo inutilizzati quattro giocatori - Cillessen, Chumi, Malcom, Dembélé - per un valore totale complessivo di circa 200 milioni, contro i circa 70 dei nerazzurri (Padelli, De Vrij, Ranocchia, Vrsaljko).

Il dato che fa più impressione è quello che riguarda Ousmane Dembelé, l'esterno francese arrivato nell'estate 2017 dal Borussia Dortmund per 115 milioni, il secondo Under 21 più costoso di tutti i tempi, dietro solo al fenomeno Kylian Mbappe.

Barcellona: Dembelégetty

Barcellona, Dembelé arriva in ritardo e va in panchina: il club nega

Ebbene da un tesoretto di questo livello ci si aspetterebbe un rendimento quanto meno in linea, ma per il giovane francese non è stato così, almeno per il momento. La scorsa stagione, fra infortuni e scelte tecniche, infatti, ha giocato soltanto 24 partite - poco più di un terzo di quelle disputate complessivamente dal Barcellona - segnando 4 reti. E anche quest'anno, nonostante sembrasse essere partito col piede giusto, le cose non stanno andando meglio, visto che ha già saltato due match di Champions League su tre e in Liga è rimasto 90 minuti in campo in una sola occasione.

Barcellona: Dembelégetty

Fonti spagnole parlano di rendimento discontinuo e scarsa applicazione in allenamento, tutte caratteristiche che Valverde non perdona. Secondo Deportes Cuatro, poi, Dembelé non brilla neppure per puntualità, tanto che la sua esclusione contro l'Inter sarebbe dipesa dal fatto che il ragazzo si sarebbe presentato al Camp Nou alle 19.25 anziché alle 19.00 come richiesto dallo staff tecnico. 

Dembélégetty

Rafinha ringrazia

Mundo Deportivo, poi, ha calcato la mano ricordando come nei mesi scorsi Gerard Piqué, parlando del gruppo WhatsApp dei giocatori blaugrana, avesse confessato:

Il gruppo serve per comunicarci gli orari degli allenamenti e dei ritrovi ed è perfetto per avvertire Dembélé, che è sempre in ritardo.

Il Barcellona, però, ha deciso di prendere, almeno per il momento, le difese del giocatore, sostenendo che l'appuntamento allo stadio era fissato per le 19.20 e che quindi il giocatore sarebbe arrivato - più o meno - in orario. Rimane comunque il mistero di quel capitale tenuto in panchina, proprio nel momento in cui l'infortunio di Messi avrebbe potuto dargli le chiavi della squadra. Rafinha, intanto, carica l'orologio e ringrazia.

Share

Commenta

Ti potrebbe interessare anche:

Questo sito internet utilizza cookie tecnici e di profilazione, anche di terze parti, per migliorare la tua esperienza di navigazione, analizzare l’utilizzo del sito e per proporti pubblicità in linea con le tue preferenze. Puoi saperne di più o per negare il consenso ad alcuni a tutti i cookie clicca qui Informativa sui Cookies. Chiudendo questo banner, cliccando in seguito o continuando a utilizzare il sito, acconsenti all’utilizzo dei predetti cookie.